Google+

Parigi. Anche se la conferenza sul clima andrà bene, non va bene

ottobre 31, 2015 Leone Grotti

Le promesse sul taglio delle emissioni di gas serra fatte dai paesi in vista della COP21 non bastano per raggiungere gli obiettivi. E se le promesse non vengono mantenute?

I conti non tornano. A un mese dall’apertura dell’attesissima conferenza mondiale sul clima di Parigi (COP21), l’Onu ha messo insieme tutte le promesse che i diversi paesi hanno fatto per ridurre le emissioni di gas serra e l’entusiasmo d’improvviso si è spento: così non si conterrà il riscaldamento globale ai 2 gradi rispetto ai livelli pre-industriali. Se va bene, crescerà di almeno 3 gradi.
Sono già 146 su 195 i membri della convenzione sui cambiamenti climatici che hanno messo nero su bianco le loro promesse. Questi coprono già l’86 per cento delle emissioni mondiali, quindi anche con l’arrivo di nuovi impegni la situazione non cambierà di molto.

GAS SERRA. Lo sforzo è comunque notevole: se tutto andrà come promesso dalle potenze mondiali, nel 2030 le emissioni dovrebbero ridursi del 9 per cento pro capite rispetto al 1990, ma di appena il 5 per cento rispetto al 2010. La Fondazione Nicolas Hulot, che tiene un «termometro degli impegni mondiali», riporta il Le Monde, spiega che allo stato attuale le temperature saliranno di oltre tre gradi e spera in qualcosa di più: «I paesi del G20, responsabili di tre quarti delle emissioni di gas serra, potrebbero poi prendere l’iniziativa e impegnarsi ad aumentare i loro sforzi nel 2016 e 2017».

NUOVA COPENAGHEN? Ma il vero problema che verrà discusso a Parigi è questo: che cosa succede se qualcuno non rispetta gli impegni? La Cina, il paese che forse ha stupito più di tutti con le sue promesse, non vuole assolutamente che venga introdotto un meccanismo di revisione vincolante, per riservarsi una possibile scappatoia nel caso che la sua economia rallenti troppo. Non sono pochi quelli che temono una nuova Copenaghen.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.

La Casa di Noale propone due motorette brillanti ed economiche: sono le Aprilia RX e SX 125, una enduro, l’altra motard, entrambe vendute a 4.020 euro.

L'articolo Prova Aprilia RX e SX 125, per i nuovi 16enni proviene da RED Live.

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.