Cina. Cinque croci rimosse da chiese cattoliche in una settimana

La campagna di demolizione delle croci nella provincia di Zhejiang, in Cina, non è più confinata alla diocesi di Wenzhou. Il partito comunista ha preso di mira nell'ultima settimana quattro chiese cattoliche nella diocesi di Taizhou e una chiesa nella diocesi di Hangzhou.


Il 2 luglio la croce della chiesa Xiaoshan del Sacro cuore di Gesù è stata demolita. Le autorità hanno spiegato ai sacerdoti locali che le chiese devono essere «sinizzate». «Quando abbiamo chiesto alla polizia cosa significhi, ci hanno detto che non lo sapevano ma che le croci andavano rimosse», ha dichiarato una fonte locale a Ucanews.



A maggio, nel pieno della campagna denominata «Tre rettifiche e una demolizione», è stato approvato dal partito comunista un documento che proibisce alle chiese di erigere le croci sui tetti. Secondo una fonte cattolica di Hangzhou, «i preti parrocchiali sono stati lasciati soli dalla gerarchia ecclesiale ad affrontare le pressioni politiche. Le autorità hanno detto ai preti che se non lasceranno che le croci vengano demolite, verranno abbattute direttamente le chiese. Per loro è un dilemma».


Alcuni preti «hanno chiesto alla gerarchia locale di scrivere un documento contro la demolizione», ma non se ne è fatto niente. «Alcuni leader della Chiesa hanno detto che non bisogna fare arrabbiare il governo. Ma vedete cosa accade ora?».

Video

Lettere al direttore

Foto

Welcome Back!

Login to your account below

Create New Account!

Fill the forms bellow to register

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist