Fotografia – La sostanza straordinaria della nostra terra negli scatti di Pasmanik

Luoghi deserti e silenziosi dove non c’è posto per la figura umana, dove anche i colori, quando presenti, assumono il tono opaco di uno sguardo di memoria: ecco lo stile che distingue gli scatti di Renato Pasmanik, quarantaquattrenne fotografo brasiliano protagonista, per la prima volta in Italia, della mostra Un Regard Silencieux (Uno Sguardo Silenzioso), attualmente aperta alla Galleria Gomiero di Milano. Il suo percorso creativo è iniziato nel 1998, e da allora, l’artista ha immortalato alcuni dei luoghi più affascinanti della terra: i paesaggi dell’Antartico, la regione remota e desertica del Lençois Maranhenses in Brasile, i deserti africani, cui si è dedicato più di recente.

Scandiscono la retrospettiva, che resterà aperta fino a domenica 17 novembre 2013, una selezione di stampe digitali su carta Hahnemühle, sintesi di quel corpus di opere che testimoniano la sensibilità di Pasmanik verso l’immensità di una natura che si rivela sempre più grande di noi e che,nella sua versione più pura e incontaminata, ci ricorda la straordinaria sostanza di cui è fatta la nostra terra.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •