Google+

«Mi piacciono le donne di Gesù». Cristiana schiavizzata dall’Isis veniva “sposata” prima di ogni stupro

giugno 9, 2016 Leone Grotti

La madre di tre bambini nel 2014 non è scappata da Mosul, come tanti altri, per andare alla ricerca del marito scomparso ed è stata infine aiutata a fuggire da un vicino di casa musulmano

Veniva stuprata ogni sera, fino a nove volte, ma prima di ogni violenza veniva rapidamente celebrato un matrimonio e dopo ciascuna un divorzio. Per rendere tutto conforme dal punto di vista islamico. È quello che ha subito una cristiana di Mosul, che non è riuscita a scappare subito dalla seconda città più importante dell’Iraq quando lo Stato islamico l’ha conquistata nell’estate del 2014.

MARITO SCOMPARSO. La sua storia è stata raccolta dall’organizzazione americana In Defense of Christians (Idc), ripresa e approfondita da Fox News. Dopo che l’Isis ha conquistato Mosul, la madre irachena di tre bambini non è scappata come tanti altri per andare alla ricerca del marito scomparso. «La gente scappava, tutti scappavano, anche i musulmani. Ma io non avevo nessuno e speravo di ritrovare mio marito. Mi dicevo: “Se lascio la città, dove potrei andare?”. Così sono rimasta», parla in un filmato realizzato dalla ong.

IL TATUAGGIO. Prima di trovare il marito, la donna venne trovata dai miliziani dell’Isis, che la identificarono come cristiana dopo aver notato il tatuaggio di una croce sul suo braccio. Trasferita insieme ad altre donne in una scuola, è stata ripetutamente abusata. Ma solo dopo essere stata data in moglie allo stupratore di turno.

MATRIMONI E DIVORZI. «Mi prendevano ogni volta che ne avevano voglia», continua la cristiana. «Ce n’era uno in particolare, Farouk, che ora ossessionato da me e diceva: “Mi piacciono le donne di Gesù”». Le cerimonie di matrimonio, secondo i jihadisti, davano loro il permesso di abusare legalmente delle schiave sessuali: «Loro lo ritenevano un matrimonio. Ma che matrimonio è?». In base alle informazioni contenute in un documento originale dell’Isis fornito a Fox News da Idc, ogni schiava (cristiana o yazida che fosse) aveva un prezzo. Le più costose sono le bambine fino ai nove anni e nessun jihadista può acquistarne più di tre.

«È SUCCESSO A TANTE DONNE». Ora la donna cristiana è al sicuro, dopo essere riuscita a scappare grazie all’aiuto di un musulmano, suo vicino di casa a Mosul. Dopo aver saputo della sua condizione, l’ha aiutata ad andarsene da Mosul. «È lei che ha chiesto che la sua storia venga diffusa negli Stati Uniti», ha dichiarato il presidente della ong, Toufic Baaklini. «Purtroppo però ciò che è accaduto a lei, è successo a molte altre donne, cristiane e yazide».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

14 Commenti

  1. Sebastiano says:

    Quando ho visto la foto mi sono venuti i conati di vomito.
    Dopo aver letto l’articolo è venuto il resto.
    E pensare che c’è ancora qualcuno che cerca di giustificarli con la cattiveria dell’occidente.

    • felpa says:

      Caro Seba, chi li discolpa è in realtà un jihadista, che sta facendo jihad telematico. Quando compaiono bisogna smascherarli senza timore.

  2. recarlos79 says:

    e il papa come risponde alle preghiere di aiuto che da anni ormai arrivano da quelle popolazioni?

    • Luca P. says:

      Per fortuna il Papa ha partecipato attivamente a scongiurare l’attacco USA alla Siria … senza il suo intervento ora tutto il paese assieme al nord Iraq sarebbero un immenso Califfato dell’ISIS.

      • felpa says:

        Veramente, subito dopo il 1978, ci sta la dominazione ateistica sovietica. Prima dei talebani passeranno decenni e nel 1996 saliranno al governo perfettamente ignorati da Occidente. Per comprendere chi fossero si dovrà passare per i Buddha di Bamyan (molto simile ad ISIS) e per le Torri gemelle. Solo allora noi occidentali ci siamo svegliati.

      • felpa says:

        Mentre continuate a vedere complotti USA dappertutto, guarda caso vi dimenticate del dominio sovietico sull Afghanistan. Le vostre rimozioni, cari jihadisti telematici, sono indicative della vostra menzogna.

      • Giannino Stoppani says:

        Insomma, è colpa degli Stati Uniti se i tagliagole islamici si comprano le bambine fino a nove anni per un massimo di tre.

        • felpa says:

          La sostanza dei loro interventi sarebbe quella. Ma siccome hano paura di essere giustamente bannati per calunnia aggravata, girano in tondo con cose che portano fuori tema, e, ancora una volta, nascondono le responsabilità di chi sta loro simpatico, ovvero tutti i più sanguinari nemici dei cristiani.

      • Ferruccio says:

        Aspettate un attimo….. che gli islamisti siano bruti e cattivi siamo tutti d’accordo ma quello che ha scritto Luca P ci dovrebbe vedere altrettanto concordi. L’interesse degli USA era ed è strappare la Siria dall’influenza iraniana deponendo o peggio trucidando, come fatto con Gheddafi, il presidente siriano Assad. Ancora oggi USA, GB, Arabia Saudita, Qatar e Turchia costituiscono un’alleanza internazionale contro Assad. La favola dei ribelli moderati ce l’hanno raccontata questi paesi che giocoforza sono responsabili delle devastazioni a cui abbiamo avuto il dispiacere di assistere. Se no a cosa serve la cazz4ta dei ribelli moderati? Io arrivo a queste conclusioni limitandomi a leggere Rodolfo Casadei e Leone Grotti da circa 1 anno su queste pagine di Tempi…

      • Ferruccio says:

        Spero che Donald Trump vinca e mantenga la linea espressa in campagna elettorale: Assad meglio dei ribelli.

  3. Alessio says:

    Accanirsi su una povera statua è il basso livello culturale di queste persone!!! Il male lo hanno fatto a se stessi! W GESÙ!!!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.