La trovata pubblicitaria peggiore del mondo

 

 

Questa trovata pubblicitaria, ideata da un’agenzia tedesca per la promozione delle creme solari della Nivea, si chiama «Care from the Air» (traducibile in italiano come «protezione dall’aria») e si è guadagnata l’apertura della conferenza stampa del Festival internazionale della creatività Leoni di Cannes 2016.

 

LA SORPRESA. Quest’anno a presiedere la giuria dell’importante evento internazionale dedicato ai professionisti della pubblicità c’era Sir John Hegarty, cofondatore della Bartle Bogle Hegarty, considerato una leggenda nel settore. Ebbene, anziché aprire la conferenza con l’annuncio dei vincitori degli ambìti premi, Sir Hegarty ha spiazzato giornalisti e concorrenti presentando loro… il drone gabbiano che “scarica” protezione solare sui bambini.

 

UNA LUNGA DISCUSSIONE. Il guru della pubblicità l’ha descritta in un discorso sarcastico riportato dal sito Adweek come «una [campagna] di cui abbiamo discusso a lungo e intensamente». «Senza dubbio», ha detto Si Hegarty, «è una delle opere che hanno catturato la nostra attenzione… Il grande, grande problema è che i bambini in spiaggia non hanno addosso abbastanza crema protettiva. Corrono dappertutto e quella viene via. Così hanno creato un gabbiano che vola per la spiaggia e praticamente caga crema solare della Nivea. Come potete capire, è una cosa che abbiamo dovuto prendere molto seriamente».

 

«DOVETE VEDERLA». Poi, dopo una serie di altre battute ironiche, il giudizio lapidario: «Dovete vederla. È la cosa più stupida che abbia visto in vita mia. Ho pensato veramente che i Monty Python si fossero infiltrati a Cannes per vedere se l’avremmo votata». Il video in questa pagina è la presentazione del “case study” della campagna. Notevole il passaggio in cui si vede il gabbiano telecomandato avvicinarsi alle piccole «prede» sopra una musica simile a quella del film «Lo squalo». Poco dopo si sente il narratore esclamare: «Oh, a bird that drops its load!».

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •