Google+

Un bambino ha diritto ad una mamma e un papà? Il caso Johansen

novembre 18, 2015 Leone Grotti

Un giudice dello Utah ha sentenziato che una bambina di nove mesi, in affido a una coppia di lesbiche, fosse affidata a una coppia eterosessuale «perché nel suo miglior interesse»

Si può ancora dire negli Stati Uniti che un bambino ha diritto ad avere mamma e papà? Si può ancora dire, studi alla mano, che avere un papà e una mamma è meglio per un bambino rispetto ad avere mamma e mamma o papà e papà? Un giudice dello Utah ha provato a farlo ed è scoppiato il finimondo.
Scott N. Johansen, giudice della Corte dei minori di Price, ha sentenziato il 10 novembre che una bambina di nove mesi in precedenza affidata a una coppia sposata di lesbiche fosse affidata a una coppia eterosessuale, perché «essere cresciuto da una coppia dello stesso sesso non è nel miglior interesse del bambino». Il giudice ha anche citato uno studio secondo il quale i bambini crescono meglio nelle famiglie eterosessuali e «i matrimoni dello stesso sesso, rispetto a quelli eterosessuali, hanno il doppio delle probabilità di essere instabili».

GLI ATTACCHI. April Hoagland e Beckie Peirce, le affidatarie della bambina, insieme a diversi gruppi Lgbt, al governatore repubblicano dello Utah e alla candidata democratica alla presidenza degli Stati Uniti Hillary Clinton, si sono rivoltati contro la decisione, hanno accusato il giudice di discriminazione e gli hanno fatto causa. Adozione e affido per le coppie gay sono legali nello Utah da quando la Corte suprema, con la «storica» sentenza del 26 giugno, ha imposto a tutti gli Stati della federazione il riconoscimento del “same-sex marriage”.

GLI STUDI. Lo studio a cui tutte le associazioni Lgbt fanno riferimento per sostenere che un bambino può crescere bene sia in una coppia dello stesso sesso sia in una eterosessuale è quello pubblicato dall’American Psychological Association (Apa) nel 2005. Il compendio di 59 diversi studi, però, ha ben poco di scientifico e attendibile, come dimostrato dalla sociologa Loren Marks. Al contrario, secondo un importante studio pubblicato dal contestatissimo sociologo Mark Regnerus le differenze sono enormi. Nonostante le critiche che si è attirato il docente dell’Università del Texas, persino il progressista New York Times ha definito la ricerca «rigorosa e attendibile».

DECISIONE MODIFICATA. Il 13 novembre, senza fornire ulteriori spiegazioni, il giudice Johansen ha però cambiato la sua decisione e ha fissato una nuova udienza per il 4 dicembre, con lo scopo di determinare quale sia il miglior interesse della bambina. Il magistrato ha anche annunciato che non sarà lui a giudicare il caso, ma una collega: Mary L. Manley. Nella decisione di Johansen potrebbe aver pesato la petizione firmata da migliaia di persone che chiede che il giudice sia licenziato.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

99 Commenti

  1. giovanna says:

    Andare contro gli interessi di gay e lesbiche fa tremare i polsi, dell’interesse dei bambini ce ne occuperemo un’altra volta.

    Ho visto il dvd dello spettacolo teatrale londinese “billy elliot”, creato, musicato e prodotto da Elton John.
    Al ragazzino protagonista è morta la mamma e ci sono delle scene toccanti e molto belle e profonde in cui si mostra tutto l’amore reciproco tra madre e figlio , scene in cui entrambi testimoniano una mancanza, pur nella consapevolezza che la mamma sarà sempre accanto al figlio, in qualche modo , ma sempre in modo forte e indubitabile.
    Questi bambini privati per sempre della figura materna, come anche i bambini-bambolotti comprati Elton John, non potranno nemmeno commuoversi per la mancanza della mamma, perché loro non hanno diritto ad una mamma, che magari li ha venduti.

    Certo che è triste vivere in un mondo in cui occorrono degli studi per assodare che è meglio crescere con una mamma e un papà, piuttosto che con due maschi o due femmine….se fosse l’ultima parola su di noi, ci sarebbe da disperarsi, ma non è l’ultima parola.

    • Bob says:

      Billy Elliot è una storia gender: un ragazzo maschio che vuole fare il ballerino invece che il pugile… la Miriano inorridirebbe!
      Poi la colonna sonora di Elton John…
      Mi sa che ti stai genderizzando anche tu… 😉

      • giovanna says:

        Cara “bob” sveglia !
        Ho citato proprio questo esempio , dato che pure un Elton John si rende conto, con una commozione immensa, dell’importanza della figura materna per un bambino.
        I figli che ha comprato dalle loro mamme, non potranno avere nemmeno la consolazione di un ricordo della mamma, mamma che addirittura li ha venduti.
        Ah, questi bambini sfortunati come pochi, quelli comprati da Elton John, pare non sappiano nemmeno chi sia il loro padre, giusto per aggiungere crudeltà a crudeltà , anche se la somiglianza glielo farà capire presto.

        ( della Miriano hai capito ben poco, ma questa non è una novità, la tua capacità di comprendonio è nettamente inferiore alla capacità di copiaincollare dai siti farlocchi di mezzo mondo )

        Salutami le tue identità multiple, dal noiosissimo MicheleL, erede di shiva, che non se lo cagava più nessuno, al nick d’appoggio Radighieri, new entry tra i nick d’appoggio che scrivono frasi lapidarie e insignificanti.

        Beata te, che hai tutto questo tempo da perdere…si fa per dire.
        Credo che non avere il senso del ridicolo sia un condizione umana tremenda.

      • To_Ni says:

        Vai sempre peggio…Bob, sempre peggio. Quando si imbrocca una strada c’è un effetto domino. Ripigliati se puoi, un piccolo pass alla volta.

  2. Carla says:

    Povera piccolina.

  3. MicheleL says:

    Anche in Italia un bambino è stato affidato ad una coppia gay, nel suo interesse. Le coppie omo non sono migliori o peggiore delle altre, sono altrettanto valide. Può capitare che una coppia lesbica sia in difficoltà, ma non perchè lesbica, ma perchè come tutte le altre. Un bambino ha bisogno di essere amato da genitori capaci.

    Gli studi ci sono, sono quasi 80, basta leggerli, per esempio tramite un blog che li raccoglie, il What We Know Blog della Columbia University. Coprono -oggi e non 2 anni fa- quasi 5000 bambini in tutto il mondo, con metodologie varie ma mai squalificate. Essi basano la posizione ufficiale non solo di APA, ma anche di AAP, quindi le due associazioni di psicologi e di PEDIATRI del mondo.

    Le critiche vengono da Loren Marks -che è un uomo, ma questo l’autore non lo sa e non è l’unica cosa che ignora-, un ricercatore mormone della conservatrice università dello stato della Luisiana. Cosa che non si può dire di L. Marks e di Regnerus, che sono stati sbugiardati da anni (ma su questo Tempi non è molto ben informato)?

    L. Marks si è dato da fare durante la discussione della “proposition 8” (nel 2010) referendum sulle coppie omosessuali (quindi ha prodotto un documento politico).

    Sentita dalla Corte, è stato buttato fuori dal gruppo degli esperti.
    Perchè:
    1) Non ha nemmeno letto gli studi che ha citato.
    2) Ha scelto appositamente solo alcuni studi e non tutto il corpo della letteratura.
    3) Ha spacciato per biologici genitori adottivi
    4) Ha ammesso di non aver mai studiato coppie dello stesso sesso prima di allora (quindi non aveva alcun titolo per essere definito esperto)
    5) Alla fine ha ammesso che le sue conclusioni non erano supportate dalle evidenze (sic!)
    Caso 10-16696 11/01/2010, Corte Distrettuale della California.

    Regnerus? A suon di 700.000$ da un istituto religioso (Witherspoon) ha confezionato una ricerca fasulla senza raccogliere alcun dato ma usando una banca dati commerciale dove ha equiparato carcerati e prostitute a famiglie gay solo perchè avevano avuto almeno un rapporto omosessuale in vita loro (sic!)
    Comunicato ufficiale del suo stesso Dipartimento, dopo che un’indagine indipendente condotta dal Prof. Darren Sherkat, ha evidenziato gravissime falle nello studio:

    “Il dottor Regnerus ha il diritto di effettuare le proprie ricerche e di esprimere il suo punto di vista. In ogni caso, le idee di Regnerus sono personali e non riflettono la posizione del Dipartimento di Sociologia della University of Texas di Austin. Né riflettono la posizione dell’American Sociological Association, la quale afferma che le conclusioni tratte dal suo studio sui genitori omosessuali sono FONDAMENTALMENTE VIZIATE sia dal punto di vista metodologico che intellettuale; afferma inoltre che la ricerca viene citata in modo inappropriato nel tentativo di colpire i diritti civili e le famiglie omogenitoriali.”
    Regnerus, ha cercato di presentare il suo “studio” anche per convincere una Corte Federale delle differenze che avrebbe trovato. Risultato? Il giudice gli ha risposto “il suo lavoro non merita alcuna considerazione”.

    Così è anche accaduto che due ricercatori capaci si sono detti “ma se rifacessimo lo studio come si deve, con gli stessi dati?”.
    Simon Cheng (Università del Connecticut) e Brian Powell (Indiana University), hanno pubblicato sulla stessa rivista in cui Regnerus pubblicò suo studio originale: Social Science Research. Regnerus ha classificato erroneamente un numero significativo di bambini come cresciuti in famiglie omosessuali. Sulla base di una nuova valutazione dei dati, si conclude che le differenze tra bambini cresciuti da genitori dello stesso sesso sposati e genitori di sesso opposto sono minime. Cheng, Simon, and Brian Powell. “Measurement, methods, and divergent patterns: Reassessing the effects of same-sex parents.” Social science research 52 (2015): 615-626.

    Mi pare chiaro che le fonti citata da questo articolo sono capziose, inaffidabili e disoneste, così come la domanda polemica, che dovrebbe essere “un bambino ha ancora diritto ad avere dei buoni genitori?” e la risposta è sì, anche omosessuali.

    • Michele says:

      Possono esistere coppie omosessuali capaci di crescere bene un bambino, ma il problema non è questo. Un bambino potrebbe crescere e diventare adulto anche sotto le bombe, oppure in un orfanotrofio gestito da due suore. Il problema è se dal punto di vista del bambino una coppia di esperti educatori di qualsiasi tipo E’ EQUIVALENTE a mamma e papà biologici con buone capacità genitoriali.
      Chiaro che se i genitori biologici vengono a mancare è preferibile affidare i bambini a parenti o amici idonei a crescerli mantenendo i legami affettivi già esistenti, ma un orfano senza più affetti vorrebbe una situazione che assomiglia a quella che l’ha messo al mondo o gli bastano due brave persone?
      E non parlo dell’abominevole pratica di produrre un bambino appositamente per consegnarlo ad una coppia (etero o omo non fa differenza).

      • To_Ni says:

        A voglia che te la prendi con Regnerus per vantare credito da interviste spontanee fatte da gay (e/o simpatizzanti a sevizio) a gay gaiosi che referenziano quanto sono bravi. Le porcate fatte in sede APA con la sistematica epurazione di ogni voce di dissenso ed un contorsionismo ipocrita che ha portato al plauso di una associazione pedofila per il riconoscimento che c’è un “toccare” i bambini che non crea traumi basta ed avanza a chiudere il cerchio rispetto i protagonisti “scientifici” all’opera nell’insolente propaganda che costituiscono la base dei tuoi insulsi “autorevoli studi”.

        Detto questo immaginare una “normalità” venir fuori dalla bocca di un fantasioso calunniatore (“provato*), che elenca liste per persecuzioni nei confronti di chi dissente dalla sua concezione “mio ombelico è tutto”(provato* anche questo), bugiardo (provato* oltre ogni ragionevole dubbio il tutto per il puro capriccio di un desidera di comprarsi bambini (perché le “generose donatrici” esistono nella sua fantasia) per senso di decenza meglio stendere non un velo pietoso, ma una soletta di cemento armato. 🙂

        PS: Se ti passa per lo zuccone di dire che non ho mai dimostrato niente , fregandomene della tua affermazione, ricordo che in merito all’APA (e pure altro) ho fatto nomi e cognomi di gente cacciata, minacciata e calunniata. Che tali nomi sono reperibili in rete per chiunque volesse farsene una idea.
        PPS : Sul fatto che sei un calunniatore, credo che ormai lo sai e non hai motivo di negarlo… anzi

        • To_Ni says:

          Correzioni (solo quelle che vedo)
          …provato oltre ogni ragionevole dubbio)*
          …nella tua* fantasia)….

          PPS : Sul fatto che sei un calunniatore, credo che ormai lo sai e non hai motivo di negarlo… anzi credo che probabilmente trovi motivo di vanto ( magari in forza di uno studio “autorevole” dimostra che è una qualità meritoria)*.

          • MicheleL says:

            Legga sopra. Le gravi colpe di Regneurs e soci sono ben dettagliate, nero su bianco, verificato e verificabile in ogni momento. Le sue sono le calunnie, che non può provare affatto, se non con vergognose e assurde manipolazioni, che la portano a distruggere tutto (anche uno studio per proteggere le vittime della pedofilia), pur di non rinunciare ai suoi pregiudizi.

            Secondo lei tutta la comunità scientifica, quella medica (pure la AAP, immagino, quindi i pediatri) sarebbero sotto il giogo del male. E le vittime sarebbero dei millantatori corrotti certificati (non solo dai loro stessi colleghi, ma pure da dei giudici).

            Lei è un estremista To_Ni. Agli estremisti non interessa nulla la verità, ne hanno già una assoluta, che seguono con determinazione anche se porta alle peggiori nefandezze. Se si fermasse un attimo a constatare l’immenso numero di contraddizioni in quello che sostiene, forse potremmo dialogare. Ma lei, dopo che ha capito che non ha più argomenti con me, ha deciso la via della denigrazione. Faccia pure. Io scelgo la via della verità:

            What We Know Blog della Columbia University: raccolta di decine di studi, molti dei quali su campioni casuali della popolazione, e non solo su base volontaria (senza nulla togliere a questo approccio, che dimostra l’esistenza, mentre suggerisce la normalità di una evidenza), che con metodi affidabili, usati da equipes di studiosi autorevoli, formano il sapere scientifico su cui si basa la comunità medica internazionale.

            • Giannino Stoppani says:

              Il solito acclarato calunniatore e bugiardo ci riprova con la solenne menata degli “autorevoli studi” che “dimostrano paraponzi ponzi po di cui oramai sa anche il ciuco di Melesecche che son stati condotti in massima parte da attivisti e simpatizzanti gay che sono raccolti nell’autorevole blog gestito da putacaso da altri autorevoli attivisti gay che si scervellano a trovare i miserrimi bias di Regnerus e di Sullins ma che non fingono di non vedere emerite porcate fatte dai loro correligionari.
              Come i ridicoli mini “campioni di convenienza” composti da tre gatti raccattati grazie all’opera di convincimento delle tanto obbiettive associazioni lesbogaytriccheballacche.
              E’ il ventesimo copia incolla che il calunniatore acclarato fa su Tempi per non parlare degli altri siti che ha impestato.
              E’ chiaro il suo intendimento di prenderci per sfinimento.
              Ma intanto ogni genitore genuino (e sono tanti!) sa benissimo per esperienza diretta che il bambino, per seguire armonioso il suo sviluppo come persona umana, ha bisogno di confrontarsi con le figure genitoriali di entrambi i sessi, ovvero la MAMMA e il BABBO.
              Pertanto, contro l’esperienza e il buon senso i loro studi ideologizzati e quindi falsi come giuda non servono a un bel niente e i loro promotori e diffusori prima o poi pagheranno le conseguenze della loro turpitudine (scusate ma a forza di trattare con gli sozzoni i sinonimi li ho finiti)

              • MicheleL says:

                Il millantatore calunniatore omofobo è lei. Ed ecco perchè:

                1) I bias di Regnerus non sono affatto miserrimi. Se vuole smentire l’audit di Sherkat e lo stesso dipartimento in cui Regnerus lavora, si accomodi. Fino a prova contraria lei è un millantatore.

                2) Il What We know Blog non commenta gli studi, si limita a raccoglierli e lo fa onestamente, visto che dentro ci trova pure Regnerus e Sullins. Questo dimostra quando lei è omofobo è un calunniatore omofobo.

                3) Gli studi coprono assieme oltre 5000 bambini, diversi ne riguardano molte centinaia (compreso quello che ha rivisto di dati di Regnerus). Questo dimostra che lei è un bugiardo.

                4) Moltissimi italiani sono a favore delle coppie omogenitoriali e se sapessero la verità su Regnerus e soci sarebbero di certo la maggioranza. Questo dimostra che lei è un capzioso mistificatore.

                5) Se gli studi sono falsi, perchè gli unici che sono stati sonoramente sbugiardati sono quelli che piacciono a lei? Questo conferma che lei è un omofobo ottuso e incallito.

                Come al solito, io argomento, lei no. Questo dimostra che lei è un ipocrita.

                • To_Ni says:

                  A parte il fatto che hai costruito 5 punti per dire una sola minchiata ti faccio rispettosamente presente quanto segue:
                  Se gli italiani riflettessero su come è stato trattato l’imprenditore della pasta capirebbero agevolmente il perché Ragnerus è stato trattato per come è stato trattato. Apparirebbe l’evidenza che la distruzione morale di una persona è l’arma dei vili più in voga in questa epoca.
                  Se gli italiani avessero l’opportunità di leggere 🙂 “le tue gesta” su questo sito, il tuo campionario, riderebbero di gusto su tutto il tuo “autorevole” mondo.

                  • MicheleL says:

                    Chi non è omofobo sa che le famiglie sono tutte uguali. Una persona che offende una famiglia è pronta a giudicare e ad offenderle tutte. Barilla si è scusato e amici come prima.

                    Regnerus ha cercato di deformare la realtà con gravissime manipolazioni, i dettagli sono nel rapporto di Sherkat e hanno motivato persino il suo dipartimento a prenderne le distanze. E’ inutile To_Ni che cerchi di farlo passare per una vittima, non fa altro che confermare che anche lei non ha alcun interesse per la verità: qualsiasi menzogna le va bene, basta che non la contraddica.

                    Le mie gesta sono su questo sito, assieme alle sue. Ai posteri caro To_Ni e il trend è esattamente quello che -senza alcuna ragione-la terrorizza così tanto. Apra gli occhi e accetti la verità, non potrà che venirne del bene.

                    • Giannino Stoppani says:

                      Chi non è un esaltato fanatico ideologizzato e quindi di conseguenza bugiardo e calunniatore infame sa che la famiglia vera è quella formata da mamma, babbo e figlioli.
                      Le altre, visto che le coppie formate da due donne o due uomini non possono aver figli, sono solo ridicoli e patetici surrogati.

                    • To_Ni says:

                      Chi ingiuria omofobo gli altri o gli attribuisce -fobia a chiunque si oppone ai capricciosi desideri di moda, che possono trasformare “in famiglia” una qualsiasi accozzaglia umana offende la stessa umanità misurandola con il proprio infantile desiderio patologico narcisistico. Le famiglie non sono tutte uguali cosi come esiste un orologio originale ed uno taroccato. Il vostro è l’imporre il segno uguale ad una patacca di famiglia.
                      Per quanto riguarda Ragnerus vige il solito principio : colpire duramente per segnare duramente chiunque anche per il futuro. L’unica cosa certa è che un calunniatore come te , nei suoi agghiaccianti tratti psicologici, non deve essere “scientificamente” valuto perché è obbligatoriamente nel giusto. E forte di questo sei garantito a elargire patenti di omofobo a tutti.
                      Le tue gesta sono suscettibili di “copia ed incolla” e riproponibili in ogni discussione.

                    • To_Ni says:

                      … valutato* perché obbligatoriamente …

                    • MicheleL says:

                      I giudizi che subito Regnerus non sono giusti? E perché? Perché lo dice lei?

                      Lei -al contrario di me, che le ho elencate qui sopra- non ha alcuna ragione per dire quello che dice. Lei immagina, suppone, usa slogan che nemmeno il detersivo: pretende di avere la proprietà del marchio “famiglia” originale. Tutto senza uno straccio di ragione o spiegazione.

                      Come meravigliarsi allora se ci sono studi che legano l’omofobia a problemi mentali e scarsa scolarizzazione? Tratti che correlano con ridotte facoltà mentali.

                      I suoi messaggi To_Ni si possono riassumere nel solito sciocco copione: “non è come dici tu perché di no, e sei cattivo perché non la pensi come me”.
                      Sempre più spesso quando cerco di discutere con lei mi torna in mente il paragone di Pippo: “come spiegare ad un gabbiano a cosa serve un chiodo” e anzi peggio, perché almeno il gabbiano non ne ha idea, il che è molto meglio di avere una sbagliata senza la possibilità di capirlo.

                    • To_Ni says:

                      Io ho detto un’altra cosa, e come al solito da bugiardo deformatore delle parole altrui, fai finta di non capire. Io non ho espresso giudizi su Ragnerus. Sei in grado di trovarmene uno? Ho fatto solo una citazione (così per come si trovava) senza miei giudizi.
                      Io sostengo semplicemente che se per Ragneros le stesse metodologie fossero servite a dimostrare che i gay sono delle “meravigliose creature” nessuno si sarebbe preso la briga di attaccarlo.
                      Tu, che sei un bugiardo rinforzato, ne hai dato una prova di tale inclinazione con gli studi della Patterson quando a prima difesa hai sostenuto che la studiosa aveva un QI altissimo (sminuendo il fatto che fosse una lesbica).. certo poi hai , difronte all’evidenza, tentato di rattoppare :-). Un poco come hai fatto con l’ILGA ed il Nambla (per rinfrescarti la memoria)
                      Altro esempio è il ridicolo studio sulla mortalità degli omofobi: in questa tua esibizione ho fatto le migliori risate quando a delle semplici domande, fuori dai tuoi banali schemi preconfezionati, hai risposto ricoprendoti di ridicolo.
                      PS: Ho espresso sempre dei fortissimi dubbi sulle scuole psicologiche odierne, secondo la quale uno studio può dimostrare che sia io che tu siamo contro l’aborto. Solo che tu lo sei per come si può essere contro la liposuzione 🙂 … quindi non vedendo l’abisso che ci separa.
                      Quindi non fare paragoni con me, continua a baciarti allo specchio, che è l’unica cosa legittima che puoi vantare.

                • Giannino Stoppani says:

                  Al contrario del calunniatore acclarato, nonché notoriamente più volte dimostratosi bugiardo e pure razzista di ritorno, io non millanto un accidente, visto che le obiezioni alle sue emerite bischerate non le lascio cadere dall’alto di supposte conoscenze da iniziato, ma le faccio salire dal basso della mia banale esperienza diretta come normale genitore (a meno che il calunniatore emerito non intenda mettere in dubbio pure questa).
                  Coi suoi studi condotti da gay ideologizzati realizzati su campioni ridicoli di gay ideologizzati pescati rimestando tra i frequentatori di associazioni ideologizzate LGBTriccheballacche gli ho già detto tante volte che ci si può nettare le già da tempo devastate terga mentre attende il “mondo migliore”.
                  Chi vuol verificare se la pastura che costui lancia in questo stagno consiste in qualcosa di più che a una truffa ideologica perpetrata ai danni dei sempliciotti come lui, non ha che da armarsi di mouse e tastiera e cercare su internet notizie e smentite.
                  Io, dal canto mio, avendo già dato a suo tempo, son qui solo per spernacchiarlo come si merita.

                  • MicheleL says:

                    No, avere figli non la rende pedagogo mio vecchio Sig. Stoppani, come avere una tastiera non la rende dotto, con tutta evidenza.

                    Infatti millantare l’esistenza di smentite è il massimo che può fare, mio patetico Sig. Stoppani. Se esistessero, lei sarebbe il primo a sbattermele sistematicamente in faccia, ma questa soddisfazione non la può avere. Allora anche sognare le basta, e fare qualche pernacchia, eloquente espressione del suo intelletto.

                    • Giannino Stoppani says:

                      Come non c’è bisogno di essere laureati in botanica per distinguere un cavolo da un cocomero sul banco del supermercato, non c’è bisogno di esser autorevoli pedagoghi per constatare la necessità dei bambini di confrontarsi con entrambe le figure genitoriali.
                      Basta vivere in una famiglia VERA.
                      Tu una famiglia VERA non ce l’avrai mai, quindi non saprai mai di cosa straparli.
                      Quanto a smentire i tuoi autorevoli studi, anche il lettore più distratto di Tempi sa che sono oramai “n” volte che copi-incolli le stesse emerite bischerate pseudo scientifiche resettandoti ogni volta che hai fatto il pieno di figure di cacca, alle quali sei impermeabile come un incerata da pescatore oceanico.
                      Perciò oramai anche i miei gatti sono al corrente del fatto che oltre che dal senso comune derivante dal vissuto familiare quotidiano, le emerite bischerate che tu spacci per studi scientifici si smentiscono benissimo da sole: basta prenderne una a caso e scorrerne le note metodologiche per rendersi conto di aver immancabilmente a che fare con roba che sfigurerebbe pure come analisi di mercato per un caldarrostaio.
                      Siccome noialtri che abbiamo una famiglia VERA sul groppone, non abbiamo certo il tempo per rimettersi per l’ennesima volta a discutere punto per punto i bias dei soliti 80 autorevoli studi 80 con l’unico apparente scopo di far “scavallare” la giornata a un mentecatto nullafacente più e più volte palesatosi arrogante bugiardo cronico capace di negare persino l’oggettività più lampante, nonché documentato calunniatore infame e perfino razzista di ritorno.
                      A lettore più distratto o smemorato basterà dunque cercare “MicheleL autorevoli studi” sul proprio motore di ricerca preferito per togliersi ogni curiosità e per rendersi conto di persona con che razza di personaggio ha a che fare.

                    • MicheleL says:

                      Appunto, arrogante vaneggiare. Fatti zero. C.V.D.

                    • Pepito says:

                      ahi Giannino, mi sa che l’abbiamo fatto impermalosire. Ci aspettano un ottantina di autorevoli studi dimostranti quanto sia omofobo pigliare per i fondelli un tizio con tendenze omosessuali che vorrebbe essere preso seriamente mentre disserta su quanto sia bello per un bimbo essere privato della mamma.

                  • Pepito says:

                    Giannino scusa se mi intrometto ma passavo di qua e m’è parso d’ aver avuto un déjà-vu. Infatti il tuo scambio d’opinioni con MicheleL è la copia spiccicata di quello avuto con me medesimo sullo stesso argomento il 14 ottobre scorso e le risposte del “nostro” sono praticamente identiche in tutto e per tutto (gli autorevoli studi e via discorrendo). Ora,io un’opinione a riguardo me la sono fatta e secondo me i casi sono due: o questo è un troll e quindi andrebbe trattato come tale (ricordiamoci il monito “non date da mangiare ai troll”) oppure è una persona che realmente ha tendenze omosessuali e che vive con frustrazione questa sua situazione, sopratutto quando si parla di figli; il suo è un finto dialogo pensato e portato avanti in modo circolare col solo scopo di non avere mai fine e godere in questo modo della nostra attenzione. In questo caso non potremmo far altro che compatirlo (cum patior), cristianamente, senza ironia.
                    In entrambi i casi però temo sia tempo perso per il semplice motivo che, a differenza nostra, questo con ogni probabilità non ha niente da fare tutto il giorno e potrebbe andare avanti ore e ore a copia-incollare autorevoli studi fatti da altri personaggi nella sua identica situazione. All’infinito.

                    • Giannino Stoppani says:

                      Hai fatto bene ad “intrometterti”, anche perché hai confermato i fatti che peraltro sono a disposizione di tutti coloro che sanno usare un motore di ricerca.
                      Io, ad esempio, ricordo anche una discussione sullo identico canovaccio tra questo bel tomo e MazingaZ.
                      Come forse avrai già capito, io sottoscrivo la tua seconda ipotesi, secondo la quale il personaggio del loop degli autorevoli studi è soggetto che va prima di tutto compatito, ma so che la compassione cristiana non consiste certo nel rimanere indifferenti senza interferire.
                      Sconfitto dal tedio insopprimibile (a cui costui pare immune!) e dal relativamente poco tempo a disposizione, mi limito ad un’azione di disturbo, ma all’ironia non rinuncio.

                    • MicheleL says:

                      Perchè non ci prova lei a discutere come me. Dove sarebbe il loop? Cos’è che io non sarei in grado di ribattere?

                      Io non faccio altro che far presente cosa dice la comunità scientifica.

                    • giovanna says:

                      Ecco, Pepito, lo vedi che stringe il cuore vedere delle persone buone come Giannino e , soprattutto Toni ( nel senso che Toni ci si dedica tantissimo, non nel senso che sia più buono ! ) perdere tempo con un troll fatto e finito, in totale e granitica malafede ?

                      Io sarò anche noiosa, ma la soddisfazione, a questa poverina ( per tanti motivi sono convinta sia una donna, almeno come cromosomi, ma con notevoli problemi psichici, tipo asperger, l’ha anche ammesso ! ), di credere di poter prendere tutti per il naso, dico noi lettori del sito, non gliela voglio dare.

                      Che poi, come già scritto, solo non dandole da mangiare può cambiare qualcosa : non abbiamo dato più da mangiare al suo “shiva”, e l’ha eliminato, perché ci dobbiamo ridurre così , a ripetere sempre le stesse cose, con l’attuale pagliaccio “micheleL-80studi80” ?
                      Ah, “filomena” si era eliminata da sola, dopo una figuraccia da peracottara doc, ma non capita spesso che lo riconosca e tolga le tende !

            • To_Ni says:

              Io non sono un estremista, sono uno che sempre ti ha citato e dimostrato le carognate che porti avanti, come cambi le carte in tavola, come calunni e la tua insolenza.

              Ho già detto partendo dall’APA come sono state esercitate vere e proprie pressioni ai limite della violenza (testimonianza di Ronald Bayer , testimone oculare alla convention del 1971). Ho pure detto come a studiosi è stato impedito di esercitare la propria professione (costringendoli a vere e proprie abiure). Proprio perché mi interesso della “verità” ho sempre invitato, a chi fosse interessato, a cercare sul web le loro dichiarazioni sull’inferno che hanno passato. Tutto per creare una “scienza” che non possa osservare il “chi è” un tipo … come te!

              In uno degli ultimi tuoi interventi che mi hai avuto la sfacciataggine che io “minaccio”.Ti ho invitato a dire in quale circostanza l’ho fatto (a te o anche ad altri) e te ne sei uscito con l’idiozia che essendo io un “fondamentalista” minaccio a prescindere :-). Questa è la misura della tua “verità” che dimostra la pericolosità, tipica dei vili, di soggetti come te.

              L’unica cosa certa è che non meriti il mio tempo, ti ho sbugiardato sempre, l’unica cosa che mi preme è ricordarti chi sei.

              • MicheleL says:

                Lei è un estremista nel senso che non si informa, lei cerca ogni pretesto e ci si fissa, basta che superficialmente sbrilluccichi della tinta nera che lei tanto brama.

                A lei basta aver letto da qualche parte che Ronald Bayer avrebbe detto che la depatoligizzazione dell’omosessualità sarebbe stata ottenuta con pressioni politiche. a a lei non interessa verificare. Gli studi di Evelyn Hooker, nella loro dirompente e lapalissiana semplicità, furono il fulcro del cambiamento, assieme a tutti quelli che indussero. Tanto è vero che oggi, con gli omosessuali che non si nascondono più, nessuno ha l’impressione di aver a che fare con malati. Si rende conto di come la sua lente estremista deformi la verità, anche più lampante?
                Lei insinua, lasci a a intendere. Beh, io ci sono andaro online a cercare le parole di Bayer
                “That the American Psychiatric Association responded to the concerted pressure of an angry, militant movement that had made full use of coercive and intimidating tactics is undeniable. To assert, however, that the decision of December 1973 represented nothing more than a capitulation in the face of force involves a great distortion. Though it is difficult to determine the precise proportion of psychiatrists who have adopted the nonpathological view, it is clear that the numbers are substantial.” (Pg. 189)

                “To assert, however, that the decision of December 1973 represented nothing more than a capitulation in the face of force involves a great distortion.” “Grande distorsione”, che è appunto quello che lei fa, come tutti gli estremisti. Ancora una volta, come i ciarlatani che abbondano nei testi di siti ideologizzati, l’unico modo in cui un estremista può ammantarsi di autorevolezza è distorcendo i fatti.

                E infatti distorce ancora. Lei infatti è vero che minaccia. Come tutti gli estremisti pretende che le sue posizioni siano talmente importanti che se non ascoltate producono disastri. Lei minaccia disastri come si minaccia l’inferno. Questo ho scritto, questo le ho spiegato e può andare a rileggerselo. Ma a lei basta che ci siano lo sbrilluccichio, a lei basta la superficialità. Lei è un estremista.

                • To_Ni says:

                  Tu sei un cialtrone calunniatore estremista, abbinamento che ti rende tra i più velenosi in natura 🙂 . E capisco che il fatto che faccio emergere i “particolari” vergognosi ti disturba. Per questo chiami “superficialità” l’elemento che cambia la sostanza del quadro generale.
                  Sei tu che non reputi giusto rendere noti il background culturale di chi confeziona i tuoi autorevoli studi. Ovvio che per te, ogni organismo può essere pieno oggi di gay come domani di pedofili, e nessuno deve metterci lingua dato che non è da discutere “chi sei tu” e chi sono “quelli come te”.
                  Gli eventi violenti alla convention del 71 sono facilmente riscontrabili da chiunque («Da quel momento i toni intimidatori avevano pervaso la convention. Utilizzando credenziali false, gli attivisti gay riuscirono a entrare nell’area espositiva e chiesero che venissero tolti gli stand che illustravano le tecniche di cura degli omosessuali. l gestori degli stand furono minacciati e invitati a smantellare gli stand che, in caso contrario, sarebbero stati fatti a pezzi» Ronald Bayer … ne vuoi altri?)
                  Certo che non mi interessa la tuo giudizio da cialtrone calunniatore. Ed è altrettanto certo che perde anche significato il banale assunto Evelyn Hooker dato che è la forza a modificato e la prepotenza che ha determinato cambiamenti (sulla “patologia” omo) non le sue presunte ragioni. Zuccone, ti è chiaro? Ti è chiaro?
                  E come il solito vigliacco mi dici che ti minaccio, mentre mi limito a ridere di te, della tua assenza di giudizio autonomo, delle tue razionalizzazioni a giustificare i tuoi bassi impulsi. Tu che puoi sostituire una madre. ma guardati allo specchio …ridicolo.
                  Sei il mio autorevole studio, e basterebbe esibirti dappertutto, nelle tue gesta, per chiudere la partita per comprendere la viscida pericolosità che ti contraddistingue.  

                  • MicheleL says:

                    Siamo al delirio (v. fine). Lei legge solo quello che vuole. Come concilia quello che riporta con questa affermazione?

                    “That the American Psychiatric Association responded to the concerted pressure of an angry, militant movement that had made full use of coercive and intimidating tactics is undeniable. To assert, however, that the decision of December 1973 represented nothing more than a capitulation in the face of force involves a great distortion. Though it is difficult to determine the precise proportion of psychiatrists who have adopted the nonpathological view, it is clear that the numbers are substantial.” (Pg. 189) Ronald Bayer

                    “Che l’American Psychiatric Association abbia risposto alla pressione concertata di un arrabbiato movimento militante che aveva fatto pieno uso di tattiche coercitive e intimidatorio è innegabile . Per affermare, tuttavia, che la decisione di dicembre 1973 rappresentava nientaltro che una capitolazione di fronte forza richiede un grande distorsione. Anche se è difficile determinare il numero preciso di psichiatri che hanno adottato la vista non patologica, è chiaro che i numeri sono sostanziali ” (Pg 189) Ronald Bayer

                    Ha capito adesso perchè personaggi come Regnerus e Cameron subiscono il trattamento che meritano? Perchè fanno come lei. Leggono solo le parti che gli fanno piacere, pur di deformare la verità alla loro ideologia, ignorando deliberatamente la verità.

                    Lei è un fanatico, che non guarda in faccia a nulla pur di assecondare le sue fobie. Dopo 40 anni, lei -da perfetto manipolatore qual’è stato indottrinato ad essere- mette in discussione la depatologizzazione dell’omosessualità. Dopo che persino EXODUS ha chiesto scusa per aver cercato di convertire i gay. Dopo che tutte le associazioni nazionali di psicologi occidentali riconoscono che non è possibile farlo e confermano che non si tratta affatto di patologia.

                    Lei non fa che confermare di non essere capace di ragionare, di verificare le sue informazioni, di ammettere la verità
                    di fronte all’evidenza. Questo correla bene con un profilo di disturbo mentale, che è tipico negli omofobi ed ecco lo studio:
                    Ciocca, Giacomo, et al. “Psychoticism, Immature Defense Mechanisms and a Fearful Attachment Style are Associated with a Higher Homophobic Attitude.” The journal of sexual medicine 12.9 (2015): 1953-1960.

                  • To_Ni says:

                    Aggiungo:

                    Da quel Zuccone che sei trascuri che le puntualizzazioni del 1973 sono l’ovvia conclusione dell’opera svolta nel 1971. A giochi fatti.

                    Te l’ho già detto: a Robert Spitz (lo psichiatra che aveva emendato l’omosessualità dal DSM) un giornalista chiese se avesse in mente di cancellare dal Manuale anche il feticismo o il voyeurismo.
                    Risposta: “Non ho riflettuto molto su questi problemi e forse ciò è dovuto al fatto che i feticisti e i voyeurismi non si sono ancora organizzati e non ci hanno forzati a farlo”. Sempre nel 1973.

                    Non sai ragionare… fuori dell'”autorevole studio” non sai pulirti neppure il naso … e neppure altro 🙂

                    • MicheleL says:

                      Lei se la cava così. Io le faccio presente una contraddizione in quello che dice e lei come se nulla fosse salta di palo in frasca.

                      Quella che ho riportato non è affatto una puntualizzazione a caldo. E’ pubblicata e ripubblicata nella edizioni del libro di Bayer (1981 e 1987). Come concilia quello che riporta con l’affermazione di Bayer? Quando ha torto non può semplicemente fare finta che non sia mai successo, ma deve riflettere sull’evento. Si chieda cosa la spinge a fare come Cameron e Regnerus, a manipolare, a ignorare i fatti.

                      Per la cronaca, Robert Spitzer non è “lo psichiatra che aveva emendato l’omosessualità dal DSM”, ma uno delle migliaia che compresero che l’omosessualità non è una malattia.
                      Non mi pare che feticismo e voyeurismo siano usciti dal DSM. Sono passati più di 40 anni, che confermano che la sua insinuazione di inaffidabilità del processo di riflessione sulle patologie della comunità scientifica è infatti buono.
                      Lei è vittima invece della strategia della paura (le minacce di cui lei ha frainteso il significato, che comunque le spiegai tempestivamente), teme e diffida di chi non aderisce ai suoi dettami, anche quanto 40 anni di storia le dimostrano che non c’è da temere una cosa (in questo caso la questione dei feticisti di 40 e passa anni fa).

                      Spitzer ha fatto un percorso complesso, di grande riflessione. E’ stato per anni dalla parte dei ciritici, osannato perchè pensava che gli omosessuali potessero essere persino convertiti, perchè egli aveva fiducia. Fiducia in quelli che si ponevano come animati da buoni sentimenti, che spingevano gli omosessuali a cambiare per un pregiudizio morale e si atteggiavano a giusti. Come immaginare che non lo fossero affatto? Spitzer fu ingenuo, si fidò delle testimonianza di sedicenti ex-gay che subirono profondi condizionamenti. E quelle persone erano vittime di un pregiudizio, sia chi la faceva che chi la subiva quella scellerata “terapia”. Ma la verità emerse. Emerse dagli studi, quello di Ariel Shidlo e Michael Schroeder per esempio, che aprirono gli occhi di Spitzer sulla verità. Una verità di pregiudizio, di sofferenza, di falsità, di fanatismo, di suicidi, di castrazioni emotive, di fallimenti.

                      Vede To_Ni, lei ha difficoltà a ragionare anche perchè alla base è cieco alle contraddizioni, non è pronto ad accettarle e a rifletterci. La comunità scientifica ha imparato, con il metodo scientifico e con il confronto aperto, a individuare ed espellere chi mette le ideologie davanti ai fatti verificabili, perchè esse non conducono che a contraddizioni e all’incapacità di evolvere sulle proprie posizioni, verificandole e avendone fiducia non in quanto verità assolute, ma verità solidificate dai riscontri e dalla coerenza con le cose.

                    • To_Ni says:

                      Mi pare che se c’è uno che non riesce proprio a ragionare sei tu e lo studio di Ciocca paraponzi … collocatelo nel tuo posto preferito e se incontri Ciocca digli che in futuro se deve fare uno studio lo faccia sui calunniatori bugiardi cronici come te.
                      Che Bayer ritratta o minimizza su un fatto dove è evidente l’intimidazione violenta a me frega un fico secco. Bayer, dopo l’accaduto, con il nuovo establishment , ha tutto l’interesse personale a garantirsi un futuro accademico e/o professionale . la violenza resta, il fatto resta ed è quello che a me interessa. Sai quanta gente, nella vita reale vigliaccamente, ritratta.
                      Robert Spitzer è lo psichiatra che materialmente ha emendato l’omosessualità dal DSM. In ogni caso mi interessa la sua dichiarazione e non la sua vita. Quella è importante.
                      Il fatto che feticismo e voyeurismo siano usciti dal DSM dimostra che feticisti e voyeristi non si sono ancora organizzati e non … hanno forzato a farlo.

                    • Giannino Stoppani says:

                      “Per la cronaca, Robert Spitzer non è “lo psichiatra che aveva emendato l’omosessualità dal DSM”, ma uno delle migliaia che compresero che l’omosessualità non è una malattia.”
                      Sulla via per Sodoma c’era un monte di gente…

                    • MicheleL says:

                      E perchè lo studio di Ciocca non sarebbe valido? E’ corrotto dal finanziatore? Ha manipolato i dati? Ha avuto la connivenza di revisori corrotti? Insomma, ci sono cose concrete come per Regnerus? No.
                      C’è lei, To_Ni, che non accetta i fatti. I fatti. Infatti lei non ha alcun elemento, ha solo la sua zucca dura. La stessa sostanza che rende gli estremisti irrecuperabili.

                      Bayer non ha ritrattato nulla, ha scritto un libro di centinaia di pagine in cui lei ha fatto il Regnerus di turno ed è andato a scegliersi i capoversi che le piacciono. Molto onesto.

                      Fa lo stesso per Spitzer; si fissa su una frase di 40 anni fa, ben lungi dall’essersi avverata, si inventa le deduzioni, quando Spitzer ha scritto migliaia di pagine e se volesse conoscere la verità le basterebbe leggersele. Ma a lei della verità non importa nulla. Lei ha la sua e questo deve bastare a tutti.

                      La sua verità sta in piedi nella sua testa solo grazie a delle manipolazioni, dei deliri di complotto inverosimili, in cui alla fine per lei potrebbe essere tutto il mondo a sbagliarsi. Lei è nel giusto senza alcuna prova, senza alcuna evidenza, tranne un testo vecchio di millenni, che lei ha deciso deve essere verità assoluta, ma solo tramite rimaneggiamenti di uomini che bramano il potere e lo barattano con la garanzia (verificabile solo dopo la morte) di una “verità che più verità non si può”.

                      Lei pensa di essere forte di quella verità, ma è invece un debole, per due ragioni: la prima è che lei non è più in grado di distinguere il vero dal falso, la seconda è che vive nel terrore di perdere una verità che ogni giorno, nonostante la sua ostinazione, la vita dimostra di non essere tale. Lei è così indotto ad odiare il suo prossimo, a pensare che tutti quelli che non la pensano come lei siano il male, senza nessun motivo e quindi senza nessuna possibilità di capire. Il suo pensiero ha la stessa matrice di quello dei terroristi, di questo dovrebbe avere paura.

                    • To_Ni says:

                      Ritento:
                      Io ragiono benissimo e distinguo i fatti dalle interpretazioni. Di Bayer mi sono interessato dei “fatti”, ovvero , l’aggressione. Cosa che lui (ed altri) hanno affermato. Se poi lui, per motivi propri, a guerra finita, quando gli conviene (ed è legittimo pensarlo) di non essere buttato fuori da centri studi che magari vedono la Patterson lesbica ma sicuramente non uno che avanza ipotesi scomode, la questione diventa un altra.

                      Robert Spitzer emendò materialmente il DNS.Poi nel 2003 divenne un traditore perché aveva deciso di verificare le terapie riparative ed è stato oggetto di una campagna denigratoria, anzi d’odio, senza precedenti. Figurati se un uomo ad 80 anni con il morbo di Parkinson addosso non fa una lettera di ritrattazione, ma i retroscena di chi lo praticava (Gerard van Den Aardweg ) sono conosciti.

                      Ma in ogni caso quello che mi interessava di Robert Spitzer era la dichiarazione che sopra ho riportato.

                      Se il feticismo ed il voyerismo sono ancora nel DNS la cosa dimostra solo che ” i feticisti e i voyeurismi non si sono ancora organizzati e non ci hanno forzati a farlo”.

                      Come al solito…fai pena.

                    • MicheleL says:

                      Lei si ostina a fare il Regnerus di turno. I fatti non importanti sono quelli che lei seleziona ad arte. Lo ha detto la stessa persona che lei pretende di interpretare e che non ha bisogno della sua interpretazione.

                      Per Bayer è ormai ora di pensione, se avesse dei ripensamenti non avrebbe nessuno da temere, come Spitzer del resto. Per anni infatti Spitzer ha approfondito la sua ricerca, non ha subito alcuna pressione insostenibile, ma giustamente un’attenzione da parte di un blocco crescente di comunità che si rendeva conto dei suoi errori, oggi chiari e lampanti, con la chiusura di Exodus e il lavori sulla c.d. terapia riparativa, internazionalmente anti-etica.
                      Tutti dati pubblici, verificabili, confermati, altro che Aardewg.
                      Possibile che non ci sia uno studioso onesto e attendibile che sostiene le sue idee, ma siano tutti o dei clamorosi ciarlatani? Aardewg affidabile? Uno che non ha pubblicato nulla di rilevante in vita sua e pensa che dietro ai nazisti ci fossero i gay? Si, certo…Quale calibro hanno i suoi riferimenti!

                      Ancora una volta si evidenzia la cronica mancanza di coerenza e di affidabilità delle sue fonti, che deve sempre deformare, supporre, cambiare.
                      Lei pur di assecondare la sua fobia butterebbe a mare tutta la conoscenza umana, arrivando ad insinuare che la comunità cederebbe sotto qualunque pressione, inclusi feticisti e voyeur: terrorismo e diffamazione infondati, al suo solito, come la storia dell’APA e della pedofilia. Calunnie tendenziose.

                      Quello che fa pena, il manipolatore, l’assurdo distruttore è lei. Tutto il suo mondo di frottole si basa su deformazioni, censure, manipolazioni, calunnie per chiunque non le comodi e esaltazione di palesi ciarlatani. Quello che fa pena è lei, e non per delle supposizioni, ma per delle evidenze.

                    • Giannino Stoppani says:

                      Proponiamo una semplice riflessione:
                      se certa gente seguace di certe ideologie totalitarie e totalizzanti non si fa scrupolo di manipolare la realtà dando un’interpretazione tendenziosa di un documento scritto nero su bianco per raggiungere lo scopo di calunniare un papa, che pur essendo mite persona, ha alle spalle una struttura solida e con peso mediatico rilevante come la Chiesa Cattolica, cosa è capace di manipolare e inventare per calunniare e ostracizzare un povero scienziato che si azzarda a smentire i loro autorevoli studi?
                      Ecco che Regnerus diventa un manipolatore di dati al soldo del Vaticano, mentre la Patterson, l’autorevole lesbica che ha effettuato il suo autorevole studio su 44 gatti (in fila per sei col resto di due) selezionati tra i suoi amici gay, vien fatta santa subito e portata in processione al gay pride.

                    • To_Ni says:

                      Ti ho risposto , ma sono moderato. L’emergere delle tue incoerenze ti fa sballare … e mi diverto.

                    • MicheleL says:

                      La comunità scientifica non ha mai detto una parola su Ratzinger. Io diedi eco ad una polemica dopo che lei volle insinuare legami tra la comunità gay e la pedofilia, così da farle assaggiare la sua stessa medicina. Non ho alcuna difficoltà a constatare che si tratta di una polemica se lei fa altrettanto.

                      Su Regnerus le critiche sono chiarissime. Sono nel rapporto Sherkat, dettagliate, sono nella presa di posizione del suo stesso dipartimento e le trova ancore più dettagliate nel lavoro che ha analizzato gli stessi dati con metodi scientificamente corretti ( Cheng, Simon, and Brian Powell. “Measurement, methods, and divergent patterns: Reassessing the effects of same-sex parents.” Social science research 52 (2015): 615-626. ): cose che trova scritte solo qualche riga più in su e che lei deliberatamente ignora, confermando che non le interessa il dialogo e la verità, ma solo le insinuazioni e le illazioni.
                      Infatti insinua che la Patterson abbia fatto solo uno studio su 44 soggetti, mentre questo è uno dei primi che ha fatto con la sua equipe (e uno dei primi in assoluto sul tema), quasi 20 anni fa, seguito da una nutrita serie di altri studi (decine) che lei tendenziosamente vuole ignorare.
                      Lei accusa me di fare propaganda, ma i metodi da propaganda li usa lei.

            • To_Ni says:

              Ti ho risposto…ma sono modarato 🙁

              Ma , a tuo merito dico che l””Io scelgo la via della verità” integra benissimo “Scrivo quello che scrivo perché sono una persona ragionevole e perché sono gay ….Trovo comunque utile mescolarmi agli ultimi, con umiltà.” è un capolavoro perché disegna alla perfezione colui che ha dato del protettore di pedofili al papa emerito (interpretando un frase che ti apre possibilità di calunnie praticamente illimitate).

              PS: Meriteresti una sinfonia di pernacchie , ma purtroppo Tempi non consente allegati sonori ai post.

              PPS “Io scelgo la verità” te la ricorderò spesso in futuro 🙂

              • MicheleL says:

                L’accusa di connivenza con la pedofilia a Ratzinger è della stessa sostanza di quella che piace sollevare lei nei confronti dell’APA. Dopo aver provato la carota, vedo che il bastone le risuona in testa a lungo, che ancora si lagna! 😀

                • giovanna says:

                  Signorina “micheleL-bob-radighieri “, non è ora di andare a nanna ?
                  Gli operatori lo sanno che sei sveglia a quest’ora ?
                  Nel caso fortunato che ci siano operatori a prendersi cura di te e che tu non sia del tutto abbandonata a te stessa.

                  ‘Notte, cara signorina 80studi80, sprovvista del tutto del senso del ridicolo.
                  E mi raccomando, ricordati, come sempre che “cogito ergo SUN ” ! 🙂
                  Ma come ti è uscita…troppo divertente ! 🙂
                  Cogito ergo SUN ! 🙂

                  Toni, ma perché continuare a discutere ancora con la nostra signorina trollona ?
                  Non ne hai abbastanza di ripetere sempre le stesse cose ?
                  Le stesse cose lei, le stesse cose tu.
                  Non vedi che ti rimbalza ?
                  La signorina cogitoergoSUN proprio non ce la fa ad interagire, neanche volendo, anche perché dell’argomento non gliene importa un fico secco , mentre tu ci metti l’anima.
                  Non credi che anche un lettore occasionale si renda conto che tutta tutta non ci sta con la testa e magari sospettare che anche tu , ad insistere, non te ne renda ben conto ?
                  Dai, quando abbiamo cominciato ad ignorare del tutto lo psycho-oshiva, l’ha lasciato perdere…facciamo la prova col trucido micheleL….almeno potremo scommettere su quale nick lo sostituirà !
                  ‘Notte , Toni !

                • Giannino Stoppani says:

                  L’accusa di connivenza con la pedofilia a Ratzinger già a suo tempo è risultata solo una infame calunnia, quindi il bastone e la carota te li puoi mettere tranquillamente tra le mele al posto degli altri oggettini con cui passi le serate.

                • To_Ni says:

                  L’accusa di “convivenza” con la pedofilia del Papa Emerito è la prova del calunniatore infame che sei. Nulla di tattico o strategico dato che a differenza di me la felicità del Nambla alle dichiarazioni dell’APA è provata e inequivocabile. Da te stesso ammessa in quanto hai tentato la solita ridicola difesa d’uffici affermando che il Nambla non avevano “capito” (e figurati) gli studi. Io non ho fatto nessuna interpretazione deformati di lettere o oltre. Che Ilga e Nambla hanno convissuto per 12 anni e a malincuore sono stati costretti a lasciarsi, non l’ho inventato io. Sono fatti che tu prima hai minimizzato (“è durato solo un paio d’anni”) poi sostenendo che l’ILGA sono dei falliti (pressappoco).
                  Vedi la differenza con la tua volgare calunnia?
                  Non mi lagno, godo solo della tua miserabile esibizione che mostra in maniera eloquente che l’unica cosa “autorevole” che hai è la tua cialtroneria

                  • To_Ni says:

                    … dato che a differenza di te* la felicita del Nambla …

                  • MicheleL says:

                    E’ falso che ilga sia rappresentativa della popolazione omosessuale e lei lo sa. E’ falso che APA sostenga la pedofilia e lei lo sa. E’ per una errata interpretazione che la minuscola nabla gioisce per uno dei tanti studi pubblicati da un membro dell’APA.

                    Se lei ammette questo, io non ho difficoltà ad ammettere che è falso che Ratzinger abbia coperto un pedofilo e che si è trattato di una errata interpretazione di una sua lettera.

                    Tra persone oneste si discute con onestà. Vuole usare metodi scorretti? Le faccio vedere come ci si sente a discutere con qualcuno che usa la disonestà, la calunnia e le insinuazioni per discutere. Come preferisce.

                    • To_Ni says:

                      Calunniatore io non ho mai detto che la posizione dell’Ilga rappresenta gli omosessuali:

                      Questo ho scritto in merito all’ILGA (se vuoi te lo propongo integralmente)

                      … Sono d’accordo che esistono molte anime omosessuali, anche se quella che trova appoggi dalle oligarchie economiche, supporti burocratici senza precedenti, e mass-media a totale disposizione è quella che probabilmente rappresenta una minoranza. Guarda caso è quella che vuole il matrimonio e figli.

                      Leggi di Più: Francia, nozze gay: chiesta condanna per Sabrina Hout | Tempi.it”

                      Sull’APA ho riportato notizie certe e pubbliche.
                      Ti smentisco agevolmente sempre per il semplice fatto che sei un CALUNNIATORE di professione (mettitelo nel biglietto da visita)
                      Quindi tra persone oneste. … tu sei fuori 🙂

                    • MicheleL says:

                      Mi sta dicendo che gli omosessuali non voglio il matrimonio? Se ilga rappresenta gli omosessuali che vogliono il matrimonio, ed essi sono la pressochè totalità (ovviamente), essa rappresenta tutti gli omosessuali. Che gioco sta giocando?

                      L’APA sostiene la pedofilia come Ratzinger. Serve un disonesto sforzo ideologico per dirlo, ma se vuole farlo, lo facciamo. Di che notizie sta parlando? Di uno studio tecnico che evidenzia una verità necessaria a curare le vittime dei traumi, ovvero che essi non sono sempre gravi?

                      L’APA ha chiramente preso le distanze da ogni interpretazione politica, dichiarando ufficialmente che “l’abuso sessuale dei minori è dannoso e sbagliato e gli studi non sono in alcun modo una giustificazione della pedofilia” e “ogni interpretazione politica deve essere evitata”.

                      Può leggersi tutta la dichirazione cercando Sara Martin, APA Monitor staff.
                      Non ha ovviamente preso distanze sul piano scientifico, perchè non si può ignorare scientificamente che le aggressioni non sono tutte gravi, questi bambini hanno bisogno di essere curati non traumatizzati ingigantendo le aggressioni meno gravi. La censura scientifica è peggiore del male, perchè lo nasconde invece di combatterlo.

                      Se vuole denigrare il suo “nemico” (ovvero la comunità scientifica, rea di dire la verità) con questi mezzi, sappia che subirà lo stesso trattamento.

                    • To_Ni says:

                      Sto dicendo che solo una minoranza di omosessuali vuole il matrimonio. Il resto è pompato artificialmente. E comunque quello che ho scritto è chiaro. Non cambio le carte in tavola come fai tu.

                      L’Ilga mi è servita a dimostrae come una potente associazione a livello planetario (che chiaro non rappresenta tutti gli omosessuali, perche la potenza non sta nel numero, ma nell’influenza che può esercitare) ha avuto rapporti per 12 anni con un associazione pedofila. Punto. Cosa che tua hai prima ignorato, su pressione mia poi minimizzato (“un paio d’anni”) poi hai sostenuto che l’ILGA non vale nulla. Tutto scritto , tutto verificabile: sei un imbroglione cronico. Non sei solo un soggetto che merita credito, ma sei anche un calunniatore professionista.

                      Insisti sul papa perche sei un essere senza vergogna, cosa che non mi meraviglia in vero. Le simpatie Nambla per l’APA sono evidenti e non ci vuole molto a scovarle. Non le ho inventato io. Tu inventi e metti sullo stesso piano una osservazione concreta con una tua calunnia. Ed insisti perche sei un zuccone.

                      Ti ho gia detto che il prendere le distanze da un uso “politico” e una pura e smplice ipocrisia. Come dire: “facciamo solo scienza” . Non farmi ripetere ciò che già sai.

                    • MicheleL says:

                      “Sto dicendo che solo una minoranza di omosessuali vuole il matrimonio”. Ma se perfino la maggioranza degli europei è a favore! Ma che balle dice?
                      Ma davvero pretende di poter dire tali evidenti assurdità?

                      Ilga non rappresenta nessuno, nemmeno io la conosco bene, si figuri la persona media in Europa. I conti li deve fare con i partiti, con la volontà politica reale, non con i fantocci che le viene facile abbattere, oppure io possono identificare lei con Padre Gino che va in giro a dire che i pedofili sono provocati dai bambini. Pensa che al nambla Padre Gino sia antipatico? E delle ritrosie nel denunciare i preti pedofili della Chiesa Cattolica? Non c’è solo Ratzinger…
                      Se vuole giocare al tirarsi palle di fango, si pronto a riceverne a sua volta.

                      Per altro mentre il suo castello di carte è basato su assurdità (come il sondaggio di cui sopra) e su una gerarchia chiara, pensa che se domani l’APA fosse sciolta gli studi sparirebbero? APA è una associazioni che non dirige gli studi, ne dà un parere. Gli studi sono condotti da migliaia di ricercatori e medici autorevoli e indipendenti e non le serve a nulla prendersela con APA.
                      Anche la AAP, la America Association of Pediatrics sostiene la sua posizione anche in base agli studi del What We Know Blog. Amici dei pedofili anche loro?

                      Lei continua a cercare disperatamente di infangare perchè se sale al livello del dialogo non ha alcuna speranza di spuntarla. Si deve inventare le cose e le accuse.

                    • To_Ni says:

                      Cialtrone , non mi riferisco all’essere a favore del matrimonio, ma al “volere” sposarsi. Infatti statisticamente tra questi è gli omosessuali che non si vogliono sposare c’è una differenza abissale ( se non sbaglio negli USA il 3% dei gay.). L’essere a favore del matrimonio e’ solo l’effetto di una attivissima macchina propagandistica.

                      Per quanto riguarda l’Ilga e’ un organizzazione a livello mondiale, presente in 110 paesi raccoglie centinaia di associazioni e tu la conosci al punto che di primo impulso l’hai difesa poi, da vigliacco, la sconosci (copia ed incolla?)

                      Il fango e’ tuo. Io non ho inventato nulla sull’APA . Non sono stato io a determinare la gioia del Nambla. Non mi turbo per la presenza di preti pedofili perché dappertutto esistono i traditori ( una specie a te imparentata). Sul papa emerito resti un vile calunniatore.

                      Se Apa AAP ecc. sparissero gli studi rimarrebbero per il potere che sorregge questa finzione ideologica. Anzi, probabilmente, si arricchirebbero di nuovi legittimi riconoscimenti: pedofili, incestuosi ecc i quali hanno lo stesso diritto tuo di sentirsi oggi discriminati,

                    • MicheleL says:

                      Lei scrive frasi a caso e il cialtrone sarei io? Caprone dalla testa dura, impari a scrivere! 🙂 (Aggiungo la faccina perchè io le voglio bene e la insulto con benevolenza).

                      Ciò detto. Da dove viene questo misterioso sondaggio?

                      Ribadisco che ilga non interessa a nessuno, e se vuole incollare quello che ho scritto lo sottoscrivo. Ilga non ha mai avvallato apertamente il nambla, lo ha accolto con leggerezza e poi espulso. Questo per amor di precisione, ma a me di ilga non me ne importa nulla. Non mi rappresenta e forse rappresenta i suoi membri, sempre pronti ad andare in associazioni più serie e importanti. Quindi lei parla del nulla, come se io mi focalizzassi sui boyscout cattolici per criticare la chiesa cattolica. Lei cerca il pretesto, ogni pretesto possibile.

                      Il vile calunniatore è lei, che vuole far passare l’APA come connivente con i pedofili solo perchè appoggia l’omogenitorialità. Lei demonizza il suo avversario senza alcun motivo reale, ma tramite un delirio di insinuazioni, diffidenze e sospetti. Io le ho già detto che scrissi quello che scrissi sull’ex-papa Ratzinger solo per far assaggiare a lei e al Sig. Stoppani una dose della vostra stessa medicina e se vuole continuare su questa china, faccia pure. Io, al contrario di lei, non radicalizzo le menzogne, ma sono pronto a ribadire la verità all’infinito:

                      L’APA ha chiramente preso le distanze da ogni interpretazione politica, dichiarando ufficialmente che “l’abuso sessuale dei minori è dannoso e sbagliato e gli studi non sono in alcun modo una giustificazione della pedofilia” e “ogni interpretazione politica deve essere evitata”.

                      I pedofili non hanno affatto diritto quanto me di sentirsi discriminati, perchè io non costringo nessuno ad amarmi. Hanno diritto quanto lei di imporre le loro idee, per quanto malvagie, basta che si scrivano una bibba tutta per loro con qualche assurdità all’interno. I pedofili sono molto più vicini a lei che a me, perchè deformano le parole degli altri (APA) e vogliono imporre qualcosa a qualcuno, esattamente come lei.

                    • To_Ni says:

                      Ho già risposto a tutte queste minchiate. ho risposto anche sulla costrizione dei pedofili.
                      così mi annoi

            • To_Ni says:

              Ritendo
              Io non sono un estremista, sono uno che sempre ti ha citato e dimostrato le vigliaccate che porti avanti, come cambi le carte in tavola, come calunni e la tua insolenza.

              Ho già detto partendo dall’APA come sono state esercitate vere e proprie pressioni ai limite della violenza (testimonianza di Ronald Bayer , testimone oculare alla convention del 1971). Ho pure detto come a studiosi è stato impedito di esercitare la propria professione (costringendoli a vere e proprie abiure). Proprio perché mi interesso della “verità” ho sempre invitato, a chi fosse interessato, a cercare sul web le loro dichiarazioni sull’inferno che hanno passato. Tutto per creare una “scienza” che non possa osservare il “chi è” un tipo … come te!

              In uno degli ultimi tuoi interventi che mi hai avuto la sfacciataggine che io “minaccio”.Ti ho invitato a dire in quale circostanza l’ho fatto (a te o anche ad altri) e te ne sei uscito con l’idiozia che essendo io un “fondamentalista” minaccio a prescindere :-). Questa è la misura della tua “verità” che dimostra la pericolosità, tipica dei vili, di soggetti come te.

              L’unica cosa certa è che non meriti il mio tempo, ti ho sbugiardato sempre, l’unica cosa che mi preme è ricordarti chi sei.

              • SUSANNA ROLLI says:

                Scusate, solo un secondo, qualcuno usa il lei al femminile, altri lui; io ho sempre creduto fosse un lui!
                Lui o lei?
                Scusa MicheleL, se sei una Lei, perchè MicheleL, nome maschile?
                Io sono una femmina e sono Susanna. Il motivo?. Non vedo l’utile!

      • MicheleL says:

        Il punto (è un problema per gli omofobi) invece è quello. Ad oggi tutti gli studi seri condotti non hanno trovato differenze, quindi -fino a prova contraria- quello contro le famiglie omogenitoriali è un pregiudizio.
        Poi possiamo discutere a lungo di questioni etiche sui metodi di fecondazione artificiale, ma questo prescinde -fino a prova contraria- dal sesso degli genitori.

        “ma un orfano senza più affetti vorrebbe una situazione che assomiglia a quella che l’ha messo al mondo o gli bastano due brave persone?” Diverse decine di studi, vagliati non solo dalla comunità scientifica, ma concretamente dalle più grandi associazioni di psicologi e pediatri, dicono che una coppia di brave persone è adatta, non importa dal sesso che hanno

        • Uomini e donne sono differenti fisiologicamente, morfologicamente e psichicamente, un bambino/a di sicuro “avrà di più” da una coppia etero non fosse altro per il fatto che è assistito da due esseri diversi e complementari non solo per i genitali. Io ho figli di entrambi i sessi e constato giorno per giorno le reali, concrete e decisive esigenze che entrambi i sessi hanno e trovano O in me O in mia moglie, in quanto maschio e femmina. L’assurdo sta nel dover dimostrare il dato di fatto. Per quanto riguarda gli studi ce ne sono di autorevoli in ogni direzione.

        • To_Ni says:

          Il punto (è un problema in un epoca di valorizzazione del pervertito) che la “comunità scientifica” unitamente alle “più grandi associazioni di psicologi e pediatri” (che ricordiamolo: sono quelli che piacciono a te, a quelli come te ed al potere che vi sostiene) nel momento in cui stabiliscono che maschio gay è un genitore idoneo, un valido sostituto di una madre, non è dissimile da una comunità che stabilisse oggettivamente che la medicina non serve a garantire la salute e che chiunque la pensa diversamente non è un bravo medico.

          PS: più volte, forte di questa convinzione, facilmente dimostrata, ho prodotto post nel quale ti raccomandavo la giusta “collocazione” delle tue decine di studi “autorevoli” (80 🙂 mi pare). Faticosamente, ad un ad uno…in fila, credo che ci saresti riuscito a raggiungere l’obbiettivo. 🙂
          ma una redazione, a me avversa, non mi ha permesso di donarti tale dritta.

          • MicheleL says:

            Il punto (è cocente per gli omofobi che da anni collezionano sconfitte) che la comunità scientifica unitamente alle più grandi associazioni di psicologi e pediatri -che ricordiamolo: sono quelle che hanno il numero di membri e l’autorevolezza più elevanti al mondo- nel momento in cui stabiliscono, sulla base delle evidenze, che due persone omosessuali sono dei genitori idonei, coincide con lo stabilire, da parte della comunità medica, una cosa oggettivamente verificabile quale il fatto che la medicina serva a garantire la salute. Chiunque la pensa diversamente non è un bravo medico, evidentemente. Infatti le due comunità, quella degli scienziati e quella dei medici, sono strettamente intersecate.

            Questa è la verità, contro l’assurdità di pensare ad un complotto mondiale, per di più quando non vi è uno straccio di studio serio che possa confermare, un’ipotesi tanto assurda che solo un fondamentalista potrebbe continuare a credere contro ogni evidenza, non solo scientifica, ma anche sociale e ormai storica.

            • To_Ni says:

              Tu torni sulla comunità scientifica è sbagli. Quel carrozzone fondato (ed infestato da chi sa cosa ) sul presupposto che un soggetto come te e/o simili deve “per legge” essere considerato idoneo. Lo si può mettere in discussione per tutti tranne che per te, altrimenti scattano le reazioni violente, come se la scienza non fosse un sistema aperto. Non c’è nulla di “autorevole”, non hai nessun “autorevole studio” in mano solo una connivenza, una complicità ideologica che ha avuto in precedenti in passato (i nazisti potevano raccogliere 3000 studi sulla superiorità della razza ariana se avessero vinto, chi poteva contestarli).
              Oggi il fenomeno globale e totalitario è più subdolo e non si basa su i divieti ma su ciò che serve ad ottimizzare una società dei consumi. Essere malleabili, anzi fluidi, in tutto è l’ideale. Rassegnati, sei solo … sponsorizzato. 🙂
              Due omosessuali non sono genitori idonei, nonostante il silenziare con la forza e con la calunnia ogni voce di dissenso. Pensa ad una madre cosa è e immagina te stesso che la sostituisci e …prova vergogna alla sola idea.

              • MicheleL says:

                Che la comunità scientifica sia infestata da “chissà cosa” (lei per primo non lo sa) è un’affermazione da estremista, gratuita, grave ed infondata.

                Certo che le evidenze scientifiche sono discutibili. Con altre evidenze scientifiche. Quali sono le sue? Dove sono gli studi seri ed affidabili su cui le si basa?
                Gli autorevoli studi sono ad esempio nel What We Know Blog della Columbia University, ma pure nelle migliaia di riviste, in cui si può orientare con il fattore di Impatto, che ne riflette la stima da parte della comunità stessa (quanto sono citate). Perchè gli studi che sostengono la sua omofobia si sciolgono come neve al sole della verifica scientifica?

                Ancora una volta: certo che i nazisti possono manopolare 3000 studi e renderli tutti delle falsità. Pensa che ci siano in Russia o in Cina studi a favore delle famiglie omogenitoriali? Dove non c’è libertà siamo d’accordo che gli studi non sono validi, ma in occidente nessuno è minacciato con la forza, ma confrontato con la scienza. Regnerus è stato smentito scientificamente, non con la violenza. La decisione dell’APA è fondata sulla scienza, le pressioni politiche esistono, ma trionfa la scienza (lo ha detto anche Bayer, che lei ha citato).

                Quindi la smetta di insinuare fandonie, come se chi non è indottrinato al suo cattolicesimo non lo fosse perchè sotto la minaccia di un regime. I regimi oggi sono il larga parte fondati proprio sul giogo delle religioni e quindi le sue insinuazioni sono ancora più paradossali.

                • Giannino Stoppani says:

                  Il fatto incontestabile è che una “comunità” presuppone una “politica”, la quale presuppone l’ideologia.
                  Che ci sia “un certo” mondo accademico che strizza l’occhietto alle idee radical, è un fatto incontestabile.
                  Che la massoneria non giochi un suo ruolo in questa partita è un fatto inverosimile.
                  Ma vallo a spiegare a uno che pensa che l’unica Spectre sia in Vaticano.

                  • MicheleL says:

                    Il mondo accademico politicizzato (Regneurs finanziato da un istituto religioso, Sullins un prete che ci lavora dentro, Loren Marks che lavora in una Università, in Luisiana, notoriamente di destra, come quella del Texas di Regnerus…) che produce balle sesquipedali (certificate, perchè qui non ci si limita ai sospetti, che è il massimo che può fare lei, ma si va nei dettagli di furberie e manipolazioni) sia quello che piace a lei, mentre quello che lei detesta è ad oggi sostenuto da decine di evidenze in decine di studi.

                    Non penso affatto che l’unica spectre sia il Vaticano. Altra fantasia sua.

                    • Giannino Stoppani says:

                      Da uno che è avvezzo alla menzogna seriale e alla calunnia infame come non aspettarsela cotanta dimostrazione di strabismo ideologico da tre palle un soldo?
                      Come fare a spiegare a un soggetto tanto problematico che se Sullins non va bene perché è un prete, pure con “l’autorevole” studio del felice papà gay Crouch ci si deve ntettare le (già da tempo devastate dal decubito) terga?
                      E cosa farne del viepiù autorevole blog gestito da noti attivisti gay?
                      Il poverino lo capisce che ogni volta che attacca sul personale gli autori degli studi a lui indigesti neanche tanto indirettamente avalla alla grande la tesi della “comunità” guidata dalla politica più che dalla scienza?
                      Scommettiamo di no?

                    • To_Ni says:

                      Quando si trattava della Patterson minimizzavi sul fatto che fosse una lesbica (avevi il QI) . Ora vedi le università cattoliche e gli ambienti di destra. Quindi già in questo, nella denigrazione di partenza si vede l’impostazione, l’etichetta per diventare “autorevole”. richiede i requisiti del tu ombelico. In un ambiente sistemico che ogni voce contraria viene attaccata e denigrata a prescindere dalle motivazioni.
                      Tu, da cortigiano calunniatore, sai come si fa.

                    • giovanna says:

                      Toni, ma come fai a parlare seriamente con questa poverina ?
                      Non lo vedi che ha un disturbo importante ?
                      L’hai capito , vero, che “Agostino”, che non ho letto, ma non è difficile da immaginare, è sempre lei ?
                      Come pensi di poter discutere con una persona a due, dieci, cento facce ?
                      Hai mai avuto a che fare con malati mentali ?
                      Hanno bisogno di tanto amore, di un amore del tutto gratuito, non di discussioni su chi è Napoleone tra noi.
                      Secondo me, rispondendole, le facciamo del male, la sprofondiamo.
                      Non uscirà mai, forse, dal pantano in cui è immersa.
                      Ma almeno non ce l’avremo noi sulla coscienza.
                      Se non sei convinto, come ho già detto a Giannino, vai alla fine dei commenti sull’articolo sulla canzone di Lennon : roba da brivido

                    • MicheleL says:

                      La Patterson è stata riabilitata dalla Corte della California nel 2011, la stessa che in precedenza ne aveva messo in dubbio l’affidabilità. Se vuole analizzare i suoi studi e trovarci falle, si accomodi.

                      Che le università in USA siano politicizzate è noto, ma non è importante, la cosa importante sono i fatti e le verifiche degli studi. Non ho alcuna difficoltà ad accettare uno studio fatto da un professore universitario che ha preso i voti, se lo studio è ben fatto (ce ne sono molti).

                      Lei è ancora una volta a corto di argomenti e non le resta che la via delle vuote accuse.

                    • Franco says:

                      Se lei si riferisce alla nota attivista lesbica Charlotte J. Patterson, ci ha pensato lei stessa ad indicare le “falle” dei suoi studi: “…i campioni studiati, piccoli e non rappresentativi, e la relativamente giovane età della maggior parte dei bambini suggeriscono alcune riserve”.
                      In effetti lo studio di cui si parla riguarda solo 44 soggetti.
                      Inoltre, dato che lei è tanto informato, mi spieghi nel dettaglio come e quando la “Corte della California” avrebbe “riabilitato” la Patterson dopo che fu invece la Corte della Florida” a stabilire:
                      “l’imparzialità della Patterson è venuta in discussione quando prima del processo si è rifiutata di consegnare ai suoi legali le copie della documentazione da lei analizzata negli studi. Questa corte le aveva ordinato di farlo ma lei ha unilateralmente rifiutato, nonostante i continui sforzi da parte dei suoi avvocati di raggiungere tale scopo. Entrambe le parti hanno stabilito che il comportamento della dott.ssa Patterson è una chiara violazione dell’ordine di questa corte. La dott.ssa Patterson ha testimoniato la propria condizione lesbica e l’imputata ha sostenuto
                      che la sua ricerca era probabilmente viziata dall’utilizzo di amici come soggetti per la sua ricerca. Tale ipotesi ha acquisito ancora più credito in virtù della sua riluttanza a fornire i documenti ordinati”
                      .

                    • MicheleL says:

                      La questione Patterson riguarda eventi molto vecchi, di 18 anni fa (1997). All’epoca era difficile trovare coppie omosessuali con figli. Pensi che nel 1998 quasi tutti gli stati degli USA avevano approvato la proibizione delle unioni omosessuali e alcuni anche a livello costituzionale. Ovviamente non era facile trovare dati e anche le famiglie non erano incoraggiate alla genitorialità. Pur di evitare polemiche inutili, ma convinta della correttezza dei suoi risultatiti, CJ Patterson preferì ritirarsi dalla partecipazione al dibattito.

                      La stessa corte già nel 2010, sancì come le evidenze di decine e decine di ricerche (inclusi i più recenti lavori di CJ Patterson, coerenti con il corpus di letteratura), provano che non vi sono differenze tra crescere con genitori omo o eterosessuali.

                      “reports and studies find that there are no differences in the parenting of homosexuals or the adjustment of their children, therefore the Court is satisfied that the issue is so far beyond dispute that it would be irrational to hold otherwise” Third District Court of Appeal State of Florida, July Term, A.D. 2010

                      “relazioni e studi trovano che non ci sono differenze nella genitorialità degli omosessuali o l’equlibrio psicologico dei loro figli, quindi, la Corte ritiene che il problema è ora fuori discussione e che sarebbe irrazionale sostenere altrimenti”

                      Studi come quello di Simon R Crouch, ma anche Fond G, Franc N, Purper-Ouakil D, Shechner T, Slone M, Lobel TE, Shechter R, Bos HM, Gartrell NK, van Balen F, Peyser H, Sandfort TG, Waters E, McNair R, Power J, Davis E e si può continuare a lungo con gli autori, americani, australiani, israeliani, olandesi, francesi, ecc. ecc. ecc.. Li trova raccolti nel What We Know Blog della Columbia University.

                    • Franco says:

                      Ma nel merito della questione della Corte della Florida, niente da dire?

                    • Giannino Stoppani says:

                      Ha ragione Franco, entriamo un po’ nel merito della questione?
                      1) Non hai forse scritto che questa attivista lesbica Patterson era stata “riabilitata” dalla “stessa” corte della “California”? E la Corte della Florida che c’entra? Non ti sarai mica sbagliato nel confonderti Micheluzzo bello?
                      2) Ma allora ‘sta famosa “riabilitazione” la Patterson non l’ha avuta dalla Corte della Florida che le aveva intimato di consegnare la documentazione relativa al suo “autorevole” studio, ma l’ha avuta di rinterzo, quando la Corte di appello della Florida ha giudicato sulla costituzionalità dell’adozione gay…
                      3) Ma il perché ‘sta Patterson si è rifiutata di consegnare la documentazione del suo autorevole studio si sa?

                    • To_Ni says:

                      Forse non hai capito che non trovo nullo di scientifico in quello che dici. Non credo ad una sola parla, e paradossalmente tu con le tue bugie, calunnie e liste , mi hai pure rafforzato le convinzioni.
                      Credo che esistono strutture di propaganda, e persone che costruiscono a convenienza “normalità” e prove per dimostrarle. Vorrei vedere se la Patterson si impegnasse a dimostrare l’insania dei suoi stessi desideri.
                      Io no sono a corto di argomenti, e il tuo cervello nell’icona è solo un fotomontaggio. 🙂

                    • MicheleL says:

                      @Franco. La Corte della Florida 18 anni fa constatò quello che era un fatto: gli studi sull’argomento erano ad uno stato primordiale, perchè le famiglie omogenitoriali si nascondevano ancora. Fare uno studio che ne coinvolgesse centinai era praticamente impossibile.
                      Dopo 20 anni molte cose sono migliorate, c’è maggiore visibilità per queste realtà e una più corretta informazione, che consente alla società di capire e superare il pregiudizio e il foramarsi di un giudizio oggettivo.
                      Gli studi si sono moltiplicati e hanno acquisito forza statistica, tra id essi anche -ma non solo- nuovi studi condotti dall’equipe di CJ Patterson. Questo blocco di letteratura ha oggi una dimensione e una coerenza notevole, al punto che anche la corte della Florida, potè esprimere un giudizio in merito e non un una riserva sull’affidabilità dei dati.

                      @To_Ni. Per dire che una cosa non è scientifica, occorre una cosa scientifica che dica il contrario. Lei poi può credere quello che le pare; ma la verità non si basa su sulle opinioni arbitrarie e sui pregiudizi ma su fatti tangibili e verificabili. .

                    • To_Ni says:

                      @ MicheleL

                      per poter dire che una cosa non è scientifica ci vuole un habitat adatto, senza timore di licenziamenti, gogne mediatiche sputi per strade , lettere minatorie. Cose che sono successe e dimostrabili. Quindi il mio non è un giudizio arbitrario. Non siamo liberi , quello che tu chiami libertà è solo una percezione , ed il totalitarismo non è solo quello nazista o sovietico, le forme cambiano asseconda dell’efficienza ed efficacia ideologica oltre della modalità di espressione della violenza..

                    • MicheleL says:

                      Lei vorrebbe giustificare una verità immaginaria di un dio immaginario negando una oggettiva in virtù di una dittatura immaginaria.

                      CJ Patterson e SR Crouch sono stati accusati da moltissimi -anche da lei- di essere inaffidabili perchè omosessualli. Queste accuse si sono infrante di fronte alla solidità, alla serità, alla coerenza e alla collegialità dei loro lavori.
                      Per ogni scienziato onesto intimidito, ce ne saranno dieci pronti a fare il loro lavoro che è esattamente ribadire la verità come l’hanno letta da lavoro del collega ingiustamente criticato. Infatti il What We Now Blog della Columbia University riflette l’attività della comunità.
                      Regnerus, Sullins, Cameron, ecc. non sono stati giudicati “vox populi”, ma in base ad evidenze scientifiche, fatti provati, dettagliati, che trova nei rapporti scientifici, nelle analisi dei revisori o dei loro dipartimenti.

                      La scienza ha bisogno di criteri oggettivi, non di posizioni ideologiche in cui basta lamentare una pressione per provare l’esatto contrario di ciò che emerge dalla totalità della letteratura, coerente, seria ed affidabile. Lei vorrebbe ripiombare il mondo nell’oscurantismo pre-illuminista, in cui regnava il dubbio perchè non si usava il metodo scientifico. Nell’oscurantismo vince chi urla di più, chi minaccia le conseguenze più spaventose se non viene obbedito, che sostiene dibattiti insostenibili perchè basati su illazioni, supposizioni e pretese verità.
                      Lo stesso Bayer che ha citato l’ha smentita. Spitzer, come EXODUS, non hanno capitolato sotto una pressione sociale -quella li ha sempre accompagnati- ma hanno compreso -come sancito anche dalla Corte della Florida-, sulla base delle indagini scientifiche (incluse quelle sociali), che si sbagliavano. Fortunatamente la scienza mette l’uomo al centro e nell’interesse dell’uomo (non del dio di alcuni uomini che lo e si ritengono superiori), chiarisce le caratteristiche dei fatti per aiutarci a scegliere.

                    • Franco says:

                      Quello che la Corte della Florida a suo tempo ha constatato lo ha scritto nero su bianco e neanche senza mezzi termini:
                      La Patterson ha dovuto ammettere di essere un’attivista LGBT e il suo insensato rifiuto a presentare i documenti che le sono stati richiesti avvalora il già fondato sospetto che abbia truccato le carte.
                      La sua riabilitazione è solo indiretta e non viene certo dalla medesima corte.
                      A questo punto una domanda dovrebbe sorgere spontanea a chi vuol vedere le cose in modo obiettivo: a che pro ricorrere alla menzogna se la comunità scientifica è tanto rigorosa e non si fa condizionare più di tanto dalla politica?

                    • To_Ni says:

                      Inutile che ti sprechi in chiacchiere. Il sistema totalitario si vede e si tocca. Siete talmente ottusi che non fate nulla neanche per minimizzarlo. Non amo ripetermi sia per questione di tempo e sia per l’inutilità di discutere con te che te ne vieni fuori con il tuo paraponziponzipo.

                      La verità oggettiva si costruisce in maniera agevole: se “gay è bello” ogni deduzione che tiene come punto fermo questo presupposto è valido oggettivamente. Te l’ho detto: come se si stabilisse che la medicina oggettivamente non ha un rapporto diretto con la ricerca della salute e tutto avrebbe delle logiche conseguenze. Tutte oggettive.
                      capisci che tutti i tuo organismi vanno a quel paese in automatico.
                      Su Bayer e Splitz ti ho già detto che non mi convincono i loro “convincimenti” , come non mi convince chiamare la prepotenza di gay impuniti “pressione sociale” . Non sono convincenti neppure i pronunciamenti delle “corti” dato che quando un giudice in liberta e coscienza prende decisioni di orientamento opposto viene bersagliato da migliaia di inviti a dimettersi (solita persecuzione). Quindi di cosa stiamo a parlare ? E’ come nel Padrino, Don Vito manda l’ambasciata per fare una proposta amichevole “che non si può rifiutare” (il convincimento) … dopo ti trovi la “testa di cavallo” nel letto (“la pressione sociale” fatta di ingiurie, calunnie, licenziamenti , ostracismo)

                      Poi è inutile, ripeto, si vedono, si toccano le cose. Si vede come organismi internazionali non rappresentativi agiscono sugli stati . Si vede come il dialogo nei media è a senso unico. Si vede, molto banalmente, nelle rappresentazioni TV di fiction ecc.

                      Tu caro Michele sei un imbroglione e calunniatore (provato e certificato con timbro CE) , capisci che non puoi tediarmi in questo modo riproponendomi obbiezioni dove sono costretto a ripeterti le stesse cose.
                      Non ti faccio una colpa di tutto ciò, perché ho la convinzione che per te “è lavoro”. Ti immagino con i tuoi file nel PC, pronto a fare copia ed incolla delle solite cose, ogni tanto ti danno il cambio o ti posi su un altro sito ecc. Non operi molto bene, per es. raramente leggo tutto il tuo post, mi abbiocco. E’ strategica la tua lungaggine? Il post sopra è tedioso perché ti potevi fermare alle prime 4 righe

                      In conclusione: perché insisti con una “oggettività” che è solo la tua. Coerente con una idea di uomo che per me è l’equivalente di un pollo cresciuto in batteria.

                      Sarò omofobo? vabbè , se me lo dici tu… non ci credo, ma ne vado fiero che me lo dici. So che faccio parte della “tua” costruzione oggettiva. Ma i non voglio meriti da te riconosciuti. Anzi, per i cattolici quando uno come te parla male di loro è un merito.

                    • MicheleL says:

                      La Patterson non ha mentito, si rese conto troppo tardi che la verità di una corte non si forma con la stessa modalità di quella scientifica. La corte non sancì affatto che essa fosse un’attivista, le chiese solo di mettere sotto la lente di ingrandimento una ricerca scientifica che per ragioni contingenti non poteva essere sufficientemente efficace. La Patterson prese la scelta più saggia, si ritirò della questione invece di iniziare una discussione che non aveva gli elementi per discutere.

                      Infatti, a distanza di quasi 20 anni, il tempo e le evidenze hanno confermato quelle che nel 1998 non potevano essere altro che intuizioni. CJ Patterson ha condotto nuovi studi, che possono essere messi in discussione da chiunque, lei compreso. In ogni caso -come ha efficacemente riassunto la Corte della Florida, la verità scientifica non si fa con un singolo studio, per quanto seminale, ma con una letteratura ampia, plurale e coerente, come infatti è quella che riguarda la questione dell’omogenitorialità.

                    • Franco says:

                      Cosa ha sancito o non ha sancito la corte della Florida (e non della California) è chiaro e si legge nel suo dispositivo.
                      Continuo a domandare: perché la Patterson ha mentito riguardo alla sua condizione e a come sono stati ottenuti i risultati della sue ricerche?
                      Se vuol rispondere a tono lo faccia nel merito, altrimenti eviti di arrampicarsi ridicolmente sugli specchi.

    • To_Ni says:

      A voglia che te la prendi con Regnerus per vantare credito da interviste spontanee fatte da gay (e/o simpatizzanti a sevizio) a gay gaiosi che referenziano quanto sono bravi. Le porcate fatte in sede APA con la sistematica epurazione di ogni voce di dissenso ed un contorsionismo ipocrita che ha portato al plauso di una associazione pedofila per il riconoscimento che c’è un “toccare” i bambini che non crea traumi basta ed avanza a chiudere il cerchio rispetto i protagonisti “scientifici” all’opera nell’insolente propaganda che costituiscono la base dei tuoi insulsi “autorevoli studi”.

      Detto questo immaginare una “normalità” venir fuori dalla bocca di un fantasioso calunniatore (“provato*), che elenca liste per persecuzioni nei confronti di chi dissente dalla sua concezione “mio ombelico è tutto”(provato* anche questo), bugiardo (provato* oltre ogni ragionevole dubbio il tutto per il puro capriccio di un desidera di comprarsi bambini (perché le “generose donatrici” esistono nella sua fantasia) per senso di decenza meglio stendere non un velo pietoso, ma una soletta di cemento armato. 🙂

      PS: Se ti passa per lo zuccone di dire che non ho mai dimostrato niente , fregandomene della tua affermazione, ricordo che in merito all’APA (e pure altro) ho fatto nomi e cognomi di gente cacciata, minacciata e calunniata. Che tali nomi sono reperibili in rete per chiunque volesse farsene una idea.
      PPS : Sul fatto che sei un calunniatore, credo che ormai lo sai e non hai motivo di negarlo… anzi forse pensi che sia una tua qualità (perché hai trovato un “autorevole studio” che ti rassicura in questo).

    • Pascal says:

      Piuttosto che affidare la dfinizione di essere umano agli psicologi preferisco andare a vivere in una caverna. O, meglio ancora, mandarci a vivere quelli come te.

  4. Radighieri says:

    Certo che se il giudice faceva riferimento allo studio di Regnerus, già smontato e rismontato, che per altro aveva tutt’altro come oggetto di indagine, state freschi.

    • giovanna says:

      Cara “radighieri”, banale ennesimo nick d’appoggio della nostra trollina preferita, la vita fuori dalle tue paranoie e dallo stare su internet a molestare e minacciare tutto il santo giorno per scavallare la giornata, è molto,. molto, molto più bella.
      Scommetto che se avessi una tua vita reale sdaresti contraria ad aborto ed eutanasia e alla compravendita dei figli : un’immersione nella vita reale ti farebbe tanto bene.
      Se per te non è una possibilità concreta, mi dispiace moltissimo.
      Forse cerchi di afferrare un lampo di vita trollando qui, chissà.

      • Giannino Stoppani says:

        Giovanna, confidando nella tua efficiente memoria ti domando una cosina:
        con quale nick la trollonza/il trollonzo perorava la causa della sua incrollabile fede nel “mondo migliore” con le stesse argomentazioni trollate pari pari sotto l’articolo di Vitale sulla canzonetta di John Lennon?

        • giovanna says:

          Scusa, Giannino, ma dandoti i link sono passata in attesa.
          Comunque, credo fosse, al 99 %, l’horror-nick saccente “xyzwk”

          • Giannino Stoppani says:

            Ti ringrazio tanto cara Giovanna, ma ti dirò che mi pare di aver spernacchiato un sostenitore del “mondo migliore” ben più remoto del cretinick che mi hai segnalato:
            Può darsi che sia l’obsoleto “Giovanni il cattivo”?

          • Giannino Stoppani says:

            Ti ringrazio tanto cara Giovanna, ma ti dirò che mi pare di aver spernacchiato un sostenitore del “mondo migliore” ben più remoto del cretinick che mi hai segnalato:
            Può darsi che sia l’obsoleto “Giovanni il cattivo”?

            • giovanna says:

              Esatto, caro Giannino !
              Nel post coi link che non è passato, citavo anche lui !
              Prova a digitare giovanni cattivo e mondo migliore con asterisco e scrivere site: tempi.it: Google te lo scodella in un attimo.

              Hai visto che esplosione incredibile di horror-creti- nick alla fine dell’articolo su imagine di Lennon ?
              Anche l’esausta paolab ha perso il suo finto aplomb.
              Credo che dovremmo considerare seriamente l’ipotesi di mollare la poverina al suo destino : le stiamo facendo del male, lo penso proprio.
              Tanto, non mi date retta.

  5. Sebastiano says:

    Io l’avevo detto che sarebbe tornato in grande spolvero il cervelloradiografato.
    E tutto perché gli avete toccato il suo giocattolino preferito: l’APA (quelli di «il sesso consensuale tra bambini e adulti, e tra adolescenti e bambini, dovrebbe venire descritto in termini più positivi, come “sesso adulto-bambino” e “sesso adolescente- bambino”»).
    Ma la redazione mi ha censurato il commento.
    Solo perché avevo scritto che il nostro cervellone sarebbe stato “puntuale come l’influenza e simpatico come un gatto attaccato ai maroni”.
    Mah, non c’è più il senso dell’umorismo di una volta…

  6. Sebastiano says:

    Vabbè, io per commentare ce l’ho messa tutta, ma la Redazione mi ha bloccato ben due post.
    E tutto perché parlavo di una influenza e di un gatto.
    Ciao

    • Menelik says:

      Infatti.
      Il software antispam della Redazione sembra calibrato su misura per favorire i troll.
      Basterebbe che venisse riconosciuto una sola registrazione da ogni indirizzo IP.
      Chi ha molte registrazioni dalla stessa macchina è sicuramente un troll.
      Io potrei inventarmi 100 nick diversi da altrettanti indirizzi mail, la maggior parte dei quali fasulli o abbandonati quando non servono più.
      Non lo faccio per onestà e serietà.
      Non mi va di piegarmi a questi sotterfugi disonesti.
      Ho una identità ed una personalità.
      Non mi svendo per fare il propagandista.

  7. Sara says:

    no ci hanno informato che il mondo è pieno di Giuda che si vendono per rispetto umano…………………..

  8. To_Ni says:

    Mi bloccano post in manieraa inspiegabile, ben tre, mentre passa il tuo letame.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.