Google+

Taken – La vendetta, o dell’ostinazione chiamata sequel

ottobre 9, 2012 Paola D'Antuono

Nel 2008 si parlò a lungo di Taken, tradotto in Italia con il titolo Io vi troverò, un film partito in sordina e arrivato, grazie al passaparola e alle recensioni positive, a incassare quasi 230 milioni di dollari in tutto il mondo. Non male per il thriller francese, scritto e prodotto da Luc Besson e […]

Nel 2008 si parlò a lungo di Taken, tradotto in Italia con il titolo Io vi troverò, un film partito in sordina e arrivato, grazie al passaparola e alle recensioni positive, a incassare quasi 230 milioni di dollari in tutto il mondo. Non male per il thriller francese, scritto e prodotto da Luc Besson e diretto da Pierre Morel, in cui Liam Neeson interpreta Bryan, ex-agente segreto della Cia, a cui rapiscono la figlia mentre si trova in vacanza a Parigi. Sarà stato il successo travolgente della pellicola a spingere Besson a produrne il sequel e Neeson ad accettare di rivestire ancora i panni dell’agente segreto.

IL PERICOLO RITORNA. È passato del tempo dal rapimento di Kim in Francia. La ragazza tenta disperatamente di provare ad avere una vita normale ma non è facile, anche perché suo padre Bryan, dopo il rapimento, è diventato ancora più protettivo nei suoi confronti. Tra di loro però i rapporti sono più distesi e i due organizzano un viaggio, insieme a Leonore, la madre di Kim, che si è appena separata dal secondo marito. La famiglia riunita si trova a Istanbul, dove ad attenderli c’è il padre di uno dei rapitori di Kim, che fu ucciso da Bryan durante il salvataggio della figlia. Bryan e Leonore vengono presi in ostaggio da una banda di malviventi che vuole ucciderli.

SEQUEL? NO, GRAZIE. Taken – La vendetta, in uscita giovedì 11 ottobre, è in testa al box office americano e chissà se riuscirà a replicare il successo del primo episodio. Il dubbio è legittimo perché, come capita spesso quando ci si trova davanti a un sequel, la storia, le idee, i personaggi che tanto erano piaciuti in Io vi troverò, non riescono a produrre nello spettatore la stessa piacevole sensazione adrenalinica del film precedente. A partire dal protagonista Liam Neeson, che ha perso la forma smagliante del capitolo precedente e appare goffo, appesantito e lento, il peggio che si possa aspettare da un ex agente della Cia. Le sequenze action, infatti, hanno bisogno di pesanti movimenti di macchina per sembrare tese e veloci, sopperendo così all’agilità mancata di Neeson, che invece nel primo capitolo era perfettamente a suo agio nel ruolo del picchiatore di professione. Anche la storia perde di credibilità a tal punto da scatenare risa involontarie in alcuni momenti del film, che non sveleremo per evitare spoiler. Ottima invece la scelta della location: il traffico, la folla per strada, i tetti, i vicoli stretti e bui di Istanbul fanno da perfetto sfondo a 91 minuti di inseguimenti e sparatorie, in cielo come in terra. Da segnalare anche i titoli di testa del film, un’altra delle cose migliori viste nel film. Che, purtroppo, finiscono qui.

Vale il prezzo del biglietto? Sì, se il biglietto costasse 2 euro al massimo.
Chi lo amerà? Chi non si lascia sfuggire botte da orbi e inseguimenti sui tetti
A chi non piacerà? A chi stima Liam Neeson

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download