Google+

Il Riesame è contro il sequestro dell’inceneritore di Parma (notizia che non leggerete su beppegrillo.it)

dicembre 12, 2012 Francesco Amicone

Il sindaco grillino ha solo due possibilità: pagare 180 milioni di euro o realizzare quel termovalorizzatore contro cui si era scagliato per vincere le comunali.

«L’inceneritore mai!», tuonavano Beppe Grillo e Federico Pizzarotti, la scorsa primavera, in piena campagna elettorale per le comunali di Parma. Oggi, il blog di Grillo e la giunta Pizzarotti evitano di parlare del fatto che il Tribunale del Riesame ha respinto la richiesta di sequestro del sito avanzata dalla Procura.

COSTRUZIONE REGOLARE. Per i giudici non c’è stato nessun abuso edilizio. Niente che possa giustificare un sequestro e il fermo dell’impianto. Il tribunale del riesame di Parma ha confermato le precedenti decisioni del Gip e del Tar, contro la richiesta di sequestro del sito da parte della Procura. L’iter amministrativo per la costruzione dell’impianto è stato regolare. La concessione per la costruzione dell’opera era già compresa nei verbali di approvazione del Polo ambientale e dalla Conferenza dei servizi.

M5S ALLA PROVA DEI FATTI. Nessuna scorciatoia per Federico Pizzarotti, che aveva trasformato il voto a Parma in un referendum sul termovalorizzatore, confidando in una decisione che avrebbero dovuto prendere i magistrati. Senza il sequestro, i grillini, per mantenere la promessa elettorale, dovrebbero far pagare ai cittadini di un comune quasi fallito la penale astronomica di 180 milioni di euro. Pizzarotti aveva promesso agli elettori la «riconversione» del termovalorizzatore «in un centro di riciclo e recupero», benché sull’opera quasi completata, l’Iren, l’azienda incaricata della gestione dell’inceneritore e di cui il Comune di Parma è peraltro azionista, aveva già investito 109 milioni di euro
Se venisse accolta la richiesta di risarcimento danni avanzata dall’Iren, il comune di Parma dovrebbe sborsare 28 milioni di euro. Nel 2011, il comune di Parma, per arginare le proteste dei “no-termo” sostenute anche dai grillini, fece bloccare i cantieri.

LE OPPOSIZIONI. Cosa regalerà ai cittadini di Parma, la giunta grillina? 180 milioni di euro di debito o il termovalorizzatore contro cui si era scagliata durante le elezioni, ammettendo di aver costruito la propria vittoria su una balla? «Il sindaco assuma quegli atti formali e amministrativi per realizzare questa promessa», consigliano, ironicamente, le opposizioni, «oppure ammetta che non aveva nessuna percorribile soluzione alternativa e che ha preso impegni che non è in grado».
L’Iren ha annunciato che a febbraio ci saranno i primi test di funzionamento del termovalorizzatore ed entro aprile arriveranno i primi rifiuti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. tofuso lamoto scrive:

    A proposito di notizie non date da certi siti, c’e’ n’e’ giusto una sul corriere di oggi che non vedo sulla vostra home page. Riguarda qualcuno di cui recentemente pubblicizzavate l’ultima fatica letteraria. Comprensibile la cautela, ma almeno non scandalizzatevi se gli altri fanno altrettanto.
    Anche detto: “Chi e’ senza peccato scagli la prima pietra”.

  2. Gianluigi scrive:

    Siamo alle solite noi del Moviemento siamo abituati alla VS. propaganda di disinformazione.

    Sul blog c’è tutto perchè noi siamo trasparenti e non diffamiamo come Voi.

    Se aveste la cortezza di leggere poi forse sarebbe anche troppo, non me lo aspetto di certo è più facile infangare…

    http://www.beppegrillo.it/2012/08/linceneritore_di_parma.html

    Mi raccomando che non sia da intendere “offensivo” tale mail e pregherei che sia lasciata per il bene di tutti ma soprattuto per un’informazione LIBERA VERITIERA e non di partito..

    Saluti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana