Google+

Da divinità a robot, Diana si trasforma nel segno di Tiziano

luglio 23, 2012 Mariapia Bruno

Si chiama Trophy ed è a prima vista un robot che con una luce bianca si avvicina e si allontana da una specie di piccolo tronco con rami posto di fronte a lui. Ma questa iper metaforica opera di Conrad Shawcross non è altro che la rappresentazione più estrema e contemporanea di Diana, la dea della caccia che, protagonista e artefice di una metamorfosi che prende vita sotto i nostri occhi, si scaglia contro questo alberello spoglio, che in realtà è la rappresentazione delle corna del cervo, animale in cui è stato trasformato Atteone dopo aver violato l’intimità della dea. Ed è proprio attorno alla storia di Diana e Atteone che ruota la retrospettiva londinese da qualche giorno aperta alla National Gallery con il titolo di Metamorphosis: Titian 2012. Tiziano è la colonna portante, l’anello di congiunzione che lega Trophy ai dipinti di grandi dimensioni di Chris Ofili, all’installazione voyeurista di Mark Wallinger che ci invita a spiare una vivente Diana nel suo bagno, ai poemi scritti per l’occasione da poeti e poetesse, ai nuovi balletti messi in scena alla Royal Opera House, istituzione che ha collaborato a questo grande evento che si inserisce nel Festival delle Olimpiadi.

Ispirandosi ai tre grandi capolavori presenti alla National GalleryDiana e Atteone (1556-59), Diana e Callisto (1556-59) e La morte di Atteone (1559-75) – che l’artista veneziano dipinse basandosi sulla lettura delle Metamorfosi di Ovidio, tre artisti completamente agli antipodi per stile e forme – Shawcross, Ofili e Wallinger – hanno realizzato nuove opere, scene e costumi per i tre balletti adesso in scena alla Royal Opera House di Covent Garden, le cui coreografie, curate da sette coreografi – Wayne Mc Gregor, Kim Brandstrup, Christopher Wheeldon, Alastair Marriot, Will Tuckett, Jonathan Watkins e Liam Scarlett -, sono accompagnate dalle musiche dei contemporanei compositori britannici Mark-Antony Turnage, Jonathan Dove e Nico Muhly. La sensualità inarrivabile, irresistibile e pericolosa di Diana, la curiosità e l’istinto carnale di Atteone e il dramma fantastico della metamorfosi prendono allora vita sotto varie forme d’arte e fino al prossimo 23 settembre nel museo affacciato su Trafalgar Square. Minna Moore Ede, curatrice, e George Szirtes, poeta, raccontano a Tempi, come è nata l’idea di questa multi-artistica avventura.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana