«Se l’Isis rappresenta l’islam, non voglio più essere musulmano»

Le testimonianze raccolte dalla Nbc dei musulmani che, dopo aver vissuto sotto lo Stato islamico, si sono convertiti al cristianesimo: «Se il paradiso è per loro, preferisco vivere all’inferno»

  • 328
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    328
    Shares

«Se l’Isis rappresenta l’islam, non voglio più essere musulmano. Il loro Dio non è il mio Dio». È dopo avere assistito alla brutalità dello Stato islamico che Farhad Jasim, 23 anni, residente a Kobane, nel nord della Siria, ha deciso di convertirsi al cristianesimo. «La mia famiglia mi ha ripudiato, ma spero che un giorno mi perdoneranno».

Jasim fa parte di un piccolo gruppo di musulmani che ha cominciato a frequentare la Chiesa dei fratelli, denominazione protestante nata in Germania nel XVIII secolo e che a settembre ha aperto una chiesa a Kobane. La città, conquistata nel 2014 dallo Stato islamico, è stata liberata all’inizio del 2015 dalle forze curde dopo una sanguinosa battaglia.

«IL CRISTIANESIMO È CIÒ CHE CERCAVO»

Jasim lavora come meccanico e si è convertito al cristianesimo alla fine del 2018. Catturato e imprigionato per sei mesi dall’Isis, è stato torturato quando i terroristi hanno scoperto che non conosceva bene il Corano. «Dopo avere assistito alle loro gesta brutali, ho cominciato a essere scettico riguardo alla mia religione», dichiara alla NbcNews. Quando la chiesa protestante ha aperto i battenti, Jasim è rimasto incuriosito «e non mi ci è voluto molto prima di capire che il cristianesimo era proprio la religione che stavo cercando».

Anche Firas si è convertito a causa dell’Isis sei mesi fa: «Terrorizzavano la popolazione e poi andavano a pregare in moschea. E dopo le preghiere, tornavano a terrorizzare la gente di nuovo», dichiara l’agricoltore di 47 anni di Deir Ezzor che preferisce non rivelare il suo cognome. «Chiunque non aderiva alla loro visione veniva minacciato e punito. Ho visto i miei concittadini rinchiusi nelle gabbie sotto il cocente sole estivo perché erano stati trovati a bere o mangiare durante il Ramadan; ho visto i giovani frustati davanti a tutti perché fumavano; ho visto i cadaveri degli uomini gettati dai palazzi solo perché omosessuali. Questo era il loro islam».

«SE IL PARADISO È PER LORO, MEGLIO L’INFERNO»

Un islam di cui Firas non vuole più fare parte: «Tutti i miei familiari sono rimasti musulmani, ma per me era troppo», continua. «Se il paradiso è fatto per l’Isis e per le loro credenze, allora io preferisco vivere all’inferno piuttosto che incontrarli di nuovo in paradiso».

L’amministratore della Chiesa dei fratelli, Omar, dichiara che «in Siria non c’è mai stata la libertà di cambiare religione. È un tabù in questa società. L’Isis poi ha reso la pratica semplicemente inimmaginabile: gli apostati venivano uccisi immediatamente. Noi non obblighiamo nessuno a convertirsi, ma molti fratelli vengono qui dopo avere sperimentato la vita sotto l’Isis. Le nostre uniche armi sono la preghiera, la fratellanza e la tolleranza».

Foto Nbc

  • 328
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    328
    Shares