Google+

Un minuto di dispregio per chi ha sentito Tania Cagnotto senza ascoltarla

luglio 31, 2017 Fred Perri

L’ho seguita con interesse, i suoi commenti per la Rai mi sono sembrati puntuali. Invece i mediocri abitanti della rete l’hanno coperta di insulti e contumelie

Tania Cagnotto

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Alla prima gara di tuffi della mia vita mi chiesi se tutti quelli che stavano attorno a me fossero pazzi. Non capivo una beata cippa e soprattutto mi domandavo: quella roba lì è sport? Dopo venticinque anni di tuffi l’entusiasmo non era aumentato ma almeno avevo imparato a capire se un atleta aveva eseguito un buon tuffo e anche dove (se) aveva sbagliato.

L’altro giorno ho seguito in tv una gara dei Mondiali di Budapest e ho scoperto, non lo sapevo, che il commento tecnico era di Tania Cagnotto. Tania la conosco bene, dalla prima gara importante che ha fatto. Ho mancato solamente le medaglie olimpiche a Rio 2016. Ha cominciato da bambina, ha lottato con il nome che porta, si è battuta, si è fatta male, ha perso, si è rialzata, ha vinto, ha riso, ha pianto. L’ho seguita con interesse, i suoi commenti mi sono sembrati puntuali. Certo la sua voce è stridente, ma sentirla fa capire qualcosa in più sui tuffi.

Invece di far questo, i mediocri abitanti della rete l’hanno coperta di insulti e contumelie. Mi sembrano quelli che, quand’ero giovane, si concentravano sui vestiti delle ragazze e non su quello che c’era sotto.

(Ps. Il solito lettore puntiglioso ha colto in fallo l’amico Perrone nel suo pregevole articolo su Raiola su una faccenda di ultimi ponti. Perrone chiede venia, da gentiluomo corretto qual è. Riguardo a me, se sbaglio lasciate perdere e andate direttamente affanculo).

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download