Google+

Trump ha promesso di aiutare i cristiani iracheni, ma non ha ancora fatto nulla

giugno 7, 2018 Redazione

L’arcivescovo di Erbil, Bashar Warda, richiama gli Stati Uniti agli impegni presi: «L’appoggio politico che ci hanno dato è fondamentale, ma non sono arrivati aiuti. Siamo molto delusi».

Parole, parole, parole. Parafrasando Mina è questo l’atteggiamento che l’amministrazione di Donald Trump sta assumendo verso i cristiani perseguitati e cacciati dalle loro case dallo Stato islamico in Iraq. Alle grandi promesse fatte in ottobre dal vicepresidente Mike Pence, infatti, non sono seguiti i fatti: «Siamo molto delusi, per me è sorprendente notare quanto Stati Uniti e Occidente accettino senza problemi di ignorare i bisogni esistenziali della nostra gente», dichiara al National Catholic Register monsignor Bashar Warda, arcivescovo di Erbil, capitale del Kurdistan iracheno.

LE PROMESSE. A ottobre Pence promise che gli Stati Uniti avrebbero smesso di finanziare le iniziative «inefficaci» delle Nazioni Unite per «aiutare i cristiani del Medio Oriente direttamente». Washington ha in effetti stanziato 35 milioni di dollari che i funzionari di Usaid avrebbero dovuto assegnare a progetti coordinati dalla Chiesa irachena secondo il meccanismo denominato Baa. Quelle risorse, però, non hanno mai lasciato le casse americane.
«Noi siamo consapevoli di quante persone nel governo americano siano contrarie agli impegni assunti dal vicepresidente», spiega monsignor Warda. «Sappiamo quanto sia difficile politicamente dire che i cristiani iracheni avranno una piccola priorità sugli altri. I nostri sacerdoti e la nostra gente però hanno creduto a quelle parole e ora sono delusi».

POCHI AIUTI. Se da una parte gli Stati Uniti «hanno inviato a tutti gli attori internazionali che operano nella regione un segnale importantissimo, che vale forse più di ogni aiuto economico», dall’altra «l’annuncio ha dato l’impressione che gli Stati Uniti fossero davvero pronti a finanziarci, spingendo così altri importanti donatori a destinare le loro risorse altrove», prosegue l’arcivescovo di Erbil. Ad aiutare i cristiani iracheni restano Aiuto alla Chiesa che soffre, i Cavalieri di Colombo e il governo dell’Ungheria, «che ci stanno dando un grande sostegno e ringraziamo Dio per questo. Ma tutti gli altri si sono impegnati in altri progetti».

«LE NOSTRE CASE AI MUSULMANI». Il vicepresidente americano Pence ha comunque garantito che «i cristiani iracheni resteranno una priorità degli Stati Uniti. Spero che continueranno ad affermarlo anche pubblicamente». L’altro aiuto che la Chiesa irachena aveva chiesto agli Stati Uniti era di impedire l’occupazione dei villaggi cristiani: «Purtroppo per ora anche su questo punto non è cambiato niente. A Batnaya si è insediato l’esercito iracheno, temiamo che occupino tutto e che le case dei cristiani vengano date ai musulmani di Mosul. Ovviamente siamo solidali con tutti coloro che sono rimasti senza abitazione, ma cosa dobbiamo fare dei cristiani che non sono considerati da nessun piano di nessun organismo?».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.

C’è un dato curioso che riguarda la popolazione italiana a due e quattro zampe. Sembra che negli ultimi cinque anni, il numero di bipedi che si accompagna a un quadrupede sia cresciuta del 15%… Se da un punto di vista socio-psicologico, questo dato fotografa una voglia di affetto (spesso anche la scelta di darne e […]

L'articolo Prova Nissan X-Trail Trainer: “Hulk approved” proviene da RED Live.