Isis devasta e brucia la cattedrale di Marawi


Statue della Madonna distrutte, crocifissi presi a martellate, poster di papa Francesco e Benedetto XVI strappati e un’intera cattedrale data alle fiamme. Così i terroristi islamici del Maute, gruppo che nelle Filippine ha giurato fedeltà all’Isis, hanno distrutto la cattedrale di Marawi.

 

La città, come vi abbiamo raccontato, è stata presa ostaggio dai jihadisti a fine maggio ed è tuttora teatro di un violentissimo conflitto con l’esercito regolare delle Filippine. Nell’ambito dell’assalto, sono stati sequestrati un sacerdote e altri 15 cristiani. I terroristi hanno giurato di sgozzarli se l’esercito non si ritirerà dalla città.

 

Fin da subito si è saputo che la cattedrale è stata prima devastata e poi bruciata, ma non c’erano prove visive. Ora i terroristi hanno diffuso il filmato della profanazione, saccheggio e distruzione della chiesa, che riproponiamo.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •