Le equazioni non sono più un affare da genitori

“Mamma, papà, mi aiutate a fare i compiti?”. Questa è la domanda alla quale prima o poi un genitore deve rispondere. Quasi peggio del temutissimo “Come nascono i bambini?”, sopratutto se l’aiuto richiesto riguarda i compiti di matematica. Una ricerca effettuata dalla Pearson, azienda che aiuta ragazzi con problemi di apprendimento, ha dimostrato che solo un genitore su venti riesce a risolvere i problemi di algebra con i nuovi metodi di insegnamento. E solo il 5 per cento dei duemila papà e mamme usati come test hanno risposto esattamente a dieci domande estratte dai compiti in classe di scuola media.

METODI DIVERSI. I genitori hanno ammesso di rimanere sconcertati dai nuovi metodi di risolvimento di problemi ed equazioni e a ciò spesso si aggiunge la non dimestichezza con le materie algebriche. Infatti, solo il 39 per cento dei genitori testati è stato in grado di risolvere le frazioni destinate a bambini di otto anni. Intanto è stato da poco inaugurato un sito che permette ai bambini di avere correzioni istantanee dei problemi che devono risolvere, Madeeasy.com. Gli insegnanti assegnano ai bambini i compiti da svolgere e li correggono online, di modo che i genitori possano tenere traccia dei progressi dei loro figli, così da non avere sorprese al colloquio con i professori. Chiedete tutto ai genitori, ma lasciateli liberi di non ricordarsi come si risolvono le equazioni di terzo grado.