Google+

Toccafondi sui tagli alle paritarie: «Ma così o chiudono o raddoppiano le rette»

luglio 9, 2012 Daniele Ciacci

Intervista al deputato Gabriele Toccafondi dopo i tagli alle scuole paritarie. «Eppure lo Stato risparmia. Proporrei in tutta Italia i buoni scuola della Lombardia»

Una rivisitazione della spesa pubblica passa attraverso la forbice dei fondi statali. Così, le scuole paritarie ne subiscono un danno gravissimo. Da 538 milioni di euro, infatti, i contributi dedicati all’educazione statale paritaria si riducono a 278 milioni, circa il 52 per cento rispetto all’anno precedente. «Peggio di noi sta solo la Corea del Nord – scherza, ma neppure troppo, Gabriele Toccafondi, deputato Pdl –. Le scuole paritarie, in Italia, rischiano l’estinzione».

Tra Imu e taglio dei fondi, sembra che lo Stato voglia attaccare la scuola paritaria.
A pensare male ogni tanto ci si azzecca, e due indizi fanno una prova. Detto questo, la cosa più urgente sarebbe parlare della parità scolastica. Personalmente, proporrei in tutta Italia i buoni scuola della Lombardia. La vera parità scolastica esiste ovunque, tranne in Italia e in Corea del Nord, e noi ragioniamo ancora sui tagli.

In Italia non c’è una vera libertà di educazione?
Ormai da cinque anni, l’unico argomento che attiene le scuole private è la loro sopravvivenza, sempre in bilico tra attacchi politici e tagli economici. Se il contributo per il prossimo anno non sarà più di 530 milioni, molte scuole saranno costrette a chiudere o a raddoppiare la retta. A scapito di una proposta vera di molteplicità formativa. So che è una battaglia politica da “retroguardia”, ma il centrodestra deve farla e, a mio parere, dovrebbero farla tutti.

L’unica possibilità per risparmiare passa attraverso i tagli?
I tagli sono sempre certi, i risparmi sono sempre incerti. Ma mettiamo caso che una scuola paritaria chiuda a causa della riduzione dei contributi. Sarà necessario creare una struttura alternativa, pubblica, che possa contenere i bambini in esubero. E lo Stato spende. A una scuola dell’infanzia paritaria un bambino costa, in media, 550 euro all’anno, in una scuola pubblica 5500 euro. Dieci volte tanto. Insomma, la vera parità porta risparmi. Le scuole paritarie, poi, hanno una valenza storica e culturale del tutto chiara. Sono una delle due gambe su cui si sostiene il sistema educativo italiano, accogliendo oltre un milione di ragazzi sui nove milioni totali.

Eppure, una certa stampa ha visto, in questa manovra, un attacco alla scuole pubbliche a favore delle paritarie.
Io sto ai fatti. L’unica certezza è che, per il 2013, è previsto un taglio di 250 milioni alle scuole paritarie. Si scivola dai 538 milioni di euro a 278 milioni, per un taglio di circa il 48 per cento del totale. Se è così, si chiude. La maggioranza parlamentare sta chiedendo a gran voce al governo di fare attenzione, e al ministro dell’istruzione Stefano Profumo gli è scappato detto che sta pensando a un reintegro del fondo. A sinistra, apriti cielo! Polveroni, editoriali, manifestazioni, tam tam mediatici. Quando parte la macchina non la fermi più. Io dico: se dovete manifestare, manifestate per la scuola pubblica, che è sia statale sia non-statale, come citato dalla riforma Berlinguer.

Fernando Ferroni, direttore dell’Istituto Nazionale per la Fisica nucleare, ha minacciato le dimissioni se non verranno limitati i tagli alla ricerca. Perché in Italia si fa fatica a puntare alla formazione?
Il problema è un altro. Qui si taglia tutto. Si tagliano il Parlamento, gli enti locali, la sanità, le pensioni, ecc. L’unico modo per uscire da questa crisi non è soltanto attraverso l'”accetta”, ma riformando il sistema. La difficoltà della crisi non è accidentale: abbiamo mantenuto per troppo tempo un livello di spesa pubblica che questo paese non può sopportare. Tagliare indiscriminatamente, senza ragionare su un nuovo sistema di spesa, distrugge tutto, in particolare le risorse improduttive. Come l’istruzione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. gmtubini says:

    Chissenefrega del pluralismo formativo e del risparmio, la scuola pubblica è uno stipendificio da difendere con il coltello tra i denti. Anche a costo di sostenere che la Corea del Nord del Caro Leader è un paragone infelice perché alfabetizzata al 99% dimenticandosi che tutti i regimi totalitari si servono della scuola per perpetuare potere sulle nuove generazioni.

    • Carlo Martinelli says:

      Caro Chissenefrega, mai pensato da dove viene un regime totalitario ? :

      – a – Dal pluralismo formativo ?
      – b – Dall’assenza di pluralismo formativo ?

      Sbarra – a – o – b – , se ce la fai.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.