Google+

Siria, splendore e dramma. Immagini e video dei siti artistici “prima e dopo” la guerra

giugno 20, 2014 Redazione

A Roma, una mostra testimonia la grandezza del patrimonio artistico siriano, devastato da anni di combattimenti: i monasteri di Maloula, il souq di Aleppo, la fortezza di Qal’at al-Madiq

Ci sono luoghi di culto musulmani e cristiani, monasteri e minareti, fortezze e souq. La guerra siriana ha devastato un intero Paese, e con esso il suo ingente patrimonio storico e culturale. Per provare a ricostruire, almeno idealmente, tutto ciò che è andato perduto, a Palazzo Venezia, Roma, è stata inaugurata ieri una mostra dal titolo “Siria splendore e dramma”, alla presenza di Francesco Rutelli, ex ministro dei Beni Culturali e presidente dell’associazione Priorità Cultura, aperta gratuitamente al pubblico fino al 31 agosto. Sono esposti nelle sale alcuni pezzi archeologici provenienti da collezioni di musei vaticani e italiani (essendo irreperibili quelli siriani), più diverse immagini di siti artistici “prima e dopo” il conflitto: l’area di Apamea, i sarcofagi di Al-Bara, i monasteri e le chiese di Maloula, ultimo centro rimasto dove si parla ancora aramaico. I confronti fotografici sono eloquenti.

siria_mostra_arte

Qui sopra, la fortezza medievale di Qala’at al-Madiq, prima e dopo il bombardamento nell’aprile del 2012. La rocca sorge non lontano da Hama, ed è stata edificata nel XII secolo: ora domina l’area archeologica di Apamea.

siria_mostra_arte2

Ad Aleppo, il souq era un punto di riferimento millenario per la città, con le sue botteghe che ospitavano mercanti e prodotti d’ogni genere: nel 1986 l’Unesco lo aveva dichiarato patrimonio dell’umanità. Durante gli scontri tra governo e ribelli dell’ottobre 2012 è stato dato alle fiamme.

siria_mostra_arte3

Un’altra delle ferite più drammatiche della guerra si trova sempre ad Aleppo, dove è stato distrutto il minareto della moschea degli Omayyadi, XI secolo. Pure l’edificio di culto dei musulmani era patrimonio dell’umanità per l’Unesco.

siria_mostra_arte1

Il confronto tra due immagini prese da Google Earth: entrambe fotografano dall’alto il sito archeologico di Apamea, a distanza di poco più di un anno l’una dall’altra. In mezzo ci sono stati combattimenti e saccheggi.

La mostra ospita anche un video realizzato da Matteo Barzini, con musiche di Ennio Morricone, che mostra gli scontri tra i luoghi di culto, siti archeologici e monumenti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Ale scrive:

    Che tristezza. Vite umane e città distrutte. Milioni di persone in fuga. Se accadesse a noi? E nel resto del mondo vivessero come se niente fosse..

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana