Google+

Un fantasma si aggira per il centrodestra disunito: la vittoria (ringraziare Renzi)

aprile 30, 2017 Alessandro Giuli

«Se Berlusconi riesce a riavvicinare a sé Fdi e Lega e ottiene una legge elettorale premiante per le coalizioni, rischia davvero
di farcela». Parole d’un analista di rango

centrodestra-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Un fantasma si aggira per il centrodestra: lo spettro della vittoria. E non mi riferisco tanto alle imminenti amministrative, lì dove i litigiosissimi leader della coalizione berlusconiana che fu – e che governò l’Italia con la più alta maggioranza nella storia repubblicana – sono riusciti pressoché ovunque a raggiungere un patto sulle candidature comuni. Sto parlando della non lontana prospettiva di elezioni politiche, siano esse a fine giugno come sogna l’impaziente Matteo Renzi (improbabile, ma chissà) oppure in autunno o l’anno prossimo, a scadenza naturale di legislatura.

Questo fantasma si annida nei sondaggi e nel senso comune, nei traffici di parole spese ai crocicchi che contano, dentro i morbidi e sfiatati salotti del potere, nei retropensieri che si rincorrono fra i palazzi dell’establishment editoriale e finanziario. «Incredibile, ma vero: se Berlusconi riesce a riavvicinare a sé Fratelli d’Italia e Lega, se ottiene una legge elettorale vagamente premiante per le coalizioni, rischia davvero di vincere. Male che vada, arriva secondo dopo i Cinque stelle e sarà lui a gestire la partita della Grande Coalizione con il Pd per sbarrare il passo ai grillini». Parole d’un analista politico di rango. Certo, ci sono ancora troppi “se” a fare la differenza. Certo, il Cav. conserva una quota d’imprevedibilità superiore alla sua lungimiranza. E tuttavia ci sono alcuni punti su cui riflettere.

a) L’elettorato di area centrodestra, smoderato e inattivo, si mostra più maturo dei politici di riferimento. In presenza di un’offerta unitaria decente, esce dalla latenza e torna a galvanizzarsi se intravede un margine di vittoria.

b) Berlusconi si avvicina agli 81 anni, è ancora incandidabile, è sotto processo a Milano per i noti fatti (Ruby ter eccetera), sta rimpannucciando Mediaset dopo gli assalti di Vivendi e ha appena venduto il Milan; oltretutto è privo di un disegno politico chiaro, per ora si limita a un casting occulto per rinverdire Forza Italia. Disastro? Al contrario! I numeri lo dichiarano competitivo perfino in queste condizioni, e queste condizioni sono modificabili da qui ai prossimi mesi, con la sola incognita giudiziaria milanese, ma pure con la prospettiva di una grande riabilitazione simbolica da parte della Corte di Strasburgo.

c) Il fronte sovranista non è poi così unito come si crede. Giorgia Meloni, ex ministro berlusconiano, studia da governante e non da custode dei rancori d’opposizione; ha una vocazione coalizionista ed è incoraggiata dalla possibilità di gestire il dopo Berlusconi all’interno del perimetro di Arcore. Matteo Salvini ci crede meno ma non è un masochista, e non può sfidare oltre ogni dire la pazienza di Roberto Maroni e Luca Zaia, i cavalieri del Nord legaforzista.

d) Il nemico è alle porte e spara, ma colpisce a casaccio. Renzi ha perduto il senso della misura e la buona mira d’un tempo, la rincorsa su Grillo lo indebolisce, i suoi tutori di oggi potrebbero diventare gli amici berlusconiani di domani. Un nome su tutti: Dario Franceschini, adiuvante il Quirinale. E chi ci dice che l’eventualità di un governo politico di sistema – badate bene: politico, non tecnico – debba per forza attirare l’ostilità preventiva delle destre?

E mi fermo qui, ma solo per non spaventare il fantasma.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se fosse una compagna di scuola, la Peugeot 308 sarebbe la classica ragazza seduta nei banchi della seconda fila; precisa, puntuale, concreta e in grado di ottenere ottimi risultati. Però poco appariscente. La tipica studentessa che pochi notano e che i professori danno per scontato sia in grado di ben figurare in ogni frangente. Ora, […]

L'articolo Prova nuova Peugeot 308 proviene da RED Live.

Il suo logo a forma di ruota spicca su caschi, capispalla, piumini, borsoni, zaini, bracciali in argento e foulard in seta, e non a caso. La collezione di abbigliamento e accessori uomo/donna Milano 1914 trae difatti la sua identità da EICMA, il Salone internazionale delle moto, la cui prima edizione è datata 1914, appunto. E […]

L'articolo Milano 1914, nuova collezione e corner al Boscolo proviene da RED Live.

La scelta di un’automobile è una decisione che dipende dall’utilizzo che se ne vuole fare. Chi ha bisogno di un mezzo da guidare esclusivamente in città, sarà orientato verso un’auto più compatta e maneggevole; se la vettura accompagnerà spesso la famiglia in gite fuori porta, ruote grandi e ammortizzatori rinforzati saranno determinanti; se il conducente […]

L'articolo Il cambio: tipologie e caratteristiche (automatico/semiautomatico/manuale) proviene da RED Live.

In sella a una delle moto più speciali mai prodotte da BMW. La HP4 Race porta all’estremo il concetto di moto sportiva. Leggerissima potentissima, va fortissimo ma non è un mostro impossibile da domare, anzi… 80.000 euro sono tanti? Forse, ma dopo averla guidata potresti cambiare idea.

L'articolo Prova BMW HP4 Race proviene da RED Live.

Con il nuovo Kymco AK 550, la Casa di Taiwan punta dritta al cuore del mercato dei Top Scooter bicilindrici. Il prezzo è interessantissimo (9.190 euro in offerta lancio) ma i contenuti tecnologici sono tutt’altro che di serie B. Anzi!

L'articolo Prova Kymco AK 550 proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana