Google+

Mangiare alla toscana a Milano è ancora un’esperienza ghiotta e soddisfacente. Con prezzi da prima repubblica

dicembre 14, 2013 Tommaso Farina

Quella dei ristoranti toscani a Milano è una storia gaudiosa. Non solo dal Sud Italia arrivava l’immigrazione alla ricerca di fortuna. I pistoiesi, i mugellani, i chiantigiani hanno fatto la storia della ristorazione milanese per settant’anni. Molti dei locali storici della capitale lombarda portano le stimmate del Granducato. Com’è oggi il tipico ristorante toscano a Milano? Un locale vecchiotto, rassicurante, per molte cose anche démodé, ma quasi sempre affidabile.

E il ristorante Pace senza dubbio non tradisce la regola. Siamo in via Washington, prima periferia. Sulla strada si apre questo locale a budello, dai tavoli un po’ vicini ma dall’atmosfera conviviale, gestito da alcuni simpatici signori che coordinano altrettanto gioviali camerieri. A pranzo, uomini d’affari e di fatica s’alternano con sorridenti pensionati habitué, tutti a gustare una serie di piatti toscani, frammisti ad altra cucina tipo “unità d’Italia”, teneramente datata.

Di antipasto per esempio c’è il buffet, o qualche salume toscano, come da copione. Di primo, la ribollita è trucida e saporosa il giusto, ma avrete anche la pasta alla carrettiera, la paglia e fieno col salame o gli spaghetti “alla Bisanzio”, una variazione sul tema della pasta al pomodoro di cui i gestori sono gelosi. Per pietanza, la trippa alla toscana è una specialità assai gettonata dagli avventori, al pari del rognone trifolato o della bistecca alla fiorentina, anche se si fanno pure semplici ricette di pesce. Imperdibili, nella stagione giusta e se il mercato li consente, i porcini fritti. Quando capita, è affidabile e leccorniosa la cassoeula alla milanese, realizzata tenendo le verze giustamente croccanti. Per chiudere, semifreddi, gelati e torte varie. Per beveraggio, una serie di bottiglie un po’ disordinate, ma senza dubbio buone.

Una sintesi di ristorazione come non c’è più, che alcuni guardano con austero cipiglio, ma ghiotta e soddisfacente alla prova della forchetta. Prezzi da prima repubblica: circa 35-40 euro. Divertente, consigliabile.

Per informazioni
Ristorante Pace
www.paceristorante.com
via Washington, 74 – Milano
Tel. 02468567
Chiuso il mercoledì e sabato a pranzo

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Diego Alloni scrive:

    Grazie, Tommaso, di averci segnalato questo ristorante, in cui ho avuto la fortuna di essere stato invitato un po’ di tempo fa. Noi papà separati non possiamo permetterci ristoranti, nemmeno a buon prezzo, come il Pace di via Washington, ma i ristoratori lo sanno ed è per questo che, delicatamente hanno messo sulla porta d’ingresso il logo di Papà Separati Lombardia.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

La piccola di Russelsheim debutta al Salone di Parigi in una nuova versione che strizza l'occhio al mondo dei Suv. Ha un assetto rialzato di 18 mm e un look fuoristradistico

Le auto dettano tendenze di stile nella società ma chi le disegna si è trovato spesso in difficoltà quando è stato chiamato a vestire una moto. Anche Pininfarina e Giugiaro hanno fatto fiasco

Citigo può contare su di una maggiore interazione con gli smartphone, mentre la compatta Fabia è disponibile nell’allestimento sportivo Monte Carlo. Look da crossover e ricca dotazione di serie per la versione ScoutLine di Fabia Wagon.

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana