I farisei sempre a caccia di scandali ecclesiastici, purtroppo per loro, collaborano ai piani di salvezza

Coloro che criticano la Chiesa per le sue ricchezze in realtà, senza volerlo, aiutano il Papa nell’opera riformatrice secondo lo spirito di Gesù

Gesù non trasforma le pietre in pane quando ha fame, come il demonio suggerisce: moltiplica i pani due volte quando la carità lo esige. Similmente papa Francesco desidera che i beni della Santa Sede siano interamente utilizzati per opere di carità.

Coloro che criticano la Chiesa perché possiede ricchezze (sono gli stessi che, senza scrupoli, fanno del denaro un fine con conseguenze disastrose per l’umanità) in realtà aiutano il Papa nell’opera riformatrice secondo lo spirito di Gesù. Questi farisei, sempre a caccia di scandali ecclesiastici, alla fine collaborano senza volerlo ai piani di salvezza.

Sempre più appare come la Chiesa cattolica sia l’unico punto di riferimento morale dell’umanità, l’unica capace di indicare la via d’uscita dalla crisi spirituale, economica e politica che stiamo vivendo. È ora che l’apostolato dei cristiani sia più sfacciato e, nello stesso tempo, radicato nella preghiera e nella fede. Solo la fede salva. Il Papa dà l’esempio.

Solo la fede dà la via, la verità e anche la vita, il buon umore, il distacco dai beni materiali, la disponibilità verso gli altri. Chi ha detto che i cristiani laici devono limitarsi a non tradire la moglie? I primi cristiani hanno trasformato il loro mondo con la fede e la preghiera, con la generosità sorridente, con il fascino di un’umanità splendente dove l’amicizia era un riflesso della paternità di Dio. E così devo vivere io. Attento agli altri, distaccato dagli interessi personali per fare l’interesse di Gesù, che è l’amore.