Google+

Sudan. Madre cristiana condannata all’impiccagione: «Hai avuto tre giorni per convertirti all’islam ma non hai voluto farlo»

maggio 15, 2014 Leone Grotti

Meriam Yahia Ibrahim è stata condannata ingiustamente l’11 maggio per apostasia. Per salvarsi avrebbe dovuto convertirsi all’islam, ma lei, madre di un figlio e incinta di otto mesi, ha rifiutato

Ha avuto tempo fino a stamattina per abiurare il cristianesimo e convertirsi all’islam. Ma Meriam Yahia Ibrahim, dottoressa cristiana di 27 anni, ha deciso di rimanere cristiana ed è stata condannata a morte in Sudan. «Ti abbiamo concesso tre giorni per abiurare, ma hai deciso di non riconvertirti all’islam. Ti condanno alla morte per impiccagione», ha letto la sentenza il giudice Abbas Mohammed Al-Khalifa rivolgendosi alla donna con il suo nome islamico, Adraf Al-Hadi Mohammed Abdullah.

ADULTERIO E APOSTASIA. Ibrahim si trova in carcere dal 17 febbraio insieme al figlio di poco meno di due anni ed è incinta di otto mesi. Lo scorso 11 maggio la corte di Khartoum l’aveva condannata a morte per apostasia  e a ricevere 100 frustate per adulterio. In Sudan, infatti, la sharia è la fonte della legislazione e prevede che i musulmani non possano cambiare religione così come è vietato alle donne musulmane sposare uomini di altre religioni. Nessuno però era mai stato condannato a morte dal 1985.

CRESCIUTA COME CRISTIANA. Ibrahim è sposata con il cristiano Daniel Wani e dopo l’esecuzione della sentenza i suoi figli saranno affidati allo Stato. Secondo quanto stabilito dai giudici l’11 maggio, la sentenza non sarà eseguita prima che la gravidanza sia portata a termine.
Ibrahim è stata cresciuta come cristiana dalla madre, visto che il padre musulmano se ne è andato quando lei aveva sei anni. Ma un uomo l’ha accusata di essere stata allevata come musulmana e di essersi poi convertita al cristianesimo. Al processo diversi testimoni hanno affermato davanti alla corte che Ibrahim è sempre stata cristiana ma i giudici hanno emesso lo stesso la condanna.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

16 Commenti

  1. carolus scrive:

    L’islam religione di pace e di tolleranza ! E le nostre Boldrini tacciono!

  2. Robinson scrive:

    Non ci resta che pregare dinanzi a tanto orrore.
    Eleviamo tutti al Signore una preghiera.
    Signore, muoviti a pietà!

  3. Luca scrive:

    Purtroppo i giudici non hanno fatto altro che applicare le prescrizioni della religione islamica, rivenienti dal Corano e dalla Sunna (che insieme formano la cosiddetta sharia, la legge islamica).

    Chi si sorprende per queste sentenze (innumerevoli), o non conosce la materia, o è in malafede.

    • Fran'cesco scrive:

      Io mi sorprendo, si, degli strenui difensori dei diritti altrui che non aprono bocca, in questo caso.
      Spero di ricredermi nelle prossime ore.

      Intanto diciamo almeno una decina, in questo mese dedicato a Maria…

    • Toni scrive:

      Luca,
      mi hanno censurato (con qualche ragione).
      Mi sembra il tuo un approccio light (i giudici applicano la sharia, perché sorprendersi, non è la prima) e non capisco il senso del tuo intervento . Perché c’è malafede in chi si indigna?

      • Menelik scrive:

        …il senso è che, sotto sotto, lui è contento di questa condanna a morte.
        Un cristiano in meno, un nemico in meno, soprattutto una donna, capace di generare altri potenziali cristiani.
        Io lessi qualche mese uno dei soliti troll di casa qui commentare un articolo su Asia Bibi, dicendo che le sta bene, se è talmente “furba” da non rinunciare all'”amico invisibile”.
        Questo scrisse il signorino.

        • Toni scrive:

          Si ricordo quel memorabile intervento. Ma ha un repertorio molto vasto: una volta ha realizzato una associazione tra la fonte battesimale e la pedofilia. Ci dona, su questo sito il vero volto della situazione, secondo solamente ad EricaT, mentre Bifocale …… è il teorico …l’intellettuale (cita l’antropologo, la filosofa, le associazioni psichiatriche ecc.) o (meglio) il “profumatore”.

      • Leandro scrive:

        Forse avete frainteso il senso dell’interveto di Luca.
        Secondo me voleva semplicemente sottolineare come il problema non siano gli “integralisti” africani, quanto invece la religione islamica in sè, che prevede, appunto, di uccidere l’apostata (oltre a gay e adulteri) e tante altre belle cose.

  4. domenico b. scrive:

    Proprio ieri il Papa parlava dei santi sconosciuti che portano avanti ogni giorno la famiglia in mezzo alle difficoltà. Questa donna Cristiana è un esempio di fortezza, e la sua famiglia dev’essere fiera di lei.
    Preghiamo per lei, per I suoi familiari, e anche per noi, che prendiamo esempio da lei nei momenti di prova.

  5. MF scrive:

    E dove sono i vari amnesty international & company?

  6. Sasso Luigi scrive:

    È una martire da venerare. Santa Meriam, assistimi, chiedi al Padre anche per me il tuo coraggio nel giorno in cui mi sarà chiesto di testimoniare fino al sangue la mia amicizia per Gesù Cristo.

  7. Mary scrive:

    Qualcuno si muova! O gli assassinii dell’Islam sono politicamente corretti?!?
    Stanno uccidendo un’innocente! Innanzi al menefreghismo di tutti… salvate questa martire!

  8. Nino scrive:

    E’ senz’altro una terribile notizia ed una chiara violazione dei più elementari diritti umani :-(

  9. vinci letta scrive:

    io non sono razzista, credo nel rispetto delle idee e delle religioni, non ho mai guardato il colore delle pelle o il paese di provenienza, guardo solo il buono o il cattivo, di qualsiasi razza, colore o religione…ma queste cose mi fanno indiavolare…che interpretazione danno al loro credo?…se il loro Dio è questo non è come il mio…ma purtroppo qui Dio non c’entra….qui sono solo gli uomini…della peggiore specie che interpretano la religione a loro uso e consumo per terrorizzare il popolo e tenerlo schiavo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana