Google+

Attacco in Siria. Russia e Iran accusano Trump: «Così favorisci i jihadisti»

aprile 10, 2017 Redazione

Mosca critica gli Usa a pochi giorni dalla visita del segretario di Stato americano Rex Tillerson. Teheran minaccia: «Davanti a nuovi attacchi, la Repubblica islamica non starà a guardare»

tratto dall’Osservatore Romano – Washington, 10. «La nostra priorità è sconfiggere l’Is. Una volta che la sua minaccia sarà stata ridotta o eliminata, potremo rivolgere la nostra attenzione a stabilizzare la situazione in Siria». Questo il messaggio lanciato ieri dal segretario di stato americano, Rex Tillerson, nel corso di un’intervista alla Cbs, a pochi giorni dall’attacco missilistico statunitense alla base aerea siriana di Shayrat. I rapporti con Mosca, principale alleato di Damasco, restano il punto nodale. Sempre ieri Tillerson ha avuto un colloquio con il ministro degli esteri russo, Serghiei Lavrov, nel quale ha sottolineato l’urgenza di un rilancio del dialogo politico. «Ci auguriamo che Mosca scelga di giocare un ruolo costruttivo» ha detto Tillerson.

I colloqui di Ginevra tra governo e opposizione non hanno avuto finora esiti concreti. La principale questione aperta è quella del futuro di Assad. Mosca sostiene Assad, riconoscendone la piena legittimità e considerandolo un fondamentale argine contro l’espansione del jihadismo. L’amministrazione Obama si era sempre opposta all’inclusione di Assad in un eventuale futuro governo di unità nazionale siriano. La posizione di Trump è più sfumata: pur criticando il regime di Damasco, il presidente statunitense non esclude a priori la possibilità di mantenere Assad al suo posto se questo è la condizione necessaria per mettere fine al bagno di sangue nel paese ed eliminare i jihadisti del cosiddetto stato islamico (Is).

Il dipartimento di stato americano non ha fornito dettagli sul colloquio tra Tillerson e Lavrov. Il ministero degli esteri russo ha spiegato come, nel corso del colloquio, Lavrov abbia ribadito la posizione della Russia, che non ritiene veritiera l’accusa mossa ad Assad di aver usato armi chimiche e quindi di aver causato intenzionalmente la strage di Khan Sheikhoun. Da qui la richiesta di «un’approfondita e imparziale indagine» sull’incidente. «Lavrov ha messo in evidenza che un attacco a un paese il cui governo sta combattendo il terrorismo» minaccia la lotta stessa al terrore e la «sicurezza regionale e globale». Tillerson incontrerà Lavrov il 12 aprile a Mosca. Il suo compito non sarà facile. Il segretario di stato è quello che ha usato le parole più dure contro la Russia, definendola «complice o incompetente nel far rispettare gli accordi del 2013». Accuse pesanti, rilasciate poco dopo il raid contro Assad.

Il rischio concreto è quello di una nuova escalation militare. Le forze alleate del regime di Assad, le truppe russe e le milizie sciite libanesi di Hezbollah hanno avvertito ieri che «reagiranno contro qualsiasi attacco al suolo siriano». È quanto si legge in un comunicato congiunto emanato dal comando militare alleato 48 ore dopo l’attacco statunitense a Shayrat. «L’attacco ha oltrepassato tutte le linee rosse. Pertanto reagiremo con fermezza a qualsiasi aggressione contro la Siria e a ogni violazione dei limiti insuperabili, chiunque sarà l’aggressore e gli Stati Uniti conoscono molto bene la nostra capacità di reazione» si legge nel testo pubblicato dal sito del quotidiano «Al Watan», vicino al regime.
A far preoccupare gli analisti è anche la posizione assunta dall’Iran, anch’esso vicino ad Assad. Ieri la Guida suprema, ayatollah Ali Khamenei, ha definito «errore strategico» il raid lanciato da Trump, sottolineando che «la Repubblica islamica non lascerà campo alle minacce». La violenza non porterà a nulla, ha ripetuto Khamenei. L’uso delle armi sta ottenendo soltanto un risultato: il rafforzamento dell’Is.

L’inasprimento della crisi siriana farà da sfondo, oggi, al vertice dei ministri degli esteri del g7 (Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Canada), che si tiene a Lucca ed è presieduto dal capo della diplomazia italiana, Angelino Alfano. Parteciperà anche l’Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera e di sicurezza comune, Federica Mogherini. Per discutere sul dossier mediorientale, Alfano ha convocato una riunione straordinaria, domani, allargata a Turchia, Emirati Arabi, Arabia Saudita, Giordania e Qatar, per tentare di rilanciare il processo politico. La priorità dei paesi del g7 resta lo sradicamento dell’Is dalle sue principali roccaforti in Medio oriente, in particolare Mosul. E questo anche per indebolire la sua capacità di proselitismo verso i lupi solitari in Europa. Tra gli altri temi in agenda, il difficile processo di riconciliazione nazionale in Libia, l’attuazione dell’accordo sul nucleare iraniano, la perdurante crisi ucraina, la crescita sostenibile e la governance democratica dell’Africa, la sicurezza informatica e l’agenda dell’Onu sulla prevenzione dei conflitti.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.