Google+

La fidanzata del terrorista di Trèbes dispiaciuta che non ci siano stati più morti

marzo 27, 2018 Leone Grotti

La giovane francese si è convertita all’islam ed è sospettata di aver aiutato Lakdim a preparare l’attentato. Avrebbe rilasciato diverse dichiarazioni inquietanti

La fidanzata 18enne di Radouane Lakdim, il terrorista islamico naturalizzato francese che venerdì ha ucciso quattro persone nell’attentato a Carcassonne e Trèbes, è stata fermata venerdì dalla polizia e ha un profilo inquietante. Come riportato dai quotidiani locali, si è convertita all’islam nel 2016 e dall’anno successivo è stata schedata dai servizi d’Oltralpe nella lista dei sospetti jihadisti, anche se il suo livello di pericolosità era considerato “basso”.

Su Facebook si presenta come «simpatizzante dello Stato islamico» e davanti agli inquirenti ha negato di avere partecipato all’attentato del fidanzato, anche se ha ammesso di essere dispiaciuta che non ci siano state più vittime. La giovane ha sostenuto che non era a conoscenza delle intenzioni del terrorista, anche se poche ore prima che Lakdim entrasse in azione, la ragazza postava su Facebook una sura del Corano, la quale recita che i miscredenti andranno all’Inferno.

La giovane (il cui nome non può essere diffuso) è francese, originaria di Carcassone «e ha un cognome francese molto comune». Secondo quanto riportato da France Info, che ha intervistato la madre e alcuni vicini, aveva cominciato a frequentare Lakdim tre anni fa e i due volevano sposarsi con rito islamico. «Era solo la sua ragazza, ha solo avuto la sfortuna di innamorarsi di quel pezzo di merda». Un vicino ha dichiarato: «La conoscevo, sono scioccato. Era una ragazza ben educata, discreta, francese, normale. Non l’ho mai vista con il velo».

Quando è stata fermata dalle forze dell’ordine ha subito gridato: «Allahu Akbar». Secondo il procuratore di Parigi, François Molins, «manifesta tutti i classici segni di radicalizzazione». Secondo un’indiscrezione di Rtl, si sarebbe mostrata «fredda e arrogante» davanti agli inquirenti durante l’interrogatorio e avrebbe detto di «essere contenta di quanto successo. Peccato solo che non ne abbia uccisi di più». Ha anche aggiunto che se Lakdim gliel’avesse chiesto, avrebbe partecipato alla strage.

Secondo Molins, i due giovani non erano più in contatto da gennaio, ma la ragazza è sospettata di aver aiutato Lakdim ha costruire gli ordigni artigianali che sono stati ritrovati all’interno del supermercato colpito Super U di Trèbes.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara. Composto da maglia e salopette corta+ è disponibile a partire da 89,95 euro

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.

Anlas, azienda di pneumatici turca nata nel 1974, presenta le sue prime gomme dedicate all’enduro estremo. Si chiamano Anlas Capra Extreme e rispettano il regolamento FIM.

L'articolo Anlas Capra Extreme, per correre in enduro proviene da RED Live.