Compilazione Isee. Chi appartiene al nucleo familiare? L’esperto risponde

La domanda di una lettrice a proposito della dichiarazione sostitutiva Isee. Il nostro tributarista risponde

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Massimiliano Casto, autore di questo articolo, è Tributarista e Consulente del Lavoro. Chi avesse interrogativi particolari o volesse sottoporre domande su questioni riguardanti la fiscalità può scrivere a studiocasto@virgilio.it, specificando nell’oggetto: “Fisco semplice”. Altri quesiti li potete trovare qui.

QUESITO.
Buongiorno, volevo chiedere se la compilazione Isee la posso fare singolarmente dato che, pur vivendo con i miei genitori, non risulto a loro carico, oppure devo includere come nucleo familiare anche loro. Grazie.
Liliana Tria

RISPOSTA
L’Isee è quella certificazione necessaria quando il cittadino intende richiedere una prestazione sociale agevolata la cui modalità di erogazione dipende dalla sua situazione economica e patrimoniale. Una delle difficoltà insite nella compilazione della dichiarazione sostitutiva Isee è la determinazione del nucleo familiare. Dalla composizione del nucleo familiare infatti, dipende poi la valutazione della situazione patrimoniale e reddituale del richiedente che, a sua volta, determina il diritto a fruire delle prestazioni sociali agevolate concesse dallo Stato, dalle Regioni o dai Comuni. In questi casi, infatti, pur non entrando in gioco direttamente la dichiarazione Isee, è sempre necessario individuare quali siano i componenti del nucleo familiare. Fanno parte del nucleo familiare:

  • il dichiarante;
  • il coniuge anche se non risulta nello stato di famiglia;
  • i figli minori, anche se a carico ai fini Irpef di altre persone, che risiedono con il proprio genitore;
  • i minori in affidamento pre adottivo o temporaneo;
  • i figli maggiorenni che sono a carico ai fini Irpef
  • tutte le persone presenti nello stato di famiglia anagrafico;
  • i figli minori del coniuge non residente con le persone presenti nello stato di famiglia, nonché i maggiorenni a carico Irpef, e i minori a lui affidati dal giudice;
  • le persone a carico ai fini Irpef anche se non presenti nello stato di famiglia del dichiarante;
  • i figli minori che convivono con le persone a carico ai fini Irpef non presenti nello stato di famiglia, se non affidati a terzi;
  • le persone che ricevono assegni alimentari, non risultanti da provvedimenti dell’autorità giudiziaria, dalla persona di cui sono a carico;

Non fanno parte del nucleo familiare:

  • le persone a carico, ai fini Irpef, di soggetti non presenti nel medesimo stato di famiglia;
  • il coniuge con residenza diversa quando:
    – è separato con provvedimento del giudice (separazione giudiziale, omologazione della separazione consensuale, separazione ordinata dal giudice in attesa della nullità del matrimonio, ecc.);
    – la diversa residenza è stata ordinata dal giudice con provvedimenti temporanei ed urgenti;
    – uno dei coniugi è stato escluso dalla potestà sui figli o è stato adottato il provvedimento di allontanamento dalla residenza familiare per condotta pregiudizievole al figlio;
    – si è verificato uno dei casi di cui all’art. 3 della legge 898/70 e successive modificazioni ed è stata proposta domanda di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
    – sussiste l’abbandono del coniuge accertato in sede giurisdizionale o amministrativa;
  • i minori affidati a terzi con provvedimento del giudice.

Nel suo caso non può fare un’Isee singolarmente. Infatti, anche se percettore di reddito e quindi autonoma dal punto di vista reddituale e quindi non a carico dei suoi familiari, per il solo fatto che è presente nel nucleo familiare, deve comprendere il suo reddito nell’Isee assieme ai suoi congiunti.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •