Google+

Boeing scomparso, i familiari delle vittime cinesi protestano

marzo 25, 2014 Chiara Rizzo

I parenti di 152 vittime dell’aereo precipitato nell’Oceano indiano hanno protestato davanti all’ambasciata malese a Pechino. Il viceministro degli Esteri: «Il governo malese chiarisca»

I parenti delle vittime cinesi protestano davanti all’ambasciata malese

Un centinaio tra i familiari dei 152 passeggeri cinesi del Boeing 777 della Malaysia airlines hanno protestato ieri davanti alla sede dell’ambasciata malese di Pechino, proprio mentre arrivava la conferma ufficiale che l’aereo era precipitato la mattina dell’8 marzo nell’oceano indiano, al largo di Perth.

«VERITA’ NASCOSTA». I familiari delle vittime cinesi hanno marciato davanti all’ambasciata, poi hanno lanciato bottiglie di plastica contro i cancelli, tentando di far irruzione, al grido di «Bugiardi!». Il premier malese ieri aveva spiegato ai giornalisti che il governo aveva informato tutti i parenti delle vittime via sms, esprimendo cordoglio e scrivendo che “al di là di ogni ragionevole dubbio l’aereo è precipitato”. Ieri però i manifestanti cinesi per circa tre ore hanno continuato a gridare «Diteci la verità sui nostri cari!», malgrado intorno alla sede diplomatica fossero state dispiegate le forze di polizia. Quando la folla ha proseguito il lancio di bottigliette d’acqua sugli agenti, i poliziotti hanno disperso la folla. Ma prima di andare via i parenti sono riusciti a consegnare una lettera di protesta all’ambasciata, in cui hanno denunciato che non sarebbe stata detta loro tutta la verità sul destino del Boeing 777. Secondo i parenti, infatti, il governo di Kuala Lumpur ha nascosto di proposito alcune informazioni, pur sapendo già da tempo che il velivolo era precipitato in mare.

LA CINA: «DITECI COME AVETE VALUTATO». Il governo cinese è quindi intervenuto in prima linea nel caso, chiedendo al governo malese di consegnare i dati satellitari che avrebbero permesso di accertare la sorte del Boeing 777. Il vice ministro degli Esteri cinese Xie Hangsheng è intervenuto attraverso l’ambasciatore della Malaysia a Pechino: «Chiediamo alla parte malese di chiarire su quale base esattamente è stata fatta questa valutazione

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. carolus says:

    Conoscendo la mentalità cinese, non mi stupirei se la Cina stesse preparando qualche azione economica contraria agli interessi malesi.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi