Google+

Oscar Giannino. Gli articoli su Tempi

luglio 20, 2012 Redazione

Oscar Giannino nasce a Torino nel 1961. Giornalista poliedrico specializzato in temi riguardanti l’economia, collabora con Tempi dall’agosto 2006.

Oscar Giannino nasce a Torino nel 1961. Giornalista poliedrico specializzato in temi riguardanti l’economia, collabora con Tempi dall’agosto 2006.
Laureato in giurisprudenza, nel 1984 diventa segretario della federazione giovanile del Partito Repubblicano Italiano. Dal 1987 al 1994 è portavoce nazionale del PRI e lavora come giornalista a La Voce Repubblicana, organo di stampa del PRI, di cui nel 1988 diventa caporedattore. Nel 1995 abbandona il PRI e inizia a scrivere per il mensile Liberal e nel 1998 viene promosso a vicedirettore della testata. Nel 1999 è responsabile economia presso Il Foglio. In seguito si trasferisce al Riformista come vicedirettore, con Antonio Polito. Nel 2005 è conduttore di “Batti e ribatti”, programma di approfondimento politico in onda su Raiuno. Nello stesso anno è vicedirettore di Finanza&Mercati. Dal 2007 al 2009 è direttore di Libero Mercato, allegato economico-finanziario di Libero, diretto da Vittorio Feltri. Nel 2009 apre Chicago-blog.it in collaborazione con l’Istituto Bruno Leoni. Dallo stesso anno conduce una trasmissione su Radio 24 dal titolo “Nove in punto, la versione di Oscar”, in onda tutte le mattine alle 9,00. È membro del comitato scientifico della Fondazione Italia-USA. Giannino è anche co-direttore del mensile Capo Horn e editorialista per Il Mattino, Panorama, Il Gazzettino e Il Messaggero.

Alcuni dei suoi articoli su Tempi

Il caso della banca milanese interroga tutto il sistema 

Spread, segnali pesanti per l’Italia | Tempi.it

Ora si fa, non si rimandi la svolta a nuove elezioni 

Partiti inadeguati, presto un manifesto ammazzatasse | Tempi.it

Dobbiamo aspettarci una nuova botta di spread | Tempi.it

Consiglio europeo: l’analisi di Oscar Giannino | Tempi.it

Cari lettori di Tempi, se volete salvare il Pdl, fatevi avanti voi | Tempi.it

Di qua un Pd con Saviano, di là niente | Tempi.it

Mezza Italia è senza “casa politica”. Ne parliamo? | Tempi.it

Vi spiego il boom dei grillini | Tempi.it

Comune di Milano, intervista a Oscar Giannino | Tempi.it

I nemici dello Stato leggero non molleranno presto l’osso Formigoni | Tempi.it

Troppe polemiche partigiane sul “papello”. Io non ci sto | Tempi.it

Fukushima, un anno dopo. Quante bugie ci hanno detto sul nucleare | Tempi.it

In pochi anni la Germania ha creato 2,5 milioni di posti di lavoro. Copiamo? | Tempi.it

Mi auguro di sbagliare ma credo che l’euro abbia fallito | Tempi.it

Il rischio per l’Italia è la spirale greca. È l’ora della responsabilità | Tempi.it

Monti? Se vi aspettavate Lutero, eccovi un oculato domenicano | Tempi.it

Senza gli “ottimati” ci saremmo giocati molto più di un’elezione | Tempi.it

Al Pdl serve un leader vero per non perdere voti e alleati | Tempi.it

Il vero dilemma non riguarda Monti ma la tenuta dell’euro | Tempi.it

Insisto, discontinuità nel Pdl o vincerà il partito tasse&pm | Tempi.it

I manifesti, le paure e le disillusioni degli industriali | Tempi.it

Ora anch’io “cagnolino” laico potrò cibarmi alla mensa ambrosiana | Tempi.it

Tre potenti molle dietro al crollo delle banche e di Piazza Affari | Tempi.it

Alta velocità: disperato è quel paese che non può tenere testa ai no-Tav | Tempi.it

Referendum: ora tocca a noi difendere una prospettiva liberale | Tempi.it

Intervista a Oscar Giannino: il centrodestra dia più spazio a Regione Lombardia, che può costruire una nuova offerta politica | Tempi.it

Intervista a Oscar Giannino, ospite del programma Gli spari sopra | Tempi.it

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. angelo says:

    faccio presente che Parguez,gia consigliere economico di Mitterrand,disse ,non abbiamo ideal di quanto gli “inventori” dell’euro odiassero l’Italia e la vitalità creativa della sua economia, capace di rivaleggiare con la Germania dopo aver surclassato, in molti settori, grandi potenze come Francia e Gran Bretagna.
    Capito a cosa serviva l’euro?
    A distruggerci..
    L’Italia non aveva i conti a posto e i partner lo sapevano
    ma andava fermata..visto la sua capacità produttiva se fosse stata unita anche alla possibilità di usare una moneta meno forte..
    avremmo surclassato Germania e Francia insieme..
    nel 98 eravamo il primo manifatturiero europeo.dopo l’euro siamo precipitati indietro.. sia come occupazione peggiorata,pil peggiorato,debito peggiorato,debito peggiorato,inflazione reale peggiorata,liquidità peggiorata..

    l’euro è stata la rivincita del capitale-finanza (che si possono generare solo su grandi aziende) sul lavoro-inventiva
    ecco perchè l’euro è stato disegnanto sul modello delle grandi aziende del nord europa e non su quella delle piccole agili ed innovative come quelle italiane..
    (ma stragrande maggioranza delle imprese italiane sono piccole e reggono il 65% del PIL,essendo cosi’ piccole non sono adatte a capitale e finanza in più rimangono in mano alle loro famiglie invece di finire in mano a banche e fondi,come invece sta accadendo ora con la crisi creata ad hoc per determinare carenza di liquidità e quindi fallimenti e quindi svendite..
    )
    Era l’unico modo per distruggerci e ci sono riusciti o quasi..
    Ovviamente hanno avuto bisogno di cavalli di troia,i nostri politici,alte cariche e banchieri,nonchè giornalisti servi infami!
    Che nascondono queste cose..profumatamente pagati!

    a Giannino chi glielo dice che ancora dorme?
    voi dell’istituto Leoni invece di proporre un fondo forzoso di immobili privati ,roba che meriterebbe un tribunale speciale per alto tradimento
    fatevi un esame di coscienza su quello che state combinando
    ..

    saluti

    PS
    «Se mai gli americani consentiranno a banche private di emettere il proprio denaro – ammoniva profeticamente Thomas Jefferson – le banche e le grandi imprese priveranno la gente delle proprietà di ciascuno, finché i figli di sveglieranno senza tetto nel continente conquistato dai loro padri».
    quindi non vi illudete che molti italiani conoscono bene la radice del male..

    • empar says:

      Le solite ridicole paranoie dell’Euro che sarebbe stato addirittura inventato apposta per distruggere l’Italia (…quale onore) e “disegnato sul modello delle grandi aziende del nord europa” (?), infarcite dal solito incolpare in quattro righe l’Euro di essere stato la fonte di tutti mali italiani.
      Queste sono le “argomentazioni” degli eurofobi-tipo… anche se il P.S. in questo caso ci fa capire la provenienza esatta di commenti simili: l’amico Angelo ha abboccato alle altrettanto deliranti paranoie dei “signoraggisti”.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV francese monta un nuovo turbo a benzina, capace di 300 Nm a 1.900 giri e di un consumo medio dichiarato di 5,9 l/100 km. Perfetto per i mercati di tutto il mondo

L'articolo DS 7 Crossback Puretech, 225 cv per il benzina top di gamma proviene da RED Live.

Molti avrebbero voluto vedere una Foxy con ruote da 29″, così da renderla più versatile ed esasperarne la capacità di tritare tutto ciò che le passa sotto, sia in salita sia in discesa. Detto, fatto. La Foxy Carbon 29 è arrivata, ma sbaglia che pensa che ci sia stato solo un banale cambio ruote perché […]

L'articolo Mondraker Foxy Carbon 29 m.y. 2018 proviene da RED Live.

   LIVE    Della più recente generazione di MINI Countryman abbiamo parlato con la prova della Cooper SD e della Cooper S E. Ora è il momento di guidare la MINI Countryman Cooper S, una versione indubbiamente ricca di fascino, che monta il quattro cilindri in linea di 2 litri, accreditato di 192 cv di potenza e […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper S proviene da RED Live.

La gamma Renault si rinnova e si semplifica; meno allestimenti ma più ricchi e tecnologici.

L'articolo Renault Megane, arrivano tre nuovi allestimenti proviene da RED Live.

Esemplare unico, s'ispira non solo alla leggendaria F40 ma anche all'iconica 308 GTB. Ha già girato con il suo nuovo proprietario a Fiorano ma il debutto ufficiale in società è previsto a Villa d'Este

L'articolo Ferrari SP38, la one-off su base 488 GTB proviene da RED Live.