Google+

Gay pride sì, presepe no. Il vademecum sulla laicità dei sindaci francesi

novembre 20, 2015 Leone Grotti

Dopo un anno di lavoro, l’Amf ha pubblicato un documento per spiegare ai sindaci come applicare alla perfezione la «neutralità repubblicana»

Gay pride sì, presepe no. I canti Gospel possono anche andare bene, ma solo se seguiti o preceduti da concerti di musica sufi. La laicità, si sa, è l’ossessione della Francia ma da tempo il modo più corretto di tradurre in italiano laïcité è laicismo. La presunta neutralità dello Stato, infatti, portata alle sue estreme conseguenze, diventa negativa e finisce per negare non solo storia, tradizione e cultura di un paese ma anche il buon senso.

IL VADEMECUM. Dopo un anno di lavori, ieri l’Associazione dei sindaci francesi (Amf) ha pubblicato un vademecum per illustrare quale deve essere il corretto comportamento di un sindaco, o di qualunque altro eletto, rispettoso della laïcité. Non si tratta di tenute di condotta obbligatorie, specifica La Croix, ma di consigli sull’esercizio ideale delle funzioni da parte di ogni funzionario pubblico. Il «vademecum» è stato considerato «urgente» viste «le continue deroghe alla laïcité che sono state fatte e che hanno condotto a una deriva».

NEUTRALITÀ A MESSA. L’Amf, dunque, «invita tutti gli eletti nella loro attività pubblica ad astenersi dal mostrare le proprie convinzioni religiose o filosofiche». Ad esempio, «la partecipazione a cerimonie religiose può avvenire ma solo nel rigoroso rispetto della neutralità repubblicana, cioè senza manifestare la propria credenza o non credenza». Le religioni però non vanno parimenti offese e dunque bisogna togliersi le scarpe quando si entra in una moschea e indossare la kippah quando si entra in sinagoga.

NIENTE BATTESIMI DI NAVI. I sindaci possono ovviamente promuovere manifestazioni culturali legate alla religione, purché ci siano però tutte le religioni. Di conseguenza, «la programmazione culturale di un comune può naturalmente comportare dei momenti artistici a sfondo religioso (ad esempio, sul tema musicale: un concerto di musica sufi, di musica ebraica, di Gospel o una messa della passione di Bach) ma a condizione di rispettare equilibrio e diversità». Appoggiare invece espressioni «tradizionali» della fede è pericoloso e quindi il documento mette in guardia da «potenziali infrazioni della laïcité se si dà il proprio sostegno a manifestazioni considerate tradizionali (processioni, troménie, battesimi o benedizioni di navi…)».

VIETATO IL PRESEPE. Un simile documento poteva esimersi dal pronunciarsi sull’annoso problema dell’installazione su suolo pubblico di presepi per Natale? Ovviamente no. L’Amf ritiene dunque che «il presepe non sia compatibile con la laicità», anche se alcune sentenze di tribunali francesi hanno stabilito il contrario. Ma i sindaci di Francia si lamentano anche di questo e criticano una certa giurisprudenza che «non trovandosi d’accordo [sul tema] nuoce alla comprensione della laïcité». Ecco perché, dulcis in fundo, l’Amf interpella il ministro degli Interni, responsabile anche dei culti, per chiedergli un «chiarimento legislativo». Sarà la Francia il primo paese nella storia a vietare il presepe?

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

15 Commenti

  1. angelo says:

    Questo è solo uno dei tanti esempi della “imbecillitè” francese.
    Vorrei citare anche il divieto della esibizione dei simboli religiosi nelle scuole, la persecuzione (e fino incarcerazione) di quelli che giravano con la maglietta della Manif pour Tous, la demolizione della statua di Giovanni Paolo II.
    La “laicitè” è una grande balla, e diventa una religiosità atea (per di più imposta a tutti). E come se tu volessi abolire i colori. il “non colore” non esiste. Bene o male un colore ci deve essere.

  2. Alvisi says:

    Adesso si è venuto pure a sapere che una delle menti della strage era un noto frequentatore di locali gay.

  3. Elisa says:

    Che c’entra il presepe, espressione di un credo religioso, con il gay pride, una manifestazione per ottenere diritti civili?? Siete l’anti-informazione..

    • Giannino Stoppani says:

      E manifestare un credo religioso non è un diritto civile?

      • Elisa says:

        No, tappezzare la città di un Paese laico con i presepi NON è un diritto civile! Soprattutto in un Paese come la Francia che concepisce la laicità come astensione da ogni fede religiosa. Perchè mettere il presepe sullo stesso piano del gay pride?? Ma che avete nel cervello??

        • Sebastiano says:

          Ti è sfuggito un piccolo particolare: non si tratta di “astensione” ma di PROIBIZIONE (persino dei crocifissi al collo e delle magliette).
          Non ci vuole un grande sforzo per apprezzare la differenza.
          E mentre per l’ideologia del Gay Pride i sindaci sono tutti ginocchioni a magnificarne la bellezza, per tutto ciò che non è allineato al Pensiero Unico vale la fatwa laicista del “rintanatevi a casa vostra”.
          Ti è chiaro ora il nesso?

        • Nino says:

          @elisa: inutile … non capiscono la differenza

          • Giannino Stoppani says:

            Suvvia caro il mio omino di burro, spiegacelo te, per benino, che differenza c’è tra un bel gheipraid sculettante e una processione del Corpus Domini e sopratutto per quale motivo uno stato laico dovrebbe tollerare il primo e vietare la seconda.

        • Cisco says:

          @Elisa

          Ha ragione Nino, non capiamo proprio come ai faccia. In un paese laico, a manifestare liberamente il proprio pensiero. Ma in particolare io non riesco a capire come si faccia per “tappezzare” la città con dei presepi: deve essere una nuova tecnica futurista. Meglio tappezzare la città – soprattuto luoghi omofobi come chiese, sinagoghe e moschee – con manifesti arcobaleno: deve essere la famosa “fraternite'”

  4. Livio says:

    questi vademecum fanno venire l’eczema. troppa melassa da ingoiare.

  5. Menelik says:

    La Francia ha una sola speranza di riemegere dalla palude in cui si trova:
    MARINE LE PEN.
    Forza FN !!!!!!!!

    • Cisco says:

      @Menelik

      Purtroppo Marine Le Pen e’ laicista quanto Hollande, con la differenza che non vuole immigrati islamici, cioè ormaii tra i pochi, in Francia, a gradire ancora un Presepe….

  6. Cisco says:

    L’unica e’ fare un presepe buddista con le statuine del Gay Pride, forse così anche Hollande gradirebbe. Magari partecipando persino al suo “battesimo”… Pardon, “eutanasia”…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.