Google+

L’Uganda attende il Papa: «Temiamo la colonizzazione ideologica»

novembre 16, 2015 Benedetta Frigerio

Dopo Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, l’Africa aspetta Francesco. Parla il sacerdote ugandese Kalungi: «Ci sono delle forze che vogliono distruggere il tessuto morale del nostro paese»

6 febbraio 1993, Kampala. Papa Giovanni Paolo II parla ai giovani radunati nello stadi di Nakivubo: «Non lasciatevi ingannare dalle vuote parole di coloro che mettono in ridicolo la castità (…) Il vincolo sessuale della castità è l’unico modo sicuro e virtuoso per porre fine alla tragica piaga dell’Aids che tante giovani vittime ha mietuto». 17 marzo 2009, di ritorno dall’Africa. Papa Benedetto XVI risponde ai giornalisti in aereo: «Non si può superare questo problema dell’Aids solo con soldi, (…) non si può superarlo con la distribuzione di preservativi: al contrario, essi aumentano il problema».

COLONIZZAZIONE IDEOLOGICA. Dal 25 al 30 novembre toccherà a papa Francesco visitare il Continente nero e affrontare quella che lui stesso ha definito una nuova «colonizzazione ideologica» del «popolo con un’idea che cambia o vuol cambiare una mentalità». I paesi che accoglieranno il Papa sono Kenya, Uganda e Repubblica Centrafricana. Padre Herman-Joseph Kalungi, sacerdote ugandese della diocesi di Masaka, ha spiegato a Cna le principali preoccupazioni della Chiesa locale: «Ci sono molte forze immorali che, in un modo a noi inspiegabile, vogliono distruggere il tessuto morale del nostro paese. (…) Ecco perché promuovono la contraccezione, ecco perché promuovono l’omosessualità» e la legalizzazione delle unioni fra persone dello stesso sesso. Le organizzazioni internazionali e i governi «anziché aiutarci a coltivare il cibo, a costruire delle fattorie o ad accedere alle cure medicinali ci suggeriscono di avere meno bambini».

PROGRAMMA ABC. Queste «pressioni esterne» arrivano in un momento in cui «una buona parte degli ugandesi pensa che il miglior approccio nella lotta all’Aids sia l’astinenza e la fedeltà». Questo pensiero è sostenuto scientificamente dal ricercatore agnostico di Harvard, Edward Green, che nel 2009 sul Washington Post difese Benedetto XVI, perché «l’attuale evidenza empirica dà ragione al Papa». Il governo ugandese riuscì infatti a ridurre la diffusione del virus, aggravata dalle politiche contraccettive, adottando il programma Abc (Absti­nence, Be faithful, Condom, dove il preservativo è la strategia di ripiego per chi non riesce a modificare il suo comportamento in termini di fedeltà o astinenza). Se non diminuiscono le spinte a favore dei preservativi, sempre secondo Green, è anche per colpa degli enormi interessi ideologici ed economici legati alle case farmaceutiche.

L’ATTESA DEGLI UGANDESI. Gli ugandesi, che hanno un grande «senso di Dio», attendono «il messaggio del Vangelo che vorrebbero mettere in pratica al di là delle difficoltà» di natura politica e sociale. I conflitti e la povertà, la mancanza di istruzione e la situazione sanitaria sono gli altri mali che affliggono il paese, anche se «nel mezzo di problemi enormi l’Uganda è sempre stata capace di andare avanti». La visita del Papa, conclude padre Kalungi, «farà certamente la differenza».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Alberto says:

    Da quando in qua impedire che i gay vengano messi in galera o condannati a morte è “colonizzazione” ideologia ?

    • giovanna says:

      Cara “alberto”, hai stufato, ma proprio stufato.
      Non ci sono altri siti da ammorbare ?
      Impègnati e , oltre a quelli che già ammorbi, ne puoi trovare altri e smettere di molestare qui.

      Si fa per dire, non ti schiodi di qua nemmeno con le cannonate : come passeresti il tempo ?
      Certo che un caso pietoso come il tuo si incontra raramente, o magari il web evidenzia una miseria umana che nelle case è nascosta ai più.
      Per esempio, i tuoi vicini, posto che tu ne abbia, sanno in che condizioni vivi ?

      Poi, se c’è una persona, cara, cui dei gay frega meno di zero, quella sei tu.
      Io , se fossi un gay, ti denuncerei per ridicolizzazione della categoria.
      I tuoi numerosi nick gay non si presentano come persone, ma come macchiette, dallo stupidotto “daniele” al pericoloso “micheleL”.

      Ah, scusa se non entro nel merito della tua insulsa frase : con una malafede così evidente, sarebbe del tutto inutile.
      Ed io, al contrario tuo, di tempo da perdere non ne ho.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.