Google+

Siria. Perché i curdi vengono esclusi dai colloqui di pace

febbraio 7, 2017 Rodolfo Casadei

Controllano quattro distretti settentrionali della Siria al confine con la Turchia, ma Turchia e altri attori internazionali li ostracizzano

Tempi duri per il Pyd, il Partito dell’Unione democratica curdo-siriano che governa di fatto e controlla militarmente per mezzo del suo braccio armato (le Ypg) quattro distretti settentrionali della Siria al confine con la Turchia. Il governo di quest’ultima e i principali gruppi della ribellione siriana integrati ai negoziati Onu di Ginevra hanno rinnovato il rifiuto di lasciar partecipare la formazione curda al nuovo ciclo di trattative, previsto per il 20 febbraio.

Nonostante il suo ruolo niente affatto secondario nella guerra civile siriana entrata nel suo settimo anno, il controllo di due strisce di territorio non contigue lunghe quasi 400 km e profonde un centinaio, e l’alto tributo di sangue versato nella lotta contro l’Isis, il Pyd non è mai stato ammesso alle tre precedenti sessioni dei negoziati sponsorizzati dalle Nazioni Unite a Ginevra, né al summit di Astana organizzato in Kazakistan da Russia, Turchia e Iran il mese scorso. Per la Turchia il Pyd/Ypg, anche se si presenta oggi come coalizione della Forze democratiche siriane (Fds) insieme a formazioni armate di tribù arabe, altro non è che l’equivalente siriano del Pkk, il partito curdo turco impegnato in una mortale lotta armata col governo di Ankara da più di trent’anni.

OSTRACISMO INTERNAZIONALE. Nell’ostracismo verso il Pyd convergono, oltre al governo di Ankara, il Consiglio nazionale siriano (Nsc, sostenuto dalla Turchia e dalla Ue), l’Alto comitato per il negoziato (Hnc) sponsorizzato dall’Arabia Saudita che riunisce soprattutto gruppi islamisti e salafiti e il Consiglio nazionale curdo (Knc), formazione ribelle affiliata alla Coalizione nazionale siriana delle forze dell’opposizione e della rivoluzione. Questi gruppi considerano il Pyd un alleato obiettivo del regime di Damasco, con le cui forze le Ypg hanno osservato quasi sempre uno stato di non belligeranza, e un avversario della Turchia che a loro ha fornito rifugio e notevole supporto logistico per tutti questi anni. Il rapporto sempre più stretto con gli Stati Uniti a partire dalla battaglia di Kobane nell’autunno del 2014, quando gli attacchi aerei americani contro le postazioni dell’Isis permisero alle Ypg di respingere l’assedio dei jihadisti, non ha giovato alla causa curda, anzi: è stato la principale ragione del riavvicinamento della Turchia alla Russia.

IMBARAZZO USA. Oggi i vari gruppi ribelli dichiarano apertamente che se vogliono prendere parte ai negoziati, i curdi del Pyd devono chiedere una poltrona di quelle riservate al governo di Bashar El Assad. Recentemente anche gli Usa sono diventati tiepidi nei confronti degli uomini di Salih Muslim Muhammed, almeno formalmente: in occasione dell’ultima consegna di armi da parte degli Stati Uniti alle Forze democratiche siriane (Fds), coalizione di Ypg e milizie arabe, impegnate nell’offensiva contro Raqqa iniziata il 5 novembre scorso, il portavoce del Pentagono ha tenuto a precisare che gli otto blindati rinforzati messi a disposizione dalla Difesa americana sono stati consegnati alla “componente araba” delle Fds, a evidenziare l’imbarazzo americano per un atto che Ankara potrebbe facilmente qualificare come sostegno al terrorismo curdo.

CRISI ENERGETICA. Il Pyd incontra pure problemi nel governo dei territori sotto il suo controllo, ribattezzati col nome di Rojava. A causa dell’inverno rigido e della generale scarsità di risorse, molte località sono rimaste prive di gasolio e la popolazione civile sta soffrendo intensamente per il freddo. Il sistema amministrativo del Pyd, che ha centralizzato la distribuzione del gasolio e di altri generi di prima necessità, è finito sotto accusa per presunti favoritismi. Secondo fonti citate dall’agenzia di stampa curda irachena Rudaw, «Il Pyd ha deliberatamente assegnato la distribuzione del kerosene alle sue assemblee di sezione nei vari comuni, e indirizzato la gente a rivolgersi ad esse». Le sezioni hanno distribuito il gasolio ai loro sostenitori, dando loro la precedenza sulla gente comune priva di affiliazione politica. La crisi energetica è diventata talmente forte che in molte zone i camionisti hanno dovuto interrompere i trasporti.

POZZI DI PETROLIO. Il prezzo del gasolio per trazione è più che raddoppiato nelle ultime settimane raggiungendo il prezzo record di 100 lire per litro, mentre nelle città del nord-est sotto il controllo dell’esercito siriano (Qamishli e Hassaké) il prezzo non supera le 40 lire. L’amministrazione del Pyd controlla una quantità considerevole di pozzi petroliferi nella regione, ma finora ha preferito commerciarlo attraverso le tribù arabe locali per procurarsi entrate con cui pagare i miliziani e le loro famiglie.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download