Google+

Ribelli contro ribelli. In Siria sta per cominciare una nuova guerra tra due brigate legate ad al-Qaeda

giugno 26, 2013 Leone Grotti

I ribelli jihadisti di al-Nusra, che hanno fondato un califfato ad Aleppo, vogliono fare guerra all’ala irachena di al-Qaeda, che ha trasformato Raqqa in un emirato

In Siria i ribelli sono sempre più divisi. Non solo gli estremisti islamici affiliati ad al-Qaeda combattono alcune brigate formate da civili che hanno impugnato le armi contro Assad, ma gruppi diversi di jihadisti rischiano di farsi guerra tra di loro.

AL-QAEDA CONTRO AL-QAEDA. Secondo quanto riportato da Reuters, due gruppi jihadisti sono ormai ai ferri corti: da una parte i qaedisti di Jabhat al-Nusra, guidata da Abu Mohammad Golani, e dall’altra lo Stato islamico dell’Iraq, la fazione irachena di al-Qaeda comandata da Abu Bakr al-Baghdadi. Se al-Nusra ha instaurato un califfato islamico ad Aleppo, lo Stato islamico dell’Iraq ha trasformato Raqqa in un emirato.

TENTATA FUSIONE. Al-Baghdadi ha dichiarato lo scorso aprile che lo Stato islamico dell’Iraq si era fuso con al-Nusra prendendone il controllo. Davanti alle proteste di al-Nusra, Ayman Zawahri, capo globale di al-Qaeda dopo l’uccisione di Bin Laden, ha bloccato la fusione affermando che le due brigate devono rimanere distinte.

«COSTRETTI A COMBATTERLI». Al-Baghdadi ha però ignorato l’ordine del leader di al-Qaeda aumentando la tensione in Siria: «Zawahri ha parlato chiaramente in nostro favore – ha dichiarato un importante membro di al-Nusra a Reuters – se lo Stato islamico dell’Iraq non lo ascolterà, non abbiamo altra scelta che combatterli sul campo». Ma le due brigate jihadiste sono quelle che hanno ottenuto i risultati più importanti contro Assad e farsi guerra a vicenda sarebbe sicuramente una catastrofe per l’esito del conflitto: «Per ora abbiamo deciso di evitarli per non far scorrere il sangue tra fratelli – continua il membro di al-Nusra – ma se lo Stato islamico dell’Iraq continua ad agire contro gli interessi della Siria dovremo cacciarli con la forza».

ARMI A QUESTI RIBELLI? Gli uomini di al-Baghdadi sono molto forti nel nord della Siria. Secondo diversi combattenti ribelli «se davvero le due brigate cominciassero a farsi la guerra è probabile che al-Nusra avrebbe la peggio». Per ora la situazione è in stallo e prevale la volontà di non danneggiarsi a vicenda ma la divisione dei ribelli, tra estremisti islamici e civili, e tra jihadisti stessi, pone ulteriori dubbi sulla scelta degli Stati Uniti di armarli dal momento che è sempre più difficile garantire che le armi vadano a chi vuole una Siria democratica e non a chi vuole trasformarla in un califfato islamico.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Marco says:

    state continuando dare adito a una marea di falsità.
    I civili stanno con Assad non contro. I ribelli non sono ribelli ma sclamanati assassini terroristi. e non sono freedom fighters sono estreisti islamici del Qatar ormai uccisi, adesso arrivano Al Nursa. Quando il presidente Obama un anticristo , disse nella sua prima campagna elettorale: “non possiamo affidarci soltanto ai militari per la nostra sicurezza nazionale” sapeva benissimo che si riferiva agli eserciti privati tra cui ci sono tutte le organizzazioni di al qaeda e da dove prendono le armi e i soldi?

    Evidentemente dagli U.S.A.

    Chi ha dato i soldi a tutte le dittature comuniste? I BANCHIERI EBREI STATUNITENSI .

    CHI DA SOLDI ALLA CHINA SIN DAGLI ACCORDI COMEMRCIALI FACENDO CHE LA CINA DIVENTI UN PAESE COSÌ POTENTE?

    BILL CLINTON E I GOVERNI U.S.A. SUCESSIVI.

    CHI ARMA I TERRORISTI. non chiamateli ribelli perchè è un ins ulto. dite pane al pena e vino al vino quelli sono terroristi spietati della peggor specie finanziati dall anato e dagli u.s.a ah ma non avete il coraggio

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.