Google+

«Il peccato originale del Belgio è di essersi consegnato all’Arabia Saudita in cambio di petrolio»

novembre 19, 2015 Redazione

Intervistato dal giornale La Libre, il ministro belga Rachid Madrane fa autocritica: «Avremmo dovuto stare più attenti con le correnti più estremiste dell’islam. Ora dobbiamo sradicarle»

Dopo gli attentati a Bruxelles ripubblichiamo un nostro articolo apparso su tempi.it il 19 novembre 2015.

Pas d’amalgame, non generalizziamo, è la parola d’ordine di queste ore in Francia e Belgio, dopo la strage di Parigi. L’espressione solitamente è usata per non identificare l’islam tout court e il terrorismo, ma il ministro francofono belga Rachid Madrane, responsabile dell’Aiuto alla gioventù e delle Case di giustizia, la utilizza anche in un’altra accezione.
Intervistato dal giornale belga La Libre, ha denunciato «l’incoerenza dei paesi occidentali»: «Il peccato originale, in Belgio, consiste nell’aver consegnato le chiavi dell’islam nel 1973 all’Arabia Saudita per assicurarci l’approvvigionamento energetico». Come si fa, si chiede oggi il ministro, a «precipitarsi a Riyad per firmare contratti economici, sapendo bene che è uno dei paesi che fa il doppio gioco sulle questioni legate all’islam?».

MOLENBEEK. È dal quartiere di Molenbeek, oasi del terrorismo islamico nella capitale Bruxelles, che venivano due degli attentatori francesi ed è lì che l’ultima strage, come molte altre, è stata organizzata. Molte moschee sono state aperte in Belgio dall’Arabia Saudita, che organizza anche corsi di islam, mentre lo Stato mette a disposizione molte borse di studio per andare a Riyad. Il risultato è che oggi nel paese «la pratica dell’islam ha subito le infiltrazioni di wahabismo e salafismo».

LE DIFFICOLTÀ. Che fare dunque? Madrane ha le idee chiare: innanzitutto «bisogna che i musulmani si interroghino sul modo in cui il culto si organizza nei paesi non musulmani. Ma questo è difficile perché non c’è il clero, non c’è un’autorità legittima riconosciuta da tutta la comunità musulmana a cui le autorità possono rivolgersi. Il Belgio ha provato a organizzare le moschee e tutto il resto ma c’è un islam clandestino, minoritario, con pratiche rigoriste che pone molti problemi all’Occidente e anche ai paesi arabi».
L’autocritica del ministro dovrebbe essere ascoltata da tutti i paesi europei. Il Belgio, insiste Madrane, «avrebbe dovuto stare più attento con le persone che praticano una versione simile dell’islam». Ma ora che la frittata è stata fatta, queste correnti «pericolose e settarie devono essere sradicate. Io penso che questa ormai sia una necessità e la sfida» è tanto dei governi occidentali quanto del «mondo musulmano».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Comfort, connettività, sicurezza e design al servizio delle aziende

L'articolo Renault presenta la gamma Business proviene da RED Live.

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.

Sostituisce la Serie 6 e diventa la M più potente mai prodotta. Trazione integrale, quattro ruote sterzanti, eleganza e opulenza. Per andare veloci in qualunque condizione

L'articolo BMW Serie 8 Coupé, a volte ritornano proviene da RED Live.

In programma dal 20 al 22 luglio al Misano World Circuit, il WDW (World Ducati Week) di quest’anno si preannuncia rovente: i piloti Ducati si sfideranno in sella alla Panigale V4 S.

L'articolo The Race of Champions: la sfida tra campioni al WDW 2018 proviene da RED Live.

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.