Papa Francesco fuorionda. Le vere parole “nuove” di Bergoglio non vanno in tv

Quanto il Pontefice a Lampedusa ha denunciato la barbarie dell’indifferenza globalizzata, non lo ha fatto per buonismo ma per richiamare alla fede

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ci si può fermare alle immagini tv e collaborare col lavoro fuorviante di tanti media, teso a dipingere un papa Francesco politicamente corretto. Si può invece affiancare le immagini all’ascolto di ciò che il Pontefice dice e scrive.

Quando a Lampedusa ripropone «la prima domanda che Dio rivolge all’uomo dopo il peccato, “Dove sei Adamo?”», egli ricorda che «Adamo è un uomo disorientato che ha perso il suo posto nella creazione perché crede di poter dominare tutto, di essere Dio». E quando aggiunge che «l’armonia si rompe, l’uomo sbaglia e questo si ripete anche nella relazione con l’altro che non è più il fratello da amare, ma l’altro che disturba il mio benessere», riprende la seconda domanda che «Dio pone (…), “Caino, dov’è tuo fratello?”. Il sogno di essere potente, di essere grande come Dio, anzi di essere Dio, porta a una catena di sbagli che è catena di morte, porta a versare il sangue del fratello!».

Il nesso fra la dimensione verticale e quella orizzontale è uno degli snodi della Lumen Fidei, dove Francesco conferma che le ideologie rivoluzionarie hanno «cercato di costruire la fraternità universale tra gli uomini, fondandosi sulla loro uguaglianza», e per questo hanno fallito: «Questa fraternità, privata del riferimento a un Padre comune quale suo fondamento ultimo, non riesce a sussistere».

Non leggeremo passaggi come questi sui giornali: ci si deve riferire all’originale. Nel quale – parlo sempre dell’enciclica – capita pure di imbattersi nei versi di Eliot: «Avete forse bisogno che vi si dica che perfino quei modesti successi/ che vi permettono di essere fieri di una società educata/ difficilmente sopravvivranno alla fede a cui devono il loro significato?». La barbarie dell’indifferenza globalizzata è propria di una civiltà senza la fede. Parola del Papa (non ripresa dalle agenzie).

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •