Milano per la vita. Ambrogino d’oro a Paola Bonzi

L’importante riconoscimento assegnato all’anima del Centro aiuto alla vita della clinica Mangiagalli. Per lei si erano spesi anche esponenti pro choice e radicali

A Paola Bonzi sarà assegnato l’Ambrogino d’oro, importante riconoscimento che Milano assegna ogni anno alle personalità più significative della città. Un riconoscimento importante, che è stato proposto e sostenuto da un nutrito gruppo di cittadini milanesi (capitanati da Nicolò Mardegan, consigliere provinciale e di zona) e sul quale si sono espressi positivamente anche personalità come la ginecologa pro choice Alessandra Kustermann e il radicale Lorenzo Strik Lievers (qui l’intervista a tempi.it).

Una buona notizia, insomma, che dà finalmente il giusto riconoscimento all’esperienza di Bonzi e del centro Aiuto alla Vita della Mangiagalli che da oltre trent’anni aiuta le donne a essere più consapevoli (e, soprattutto, a non sentirsi sole) davanti alla scelta della maternità e dell’aborto. Bonzi, infatti, con la sua instancabile opera ha aiutato 16 mila donne a far nascere i propri figli. Una vittoria anche contro ideologie che ormai hanno fatto il loro tempo, rappresentate da quegli esponenti della sinistra che si erano opposti alla candidatura di Bonzi.