Google+

Francia. «Voleva decapitarmi, gridava Allahu Akbar. Perché non è terrorismo?»

luglio 21, 2017 Redazione

Yves è un agricoltore scampato di poco a un attentato in Francia. L’aggressore era sotto osservazione come potenziale terrorista, ma il caso è stato declassato come reato comune

francia-yves-terrorismo

È ormai passato un mese, ma Yves è ancora scosso. Il 18 giugno si trovava come ogni giorno nei suoi campi con un altro agricoltore nel dipartimento di Lot-et-Garonne, nel sud della Francia, quando è stato aggredito da un musulmano armato di coltello che gridava «Allahu Akbar!».

“FICHÉ S”. Ieri la Corte criminale di Agen ha cominciato ad occuparsi del caso, ma prima dell’inizio della prima udienza l’agricoltore si è lamentato, non riuscendo a capire perché il processo non sia stato preso in carico dalla procura anti-terrorismo. Il terrorista infatti era uno dei tanti “fiché S”, le persone cioè schedate dalle autorità come estremamente pericolose per la sicurezza nazionale.

«VOLEVA DECAPITARMI». Yves è riuscito a reagire all’attacco e ha rimediato solo una ferita alla spalla ma poteva andare molto peggio: «Quel pazzo voleva tagliarmi la testa. È arrivato gridando “Allahu Akbar”. Potevo morire», esprime il suo disappunto a Bfmtv. «Se non è un attentato terroristico questo, non so che cosa sia. Io non sono un politico, non sono un poliziotto. Diciamo sempre che i “fiché S” non possono essere arrestati prima di compiere un attentato. Va bene, ma io ho rischiato di essere decapitato a 500 metri da casa mia. E ora lo si considera un criminale comune. Se fosse successo a Parigi, le cose sarebbero andate diversamente».

MANCANO LE PROVE? Secondo il difensore dell’aggressore, dalle perquisizioni in casa «del mio assistito non è stato rinvenuto nessun elemento che possa far pensare a un suo legame con una cellula terroristica. È giusto dunque che sia processato solo per violenza armata, un reato di diritto comune».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Marbella (Spagna) – La Yamaha più venduta ha le forme essenziali ma non prive di fascino della MT-07. Lanciata nel 2014, ha inanellato record dopo record, totalizzando oltre 120.000 pezzi consegnati. L’Europa è il suo mercato d’elezione, ma anche gli Stati Uniti fanno la loro parte. A quattro anni dall’esordio, la MT-07 cambia più nella […]

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi