Google+

Dieci carcerati belgi chiedono l’eutanasia. Uno la ottiene. «Ma non abbiamo abolito la pena di morte nel 1996?»

ottobre 28, 2013 Leone Grotti

I giudici hanno concesso a Frank l’eutanasia anche se non è malato terminale e quindi, secondo la legge, non ne avrebbe diritto. Il verdetto positivo potrebbe arrivare anche per altri detenuti

Dieci detenuti in Belgio hanno chiesto di morire con l’eutanasia. Lo riferisce il programma televisivo belga Panorama, andato in onda lo scorso 20 ottobre, che ha realizzato un reportage sull’eutanasia in prigione nel paese che ha legalizzato la buona morte nel 2002.

SOFFERENZE INSOPPORTABILI. Solo un detenuto nella storia del Belgio è stato ucciso con l’eutanasia, secondo quanto dichiarato dal medico Francis Van Mol, direttore generale del servizio sanitario penitenziario. Nel 2012 anche Frank V.D.B. ha chiesto e ottenuto di morire, anche se l’iniezione letale non è ancora stata fatta. Durante il servizio su Panorama, il giornalista Dirk Leestmans ha intervistato proprio Frank, che ha detto di «non voler uscire dal carcere perché sono un soggetto pericoloso» e di provare «sofferenze insopportabili» in cella.

COLPA DEL CARCERE. La stessa motivazione è stata addotta da altri nove carcerati. Ma come dichiarato l’anno scorso dal senatore Louis Ide, che per primo ha denunciato il caso, i detenuti chiedono l’eutanasia solo perché disperati, vivendo in celle anguste, sovraffollate e inadeguate. Nel reportage, infatti, Frank ammette di vivere insieme ad altre quattro persone in una cella di appena due metri, dove sono costretti a stare 23 ore su 24 senza la possibilità di lavorare.

DOMANDE LEGITTIME. E Il giornalista Leestmans, al termine del servizio, si chiede se le richieste di eutanasia non siano causate proprio dalla terribile condizione delle carceri in Belgio: «Frank chiede di essere ucciso perché malato o perché vive in carcere in condizioni pessime? Non c’è un modo per alleviare la sofferenza di Frank, diverso dal togliergli la vita, magari trasferendolo in un ambiente adeguato? La pena di morte in Belgio non è stata abolita nel 1996?».

NESSUN MALATO TERMINALE. Come Frank, anche gli altri nove detenuti che hanno richiesto l’eutanasia non sono malati terminali. Secondo la legge solo chi è affetto da una malattia allo stadio finale e che porterà sicuramente alla morte in pochi mesi può richiedere il trattamento letale. Ma di recente la legge viene applicata anche a chi, pur non essendo malato, dice di soffrire «in modo insopportabile».
Come dimostrato da numerosi rapporti e da un film documentario dedicato al tema, la legge sull’eutanasia in Belgio viene continuamente abusata ed è fuori controllo. Non solo la metà dei casi che avvengono non sono riportati ma la commissione incaricata di controllare che la legge sia rispettata si è dichiarata impotente a svolgere il suo lavoro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. beppe says:

    applichiamo l’eutanasia di massa al parlamento europeo. … alle prossime elezioni ricordatevelo cari amici.

  2. Italo Sgrò says:

    Contrario all’eutanasia. E’ omicidio.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.