Google+

Antonio Simone: In quel buio che pare inghiottirmi, io ci sono

maggio 21, 2012 Antonio Simone

«Quando i miei figli vengono a trovarmi, finita la visita, sembro scomparire nell’ignoto. Ma “là dietro le sbarre” ognuno conserva una sua speranza». Sesta lettera dal carcere di San Vittore

Nuova lettera inviata a tempi.it da Antonio Simone, detenuto nel carcere di San Vittore a Milano. Qui la prima, qui la seconda, qui la terza, qui la quarta, qui la quinta.

Caro Gigi,
quando le mie figlie o mio figlio mi vengono a trovare, succede che, alla fine dell’ora settimanale di colloquio, al momento del saluto, sulla loro faccia vedo spuntare dai loro bellissimi occhioni delle lacrime spontanee. Lacrime che aumentano quando sto per scomparire dalla loro vista, dietro i tristi locali delle visite dove, per altro, hanno mediamente atteso due ore prima di incontrarmi.

Penso che la cosa dipenda dal fatto che abbiano l’impressione – assai faticosa da sopportare – che io scompaia all’orizzonte e venga inghiottito in un ignoto (che è quel che trasmette il carcere, con tutti i simboli che si porta appresso: le porte, le sbarre, il casino). Abbiamo paura di ciò che non vediamo e non conosciamo. Il buio, come la non conoscenza, genera un pesante strappo.

Volevo con questa lettera ringraziare le centinaia di persone che mi hanno scritto e che continuano a scrivermi e confermare a tutti che là dietro, in quell’ignoto in cui sembro finire ogni volta, in realtà, io ci sono. Non c’è il buio, ma una vasta umanità, cosiddetta varia, handicappata rispetto alla possibilità di movimento che uno vive. Ma ognuno, là dietro, conserva una speranza, di cui presto tornerò a raccontarvi.

Antonio Simone 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.