Google+

Asia Bibi cinque anni dopo. Così la sua persecuzione «sta cambiando il Pakistan»

novembre 11, 2015 Redazione

Nel quinto anniversario dell’ingiusta condanna a morte della cristiana per “blasfemia”, l’ex ministro per le Minoranze Paul Bhatti vede segni di cambiamento nel paese

asia-bibi-blasfemia-pakistan-ansa

Come ricorda Avvenire, sono trascorsi esattamente cinque anni da quando Asia Noreen Bibi è stata condannata a morte per impiccagione da un tibunale in Pakistan con l’accusa di “blasfemia”: aveva preso dell’acqua dal pozzo per ristorarsi durante il lavoro nei campi ed è stata denunciata per aver «infettato la fonte». Un giorno dopo l’altro, la donna, di fede cattolica e madre di cinque figli, con la sua discreta ma clamorosa testimonianza è diventata «emblema della lotta per la libertà di religione» nel paese. E forse, suggerisce il quotidiano della Cei, è riuscita perfino a cambiarlo.

«UNA LEZIONE». Asia Bibi è davvero «una lezione per l’intera società e le sue differenti componenti: cristiani, musulmani, indù, credenti di ogni fede, agnostici, atei», dice ad Avvenire Paul Bhatti, ex ministro per le Minoranze del Pakistan e fratello di Shahbaz Bhatti, suo predecessore al ministero, assassinato da estremisti islamici nel 2012 proprio per aver difeso Asia Bibi e per essersi battuto contro la famigerata legge sulla blasfemia, responsabile di troppe ingiustizie nel paese. Quella donna, prosegue Paul Bhatti, «ha mostrato come la legge anti-blasfemia possa essere manipolata per fini che niente hanno a che fare con la fede. E che, anzi, sono in aperto contrasto con l’islam. Tale consapevolezza sta facendo maturare la coscienza del Paese».

SEGNALI POSITIVI. La pena capitale per Asia Bibi è stata sospesa dalla Corte suprema, che dopo le condanne in primo e secondo grado ha accettato di riesaminare il processo. Asia Bibi, è «palesemente innocente», scrive Avvenire, eppure «rimane in cella» nonostante le sue pessime condizioni di salute (sembra che abbia potuto ricevere cure mediche solo dopo le insistite denunce della famiglia). A cinque anni dall’inizio di questa ingiustizia, «siamo, tuttavia, ottimisti sulla conclusione della vicenda», dice Bhatti. L’ex ministro ritiene un segnale positivo il fatto che i giudici supremi abbiano «rifiutato le prove presentate dall’accusa e le testimonianze secondo cui Asia avrebbe offeso l’islam». Potrebbe dunque aprirsi per lei la possibilità di una libertà su cauzione, ipotesi finora rimasta esclusa «per ragioni di sicurezza: i fondamentalisti hanno emesso una fatwa contro la donna».

asia-bibi

L’ALTRA SENTENZA. Che qualcosa stia cambiando in Pakistan, sia pure lentissimamente, lo confermerebbero secondo Paul Bhatti anche i primi processi contro la “giustizia fai da te” degli estremisti e un’altra recente decisione della stessa Corte suprema a proposito di quanti difendono gli accusati di blasfemia. «Prima erano considerati essi stessi blasfemi. Ora i giudici hanno esplicitato che ognuno ha diritto a una tutela legale. Perché il sistema giudiziario è fatto da uomini e, come tale, soggetto a errori. Tanti innocenti possono essere imprigionati. E gli avvocati hanno, dunque, il dovere di contribuire a impedire eventuali ingiustizie».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Il sig. Batti è provvidenziale per la difesa della civiltà e della giustizia nel Pakistan -lo avevamo capito- e non ci sono parole sufficiente per rendergli omaggio.
    Quanto ad Asia, tuttavia, c’è da tener presente che è ancora in carcere…Chissà, sarebbe bello entro Natale, per un ritorno in famiglia….Magari!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana