Hollande anticipa l’approvazione del matrimonio gay di un mese. «Siamo in una dittatura»

Manifestazione spontanea di 7 mila persone contro l’approvazione anticipata della legge in Senato.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

«Hollande vuole il sangue e lo avrà». Durissima la reazione della portavoce della Manif Pour Tous, che si oppone in Francia alle nozze gay, alla notizia che la legge che legalizza matrimonio e adozione gay in Senato è passata con diversi giorni di anticipo. «Il presidente ha ghigliottinato il popolo – insiste arrabbiata, quasi piangendo – ci costringe ad uscire dal perimetro della legge. Siamo tutti furiosi, siamo in una dittatura! Hollande non ha ascoltato migliaia di francesi che sono scesi in piazza in queste settimane».

APPROVAZIONE ANTICIPATA. La Manif Pour Tous ha organizzato due grandi manifestazioni a Parigi negli scorsi mesi, portando in piazza oltre un milione di persone e chiedendo al presidente di ritirare la legge e sottoporla a referendum popolare. Il 55 per cento dei francesi è contrario all’adozione per le coppie gay, prevista dalla nuova legge. Ma Hollande non li ha ascoltati, rifiutandosi persino di ricevere gli organizzatori dopo la seconda manifestazione e ha accelerato l’approvazione della legge, che tornerà alla Camera mercoledì prossimo invece che il 20 maggio.

CAMBIA LA REGOLA SUL COGNOME. «Il presidente della Repubblica si prende il rischio di un confronto violento con i francesi» ha affermato Christian Jacob, capogruppo in Parlamento del gruppo Ump, principale partito di opposizione francese. Il Senato ha esaminato 280 emendamenti e la legge è rimasta invariata, tranne che in qualche dettaglio. In caso di disaccordo sul cognome da dare al bambino, ad esempio, prenderà entrambi i cognomi dei genitori in ordine alfabetico.

PROTESTA IMMEDIATA. In attesa di una nuova manifestazione di protesta il 26 maggio, ieri sera 7500 francesi appartenenti alla Manif Pour Tous si sono trovati a Parigi, tra il Senato e la Sorbona, per protestare contro la legge approvata da poche ore. «È aberrante quello che hanno fatto» dichiara un manifestante. «Distruggono la democrazia» afferma un altro, tutti portando la maglia con il logo di una famiglia (mamma, papà e due bambini) e scandendo slogan: «Francois [Hollande, ndr], non vogliamo la tua legge!».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •