Google+

L’ultimo sfregio è lasciare morire Alfie nell’ombra

aprile 12, 2018 Redazione

Nel «superiore interesse del minore», il giudice ha deciso che non sarà comunicato né il giorno né l’ora in cui saranno staccati i supporti vitali al piccolo

Come già accaduto per Charlie Gard e Isaiah Haastrup anche al piccolo Alfie Evans saranno staccati i supporti vitali che lo condurranno alla morte. È quanto deciso ieri dal giudice dell’Alta Corte di Londra, Anthony Paul Hayden, che ha così decretato per sentenza il decesso del piccolo affetto da una rara e misteriosa malattia degenerativa.

Il fatto da mettere in rilievo è che non sarà reso noto né il giorno né l’ora in cui avverrà il distacco. Questo, ufficialmente, per proteggere i medici e gli infermieri dell’Alder Hey Children Hospital di Liverpool dalle possibili rimostranze del sostenitori dei familiari. Ma davvero c’era questo pericolo? Che cosa si temeva da un “esercito” armato solo di preghiere e cartelli?

Poi c’è il cosiddetto «interesse superiore del bambino», quello evocato da Hayden che ha definito «inopportuni» i video del piccolo che ieri i genitori hanno cercato di mostrare in udienza; il giudice s’è lamentato del fatto che i filmati «violano la privacy di Alfie». Il paradosso è che per non violare la sua privacy lo si fa morire. Lo si uccide di nascosto, nel silenzio, nel segreto. Eppure c’era l’ospedale Bambin Gesù di Roma pronto ad accogliere Alfie: forse i medici italiani non avrebbero potuto salvarlo, ma almeno l’avrebbero curato fino all’ultimo, alla luce del sole, sottraendolo all’onta di lasciarlo morire così, nell’ombra, per non disturbare niente e nessuno. Nemmeno la nostra coscienza.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.