Google+

Quanti pensieri tremendi dietro a un «buongiorno»

febbraio 24, 2014 Annalisa Teggi

suicidi_lavoroQuando vidi costui nel gran diserto,/ «Miserere di me», gridai a lui (Inferno, canto I)

Capita, forse troppo di rado, di svegliarsi riposati e in armonia col mondo. In questi rari momenti accade che tutto quel che ci sta attorno, pur essendo il solito panorama, ci pare incantevole: il caffè, la strada, una canzone alla radio, il saluto del collega sembrano darci il benvenuto nella giornata che ci attende. Con lo stesso buonumore anche il signor Pickwick – ci dice Dickens – si trovò un mattino a far colazione in riva a un fiume. E mentre indugiava estasiato a osservare le nubi, i prati e i pescatori indaffarati, gli si sedette accanto un uomo, un semplice conoscente.

Dopo i convenevoli di rito, quell’uomo all’improvviso se ne uscì dicendo tranquillamente a Pickwick: «V’è mai venuta l’idea, in una mattina come questa, che l’annegarsi potrebbe essere la felicità e la pace? (…) Io ci ho pensato più di una volta, mi pare che quell’acqua calma, fresca, vada mormorando un invito al riposo. Un tonfo, uno sprazzo, una breve lotta; nel primo momento si forma un vortice, poi l’onda s’increspa e gorgoglia; le acque si son chiuse sul vostro capo, e il mondo s’è chiuso per sempre sulle vostre miserie. (…) Andiamo, basta così. Io volevo dirvi tutt’altra cosa».

Chissà quante volte in ufficio, a scuola, al bar ci sta accanto qualcuno a cui passano per la testa pensieri pressanti e tremendi. Chissà dietro quanti «buongiorno» e «buonasera» è nascosto il dramma di un dolore taciuto, e che nel silenzio morde e lievita. Rimarremmo turbati come Pickwick, se potessimo accorgerci con disarmante trasparenza del putiferio incasinato che tormenta quelli che ogni giorno incrociamo.

Certe notizie sono ormai etichettate come «suicidi per la crisi», le leggiamo addolorati eppure distaccati; finché quello che finisce sul giornale è Giovanni, il benzinaio che vedi tutte le settimane – come mi scrive un’amica. La testa, allora, perde le staffe, scoprendo una voragine dove credevi ci fosse un sorriso. Giovanni, davvero lui? Ma chi quello che ha una parola buona per tutti e non sta lì a badare al centesimo? Sì, s’è buttato giù dal decimo piano dell’ospedale a Padova.

E lei me lo descrive così: «Quello che notavi erano gli occhi d’un azzurro intenso che sorridevano ed era un sorriso vero, bellissimo». E non è poco incrociare, mentre vai al lavoro, lo sguardo buono di uno che diventa un conoscente a forza di «ecco il suo resto» e «grazie, arrivederci». Un conoscente … eppure – accidenti – così sconosciuto. Solo a pensarci monta la rabbia, una rabbia piena di affetto. Perché soffri a pensarci, lo perdoni eppure non lo perdoni. No, quello che ha fatto non glielo perdoni, eppure non smetti di abbracciarlo.

Al di là del groviglio dei «perché» (tipo: come è potuto arrivare a tanto? E io come mai non me ne sono accorta?), forse qualcosa ci si può arrischiare a dirla, come memento a se stessi. Ammettiamolo: quando ne va della vita, al diavolo il contegno! Meglio essere scomposti, sguaiati e sconvenienti, cioè: nessun timore di mostrarsi sfiniti e vulnerabili, come fece Dante, quando nella selva gridò senza remore il suo dramma al primo (ancora) sconosciuto che gli venne incontro: «Abbi pietà di me, mi sono infilato in un deserto, aiutami».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. francesco taddei says:

    da quando “siamo tutti europei” come piace a napolitano, prodi e mario mauro, l’europa sempre più ci dice cosa dobbiamo fare, distruggendo la nostra flebile sovranità e identità nazionale. siamo arrivati al punto che i programmi scolastici vengono imposti da bruxelles, anche se la costituzione italiana recita: Art. 30.È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli.

  2. KOIRO says:

    “Oh Cielo misericordioso: uomo, non calcarti il cappello sulle sopracciglia: dai parole al dolore; il dolore che non parla, sussurra al cuore sovraccarico e gli ordina di spezzarsi”. Shakespeare

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.