Una ci mette l’ovulo, un’altra l’utero e una terza l’affetto. Il bambino ha tre mamme, nessuna legale

La moglie dell’uomo che ha generato il bambino con il suo seme non è quella che ha fornito l’ovulo né quella che ha affittato l’utero. La legge vuole l’adozione, ma lei si oppone. E il figlio rimane senza madre.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un bambino del New Jersey ha tre mamme e formalmente nessuna. Il caso è di quelli che fa discutere, rischia di diventare un pericoloso precedente ed è per questo che i giudici non riescono a mettersi d’accordo. Una coppia sposata americana ha deciso di fare un figlio con l’aiuto dell’inseminazione artificiale. Così, mentre il padre ha fornito il seme, una donatrice ci ha messo l’ovulo e un’altra ha affittato l’utero. E la moglie dell’uomo si è riservata il ruolo di mamma al termine del parto, tanto che lei e il marito hanno fatto firmare alla donatrice dell’ovulo e all’affittatrice dell’utero un documento in cui rinunciano a qualsiasi diritto di genitorialità. Semplice? No.

IL PROBLEMA DELL’ADOZIONE. La legge del New Jersey infatti prevede che un adulto, per essere dichiarato genitore di un bambino, deve avere un legame “fisico” o “biologico” con lui e, se non c’è l’ha, deve richiederlo in adozione. È sempre stato così. Ma la donna, la terza, quella che non ha messo né l’ovulo né l’utero, non vuole espletare le pratiche adottive perché, sostiene, il bambino è geneticamente del marito e le altre due donne hanno appunto firmato un documento per tirarsi fuori dai giochi. Effettivamente, nessuna delle due donne si è opposta ma lo Stato del New Jersey sì, perché non vuole creare un pericoloso precedente.

IL BAMBINO RESTA SENZA MADRE. Secondo gli avvocati dello Stato, permettere alla donna di dichiararsi madre del bambino sarebbe ingiusto nei confronti delle tante coppie che devono ricorrere invece all’adozione. La coppia si è rivolta a diversi tribunali: tre giudici hanno dato ragione alla donna che vuole essere dichiarata madre, altri tre allo Stato. E siccome la Corte suprema non è riuscita a trovare un accordo, resta valido il giudizio della Corte d’appello che aveva negato la genitorialità all’aspirante madre. Conclusione? In New Jersey c’è un figlio di tre donne diverse senza neanche una madre.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •