Google+

L’ultimo sfregio è lasciare morire Alfie nell’ombra

aprile 12, 2018 Redazione

Nel «superiore interesse del minore», il giudice ha deciso che non sarà comunicato né il giorno né l’ora in cui saranno staccati i supporti vitali al piccolo

Come già accaduto per Charlie Gard e Isaiah Haastrup anche al piccolo Alfie Evans saranno staccati i supporti vitali che lo condurranno alla morte. È quanto deciso ieri dal giudice dell’Alta Corte di Londra, Anthony Paul Hayden, che ha così decretato per sentenza il decesso del piccolo affetto da una rara e misteriosa malattia degenerativa.

Il fatto da mettere in rilievo è che non sarà reso noto né il giorno né l’ora in cui avverrà il distacco. Questo, ufficialmente, per proteggere i medici e gli infermieri dell’Alder Hey Children Hospital di Liverpool dalle possibili rimostranze del sostenitori dei familiari. Ma davvero c’era questo pericolo? Che cosa si temeva da un “esercito” armato solo di preghiere e cartelli?

Poi c’è il cosiddetto «interesse superiore del bambino», quello evocato da Hayden che ha definito «inopportuni» i video del piccolo che ieri i genitori hanno cercato di mostrare in udienza; il giudice s’è lamentato del fatto che i filmati «violano la privacy di Alfie». Il paradosso è che per non violare la sua privacy lo si fa morire. Lo si uccide di nascosto, nel silenzio, nel segreto. Eppure c’era l’ospedale Bambin Gesù di Roma pronto ad accogliere Alfie: forse i medici italiani non avrebbero potuto salvarlo, ma almeno l’avrebbero curato fino all’ultimo, alla luce del sole, sottraendolo all’onta di lasciarlo morire così, nell’ombra, per non disturbare niente e nessuno. Nemmeno la nostra coscienza.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara, composto da maglia e salopette corta+, disponibili a partire da 89,95 euro.

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.

Anlas, azienda di pneumatici turca nata nel 1974, presenta le sue prime gomme dedicate all’enduro estremo. Si chiamano Anlas Capra Extreme e rispettano il regolamento FIM.

L'articolo Anlas Capra Extreme, per correre in enduro proviene da RED Live.

Dopo 18 anni il Museo Piaggio si rinnova e e cresce da 300 a 500 m². Con 5 collezioni e 250 pezzi è la più grande esposizione in Italia dedicata al motociclismo.

L'articolo Nuovo Museo Piaggio; 500 m² di sogni. proviene da RED Live.

Nata nel 1948, la Casa di Stoccarda raggiunge l'importante traguardo dei 70 anni di vita. Più arzilla che mai guarda al futuro senza mai perdere di vista il passato. Dal prodotto al motorsport

L'articolo Porsche, un viaggio lungo 70 anni proviene da RED Live.