Google+

Batteremo il terrorismo insegnando la Marsigliese ai musulmani barbuti?

settembre 19, 2016 Alfredo Mantovano

Su impulso del governo francese, in un castello nella valle della Loira, parte un piano per de-radicalizzare (cioè “ri-programmare”) i giovani attratti dal terrorismo islamico

moschea-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Nelle ultime settimane i cugini francesi ci hanno deliziato col burkini. La loro polizia, tragicamente assente sul lungomare di Nizza la sera del 14 luglio è stata poi impiegata in forze e con sprezzo del ridicolo per allontanare dalla spiaggia le pochissime donne che avevano osato andare in riva al mare coperte in larga parte del corpo. Non è sufficiente far coincidere la civiltà occidentale con l’ostentazione della natica. Il 16 settembre, su impulso del governo francese e per le cure del prefetto del luogo, nel castello di Pontourny, valle della Loira, parte un programma di de-radicalizzazione, dedicato a giovani attratti dal terrorismo islamico. Attualmente gli ospiti sarebbero 5 o 6, con una struttura che può ospitarne fino a 30; l’intenzione del primo ministro Manuel Valls è di aprire un centro di questo tipo in ogni regione della Francia, fino a un totale di 13.

Ecco i dettagli del “programma”: 10 mesi di sveglia all’alba, colazione e pulizia delle stanze, partecipazione all’alzabandiera e canto della Marsigliese con indosso una uniforme eguale per tutti; ciò per liberarsi dei segni esteriori della vita precedente (né barbe né veli) e per attingere alle fonti del patriottismo repubblicano. Durante la giornata lezioni di storia, islam e geopolitica, curate da un team di una trentina di persone, che vede accanto agli insegnanti anche psicologi, infermieri e assistenti sociali, per un costo complessivo di un milione di euro all’anno. Non è chiaro quali siano i criteri di selezione dei giovani che stanno iniziando il “programma”: si dice che non hanno precedenti penali né pendenze giudiziarie, né appaiono segnalati dai servizi. Sarebbero invece indicati (sospettati?), talora dalle famiglie di provenienza, perché si teme che vadano a combattere in Siria o organizzino attentati in Francia: prima di entrare firmano un contratto. Se rifiutano non troverebbero più lavoro.

Un modello già fallito
Ci sono modi diversi per affrontare le sfide della realtà. La cultura cristiana suggerisce di avvicinarsi alla complessità di un problema con umiltà, e di individuare le soluzioni che ne rispettino le sfaccettature. Larga parte della modernità, illuminata dai gloriosi princìpi del 1789, vuole invece obbligare il reale a inserirsi nelle caselle dell’ideologia. Quest’ennesima genialata corrisponde alla seconda impostazione: non ha insegnato nulla la circostanza che sovrapporre e imporre il laicismo di Stato alle confessioni religiose ha provocato finora emarginazione, risentimenti, ribellioni. Il modello assimilazionista continua a dettare leggi e comportamenti.

Gli ospiti di Pontourny non sono criminali, altrimenti starebbero in carcere; non hanno neanche manifestato pericolosità sociale, altrimenti sarebbero stati registrati dai servizi ed espulsi; non si comprende quali siano gli elementi perché li si consideri “a rischio”. Però li si chiude in un centro (con adesione formalmente volontaria) e li si “ri-programma”.

In una nazione nella quale le segnalazioni riguardanti i veri indiziati di appartenenza al terrorismo provenienti dai servizi interni – più spesso da quelli di altri Stati – sono state colpevolmente ignorate, e hanno costituito concausa degli attentati gravissimi consumati negli ultimi due anni; in una nazione che non si è ancora dotata degli strumenti di anticipazione della difesa dalle aggressioni che in Italia vigono da oltre dieci anni e nella quale i rapporti con le comunità musulmane sono esacerbati da scelte provocatorie e prive di senso come la proibizione del burkini; in una nazione che vive questo travaglio, il meglio che viene in mente è istituzionalizzare il brain-washing (certamente con taglio chic, vista la bellezza del luogo nel quale si svolge), confermare il messaggio che il pericolo sta nell’islam e non nella sua lettura ultrafondamentalista, rifiutare la collaborazione educativa, questa sì potenzialmente produttiva, con realtà islamiche lontane nella forma e nella sostanza da ogni deriva terroristica. La valle della Loira merita altro. E non solo essa.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Filippo81 scrive:

    Non credo che questi ragazzi possano essere sottratti al fondamentalismo islamico o al terrorismo semplicemente insegnando loro i “valori liberaldemocratici”, serve Altro……..

  2. Carolina scrive:

    secondo me serve una specie di sorveglianza civile chiamiamola così. Anche i genitori musulmani (non nella fascia d’età incriminata quindi) devono considerare le parti di città e le persone colpite dagli attentati come “bene comune” e gli attentati stessi come “ferite” e quindi devono avere un atteggiamento protettivo verso persone e cose, cercando di dissuadere chiunque (i loro figli ma anche amici conoscenti etc) dal terrorismo.

    • Menelik scrive:

      Bisogna riconoscere, però, che distruggendo l’isis si taglia la testa del mostro.
      Si elimina il riferimento ideale che tramuta i loro deliri in realtà possibile.
      Non si risolve il problema del fondamentalismo jihadista, certo che no, il problema di fondo resterà ed il disagio assumerà altre forme e prenderà altre vie, ma almeno si elimina il “terminale” a cui mirano, e da cui ricevono sostegno strategico.
      Seppellire l’isis è un gran passo avanti alla risoluzione del problema, e mi pare, dalle ultime notizie che ho letto, che gli USA stiano remando contro.

  3. Ferruccio scrive:

    Questi ci prenderanno per scemi e penseranno che la nostra sottomissione sia una missione umanitaria.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download