Google+

Vendola vuole sforare il patto di stabilità perché non sarà lui a pagarne il prezzo politico

ottobre 22, 2012 Chiara Rizzo

Il governatore decide di infrangere il patto di stabilità. Il capogruppo del Pd in Regione: «E poi lui sarà al nostro fianco quando dovremo pagare?»

“Cari pugliesi, sblocco i fondi e pazienza se sforiamo il patto di stabilità”. “Caro Nichi, tu sfori e poi le conseguenze ce le piangiamo noi?”: frammenti di lettere, non d’amore, della coalizione al governo nella Regione Puglia. Va avanti da qualche giorno uno scontro tra il presidente Nichi Vendola e il capogruppo del Pd al consiglio regionale, Antonio Decaro. Il tema è l’annuncio che Vendola ha dato qualche giorno fa con una lettera aperta ai cittadini pugliesi: una scelta, questa della comunicazione epistolare, che ha fatto imbufalire Decaro, anzitutto perché il presidente non ha prima consultato i suoi alleati politici.

10 MILIONI DI EURO AL GIORNO. Scrive Vendola: «La Giunta regionale ha deciso di liberare tutta la spesa possibile dei programmi comunitari di qui alla fine dell’anno. Per fare questo, la Regione oltrepasserà il limite fissato dal Patto di Stabilità Interno; ma non violerà alcuna norma. La legislazione italiana – da poco – consente alle Regioni di superare il Patto, quando si spendano risorse dei Programmi Comunitari, seppure con alcune cosiddette minisanzioni. In un mondo normale, l’aumento della spesa di questi fondi dovrebbe essere premiata, o almeno incentivata. In Italia, invece, questa possibilità, se non vietata, è fortemente disincentivata. Ecco, gli svantaggi che dovremo affrontare. L’anno prossimo, la Regione: a) non potrà contrarre mutui b) non potrà assumere personale (se non in sanità) c) dovrà limitare rigorosamente la spesa corrente. È vero, non è poco. Ma cosa otterremo?». Secondo Vendola, «liberare la spesa preserverà la nostra preziosa dotazione di fondi comunitari ed immetterà nell’economia regionale, di qui alla fine del 2012, almeno 500 milioni di euro. Quasi 10 milioni di euro al giorno per ogni giorno lavorativo. L’onda della crisi non accenna a diminuire. Lavoratori e imprese ormai da 3 anni sono in un’apnea che sta diventando asfissia e morte».

SCELTA SOLITARIA. La svolta decisa dal Governatore non vede d’accordo la sua coalizione. E i mal di pancia non sarebbero solo per la scelta di non comunicare prima ai partner politici la nuova politica regionale pugliese. Così ieri il capogruppo Pd in Regione, Decaro, ha spiegato che quella di Vendola è anzitutto «una scelta solitaria. E molto delicata, nella quale non solo il gruppo consiliare del Pd, ma tutto il Partito democratico, dovevano essere coinvolti». Decaro concorda con Vendola sul fatto che includere nel patto di stabilità (tra le Regioni e lo Stato) anche il conteggio del cofinanziamento sia necessario ad ottenere i fondi europei: «Siamo assolutamente convinti che sia assurdo mettere le Regioni nelle condizioni di scegliere fra rispettare il Patto di stabilità e quindi perdere ingenti risorse; oppure sforare il Patto, usare i fondi comunitari, ma affrontare insidiose sanzioni». Ma il problema è che per il momento le regole sono queste, e la decisione di Vendola ha delle conseguenze che non sarebbe il governatore a pagare. Infatti, fa notare Decaro, «non ci è ancora chiaro se, l’anno prossimo, il presidente Vendola vorrà ancora essere il governatore della nostra regione, e se sarà al nostro fianco quando dovremo fare i conti con queste sanzioni» oppure lascerà i pugliesi con il cerino in mano, a pagare le scelte innovative della sua politica locale, mentre lui magari da Roma starà a guardare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.