Mini-me: quando l’accessorio delle star sono le figlie

Elisabetta Gregoraci l’ha detto di recente: «Voglio una bambina». Suri Cruise, figlia di Katie Holmes, è l’unica bambina che non assomiglia a una mini-me, il nuovo e perfetto accessorio delle dive

Mini-me è il clone del dottor Male nella saga cinematografica di Austin Powers, un clone che si costruisce in formato tascabile, appunto, 1:8. Mini-me nelle fotogallery dei tabloid inglesi e delle paginate di periodici americani è un termine ormai sempre più in uso e sta a indicare le star che hanno l’accessorio del momento. Una bambina al di sotto dei dieci anni, ovviamente di bellissimo aspetto, da portare sempre con sé. «Voglio una bambina» dichiarano ai quattro venti non appena scoprono di essere incinte le star, o meglio ancora fanno sapere di voler esserlo. Anche Elisabetta Gregoraci l’ha detto di recente. «Voglio una bambina» è il nuovo tormentone per essere nel giro giusto delle supermommy. Perché diciamocelo, sono tanto belli i maschietti, ma per una fashion addicted c’è molto più gusto a vestire una bambina. Possibilmente in copia.

Esclusa da questo giro, nonostante la piccola Suri sia una delle bambine più fotografate del mondo, e abbia appena 5 anni, è Katie Holmes. Suri ha un guardaroba migliore del suo, sfoggia ballerine Laboutins da centinaia di dollari, possiede una carta di credito, se ha voglia passeggia nel parco con un tutù da danza senza che la madre che la insegue sciatta possa opporsi. Insomma, è il contrario di una mini-me: ha una sua volontà propria, non può fungere come accessorio.

Il contrario di quello che fa Victoria Beckham con la sua piccola (e tanto voluta, dopo tre maschi) Harper Seven. Vic non ha minimamente cambiato il suo look in tacchi alti, occhiali da sole e aria serissima. Una carrozzina le turberebbe l’outfit, e quindi l’ha bandita, preferendo portare la piccola in braccio, come una volta faceva con le sue Birkin di Hermes, per esporla meglio, nei suoi vestitini Burberry e Bonpoint, per la quale disegna anche copie dei suoi vestiti in versione mignon. Harper in quanto mini-me ha anche la stessa espressione della madre. Arcigna e mai sorridente: una clone a tutti gli effetti.

Nella classifica delle mamme che hanno bambine da paparazzare, c’è anche Sarah Jessica Parker, che voleva così tanto due mini-me da averle avute con fecondazione assistita più utero in affitto. Tabitha e Marion adesso sono sempre accanto a lei, vestite in maniera impeccabile. C’è poi Jessica Alba, recentemente avvistata in centro estetico impegnata in una doppia manicure, per lei e per la piccola Honor Marie. Nell’asilo delle star è presente anche Valentina Paloma, figlia di Salma Hayek, Jennifer Garner e la sua Seraphina, Jennifer Lopez e Emma, una dei due gemelli che ha avuto. Non dite quindi a Paris Hilton che i cani da borsetta non sono più di moda. Potrebbe voler diventare madre anche lei.