Sempre più americani sono drogati di sesso

Newsweek ha dedicato al tema il suo ultimo numero

L’ultimo numero di Newsweek è dedicato a un problema che affligge sempre più americani: la sex addiction, la dipendenza dal sesso. Testimone della nuova “epidemia” è Valerie, una 30enne che a causa della sua malattia ha «perso due mariti e il lavoro» e si è ridotta a vivere «senza tetto». «Avevo toccato il fondo», rivela la donna, che poi racconta di come per anni abbia fatto sesso a capocchia nei bagni dei fast-food con subordinati, colleghi e anche perfetti sconosciuti, «solo per il brivido che l’atto illecito mi procurava».

PIAGA. Senza star qui a specificare che anche noi italiani di drogati di sesso ne sappiamo qualcosa, dobbiamo convenire che l’epidemia è preoccupante. È un morbo da cui nessuno può ritenersi immune, né un vip come Tiger Woods, né la ragazza della porta accanto come la Valerie di Newsweek. E per di più l’anarchia e l’anonimato di internet non fanno che incancrenire la piaga. Che poi, noi un’idea per risolvere la cosa alla svelta ce l’avremmo. Ma sono due settimane che presidiamo i bagni dei fast-food di Milano. Mannaggia a trovarla, una come Valerie.