Dopo un paio di giravolte, il presidente di Stamina Vannoni si candida alle elezioni europee

Il fondatore di Stamina è secondo in lista nelle circoscrizioni nord ovest, est e centro, capolista al sud e nelle isole della forza politica “Io cambio – Maie”

Davide Vannoni si è candidato alle elezioni europee del prossimo 25 maggio con la forza politica “Io cambio – Maie”. La lista dei candidati è stata depositata alla Corte d’Appello di Milano e risulta che il fondatore di Stamina è secondo in lista nelle circoscrizioni nord ovest, est e centro, capolista al sud e nelle isole.

LE GIRAVOLTE DI VANNONI. La candidatura era stata annunciata dallo stesso Vannoni, con una dichiarazione all’Agi: «Sono pronto a scendere in campo con loro per riuscire a cambiare dall’Europa, facendo pressione sul nostro Paese».
Subito dopo era arrivata la smentita di da Niccolò Rinaldi, vicepresidente ed europarlamentare dell’Alleanza dei Liberali e dei Democratici italiani: «Non c’è spazio per candidature incompatibili con i principi liberaldemocratici e con la serietà delle componenti che li rappresentano». Poi era stata la volta di Vannoni: «Non sono candidato in nessuna lista. Io non ho nessuna proposta e nessuna richiesta ufficiale da parte di nessuno».

urlVICENDA STAMINA. Si vede che ha cambiato idea un’altra volta e così il paladino delle cellule staminali potrebbe essere eletto a Bruxelles. Intanto la storia infinita di Stamina si arricchisce di un nuovo capitolo e ancora una volta a causa di un magistrato: Antonio Genna, giudice del tribunale di Marsala, ha ordinato agli Spedali Civili di Brescia di riprendere a somministrare le cellule preparate da Stamina al piccolo Gioele, affetto da Sma. Come perito, si è avvalso della collaborazione di Marino Andolina, vicepresidente di Stamina.