Google+

Sudan, Meriam non è stata ancora rilasciata. Rischia fino a sette anni per falsificazione del passaporto

giugno 25, 2014 Redazione

Il suo avvocato ha dichiarato: «Chiunque dica che è stata rilasciata, mente. Ora bisogna evidenziare la sua difficile situazione»

meriam-ibrahim-sudan-maya-martinMeriam Yahya Ibrahim è ancora rinchiusa nel commissariato di Khartoum insieme al marito e ai due figli, dopo il fermo subìto in aeroporto ieri. Ha dichiarato il suo avvocato: «Chiunque dica che è stata rilasciata, mente. Ora bisogna evidenziare la sua difficile situazione». Sembra che la donna potrebbe essere accusata formalmente di aver falsificato i suoi documenti ma si attendono ancora conferme ufficiali. La famiglia è stata bloccata mentre stava lasciando il Sudan per gli Stati Uniti il giorno dopo che la Corte di appello ha annullato la condanna a morte della donna per apostasia.

CONTROLLO DOCUMENTI. Il fermo di ieri all’aeroporto di Khartoum è stato effettuato proprio per un controllo di documenti. A riferirlo è il dipartimento di Stato americano, per bocca della sua portavoce, Marie Harf: le autorità statunitensi sono state informate dal Sudan che «la famiglia è stata fermata temporaneamente in aeroporto per alcune ore da parte del governo per domande su questioni relative al loro viaggio e ai documenti». «Il governo ci ha assicurato la loro sicurezza», ribadiscono le autorità Usa, che intendono «assicurarsi» che Meriam, il marito e i figli «possano presto lasciare il Sudan».

meriam-sudan-passaportoNUOVO RISCHIO PRIGIONE. Stando a quanto raccolto dalla Bbc e da Reuters, la donna avrebbe avuto problemi legati al suo passaporto: i documenti di viaggio erano del Sud Sudan, mentre la donna è sudanese, e il visto americano. «La polizia dell’aeroporto l’ha arrestata dopo che ha presento documenti di viaggio di emergenza rilasciati dall’ambasciata sud-sudanese (foto a fianco) e con un visto americano», riporta su Facebook un membro del Niss, che ieri ha bloccato la donna. «Le autorità sudanesi considerano questa azione una violazione criminale e il ministro degli Esteri ha convocato gli ambasciatori americano e sud-sudanese». Secondo il codice penale, falsificare un documento è un atto punibile fino a sette anni di prigione e secondo il Daily Mail la donna sarebbe già stata formalmente accusata anche perché sul documento compare il suo nome da cristiana e non da musulmana.

«INTERVENGA L’ITALIA». Anche il marito di Meriam, Daniel Wani, è «molto preoccupato» dalla situazione e parlando con Antonella Napoli, presidente di Italians for Darfur, ha chiesto che l’Italia intervenga perché Meriam venga rilasciata. La donna, infatti, è ancora sotto interrogatorio della polizia sudanese.

LA CONDANNA E IL RILASCIO. Meriam aveva lasciato il carcere lunedì: vi era rinchiusa dallo scorso 17 febbraio, accusata da un sedicente “fratello” di apostasia a causa di una sua presunta conversione dall’islam al cristianesimo. La condanna le era stata inflitta a maggio in primo grado: 100 frustate e morte per impiccagione. Una revisione della sentenza da parte della Corte d’Appello di Khartoum aveva però portato all’annullamento della condanna e, di conseguenza, alla liberazione della donna. Una gioia però durata poche ore visto che già ieri è avvanuto il fermo in aeroporto, poco prima che Meriam e il marito lasciassero il Sudan.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. domenico b. says:

    E’ questa la bellezza dell’islam? Obbligare le persone a pratiche esteriori per adorare una divinità che non gradisce il vero sentire del cuore? Una divinità che premia chi ammazza coloro che non praticano tecniche di preghiera corrette? Ma perchè non ci pensa direttamente lui, questo burattinaio… se vuole dei giocattoli se li fabbrichi creando soltanto musulmani, ed evitando di creare persone che sono solo destinate alla morte.
    Dov’è in questa religione la bellezza e l’avventura della ricerca del Bene, dell’Amore che viene dall’alto, del sentirsi perdonati per tutti I nostril fallimenti, del rendersi piano piano conto che facciamo parte di un’unica umanità che alla fine dei tempi si riconoscerà come un corpo unico in Cristo?

    • Antonio says:

      certa gente (e anche certi scarti di agglomerati cellulari alla odifreddi) vede rosso al solo sentir parlare di religione. Però le loro cafonate, sputacchiamenti, insulti, beceraggini, falsità le riservano solo contro il cristianesimo. Si perchè sai gli islamici si arrabbiano e allora meglio ragliare al massimo contro la religione in termini generali, poi nello specifico insultare direttamente solo i cattolici, il Papa, il clero ecc ecc non si sa mai…

  2. augusto says:

    Non sanno più cosa inventarsi sti islamisti del ca..o per rovinare la vita delle persone che la pensano diversamente .

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download