Google+

Vento di crisi da oriente. Prepariamoci a un’altra festa di Natale riuscita male

settembre 6, 2015 Pier Giacomo Ghirardini

Ciò che temevamo si sta realizzando: la “ripresa” frena prima ancora di incominciare ad accelerare. E il motivo è che il valore aggiunto dell’industria non si schioda

cina-borsa-ansa

Pubblichiamo la rubrica di Pier Giacomo Ghirardini contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Purtroppo ciò che temevamo (e che abbiamo provato maldestramente ad argomentare nelle scorse settimane) si sta già realizzando. Il 14 agosto l’Istat ha rilasciato la stima preliminare del Pil per il secondo trimestre 2015: la crescita congiunturale (rispetto al primo trimestre 2015) è stata dello 0,2 per cento, in decelerazione quindi rispetto a quella registrata nel primo trimestre (0,3) quando si era interrotta, per la prima volta, la teoria di variazioni negative (o prossime allo zero) durata tre anni e mezzo.

Il dato in sé non sarebbe tragico, se non avessimo più di 3 milioni di disoccupati e più di 17 milioni di persone a rischio di povertà o di esclusione sociale – e un rapporto fra debito e Pil (133,1 per cento nel 2015) secondo solo a quello greco. La “ripresa” rallenta prima ancora di incominciare ad accelerare ed è improbabile che si raggiunga la peraltro modesta crescita prevista per il 2015 (0,7 per cento): se va bene ci fermeremo fra lo 0,4 per cento (attuale crescita acquisita) e lo 0,5 (se si confermerà la più recente variazione tendenziale).

Ma ciò che più deve preoccupare è che questo dato deludente per il secondo trimestre 2015 è dovuto alla variazione nulla del valore aggiunto nell’industria e, addirittura, all’apporto negativo della componente estera netta (export-import) – e questa è destinata a subire un ben più grave ridimensionamento nei mesi a venire per effetto della recentissima drastica svalutazione dello yuan e della minore crescita cinese.

Il modello neoliberista di crescita incentrato sull’export sta ormai rivelando tutta la sua miopia e la sua improponibilità su scala planetaria: il domino delle immediate contro-svalutazioni attuate da molti paesi emergenti in risposta alla svalutazione cinese, mostra ancora di più come l’economia reale si stia sempre più riducendo a un gioco paradossale dove tutti vogliono esportare tutto a tutti e nessuno vuole importare niente da nessuno. Come in certe riunioni fra parenti-serpenti, a Natale, dove ci si disfa dei regali banali ricevuti in precedenza rifilandoli ai congiunti.

Intanto cresce la capacità produttiva inutilizzata, ristagnano i consumi, il crollo del prezzo del petrolio sta per innescare un pericoloso processo deflazionistico sulle commodities e una nuova temibile crisi finanziaria si prospetta a oriente – riaccendendo focolai a stento controllati in Europa.

Ci risiamo.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Iskandar92 says:

    Il sistema economico è un mezzo non un fine. L’altro ieri parlava perfino di “recessione secolare”, ma stiamo scherzando, di cosa vivremo tutti questi anni? Cambiare passo no?

  2. Babadook says:

    Gent.mo,
    la ripresa economica tanto decantata dal Governo e dal Presidente del Consiglio non è altro che una bugia, propagandata dalle tv del regime e dai giornali amici dell’establishment. Una variazione del PIL del +0.2% o +0.3% non è crescita, è solo una coincidenza, quando dal 2008 in poi il PIL italiano è diminuito di svariati punti percentuali.

    I governi europei hanno rinunciato al mercato russo imponendo le sanzioni, privandosi di un mercato estremamente dinamico e promettente.

    Infine vorrei aggiungere: neoliberismo? Dov’è il neoliberismo? Io vedo solo mercati drogati di debiti e spesa pubblica, tassi di interesse tenuti artificialmente bassi, nazionalismo economico, paesi con welfare al tracollo che sommergono di tasse e divorano quasi il 50% del PIL in tasse. A me sembra molto più keynesismo con una riedizione kitsch di mercantilismo. Speriamo che almeno non si torni al protezionismo.

  3. filippo81 says:

    Il modello neoliberista imposto dalla troika ha fallito,Per Giacomo Ghirardini ha perfettamente ragione.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.

Comfort, connettività, sicurezza e design al servizio delle aziende

L'articolo Renault presenta la gamma Business proviene da RED Live.

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.

Sostituisce la Serie 6 e diventa la M più potente mai prodotta. Trazione integrale, quattro ruote sterzanti, eleganza e opulenza. Per andare veloci in qualunque condizione

L'articolo BMW Serie 8 Coupé, a volte ritornano proviene da RED Live.

In programma dal 20 al 22 luglio al Misano World Circuit, il WDW (World Ducati Week) di quest’anno si preannuncia rovente: i piloti Ducati si sfideranno in sella alla Panigale V4 S.

L'articolo The Race of Champions: la sfida tra campioni al WDW 2018 proviene da RED Live.