Google+

Siria. Mit: L’attacco chimico che stava per scatenare la reazione Usa, «non può essere stato lanciato da Assad»

gennaio 17, 2014 Leone Grotti

La rivelazione, che si basa sui dati a disposizione dell’Onu e dell’intelligence americana, è stata fornita dal Mit che ha studiato il caso con la collaborazione di un ex ispettore Onu

ghouta-siria-usa-intelligence-armi-chimicheSecondo un nuovo rapporto appena pubblicato dal Mit (Massachusetts Institute of Technology), l’attacco chimico di Ghouta avvenuto il 21 agosto 2013, per cui gli Stati Uniti hanno minacciato di attaccare la Siria, non può essere stato condotto dall’esercito di Bashar Al Assad.

«NON È STATO ASSAD». Il documento intitolato “Possibili implicazioni dell’intelligence tecnica difettosa degli Stati Uniti” è stato realizzato da Richard Lloyd, ex ispettore Onu, e Theodore Postol, docente al Mit.
I due autori hanno studiato la posizione dell’esercito siriano sul territorio, secondo le informazioni in possesso della Casa Bianca, e la possibile traiettoria del missile contenente gas sarin rinvenuto a Ghouta, concludendo che «non può essere stato lanciato dalle aree controllate dal governo siriano secondo la mappa pubblicata dalla Casa Bianca il 30 agosto 2013».

ghouta-siria-usa-intelligence-armi-chimiche1LE PROVE. Per gli studiosi, un missile con il carico supposto non poteva viaggiare per più di due chilometri ma tutte le postazioni attorno a Ghouta nel raggio di due chilometri appartenevano ai ribelli e non al governo. Gli autori sottolineano anche che i ritrovamenti dell’Onu sono in pieno accordo con la loro tesi.
«Quando ho cominciato questo lavoro pensavo che solo il governo siriano potesse essere dietro a questo attacco. Ma ora non sono più sicuro di niente – ha dichiarato Postol – La storia raccontata dall’amministrazione Obama non si avvicina neanche lontanamente alla realtà. Gli Stati Uniti potevano attaccare un paese basandosi su un errato lavoro di intelligence».

ARMI CHIMICHE. Gli autori affermano anche che «i ribelli siriani avevano l’abilità per costruire queste armi», tesi confermata da più rapporti indipendenti. Ora le armi chimiche in possesso del regime siriano saranno distrutte dagli esperti dell’Onu. Tra le armi dichiarate dal governo non ci sono missili come quello rinvenuto a Ghouta e gli uomini dell’Onu, fino ad ora, non ne hanno trovati di simili.

MOLTI DUBBI. Il rapporto Onu sull’utilizzo di armi chimiche a Ghouta, a pochi chilometri da Damasco, aveva provato l’utilizzo di gas sarin nella zona e ne aveva attribuito la responsabilità, pur senza farlo esplicitamente, ad Assad. Il numero delle vittime non è stato accertato anche se secondo i ribelli sarebbero almeno 1.466.
Secondo diversi membri del Congresso americano le prove raccolte contro Assad sono molto deboli ed è stata anche messa in dubbio l’autenticità dei filmati che mostrerebbero le presunte vittime dell’attentato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana