Google+

Siria. Mit: L’attacco chimico che stava per scatenare la reazione Usa, «non può essere stato lanciato da Assad»

gennaio 17, 2014 Leone Grotti

La rivelazione, che si basa sui dati a disposizione dell’Onu e dell’intelligence americana, è stata fornita dal Mit che ha studiato il caso con la collaborazione di un ex ispettore Onu

ghouta-siria-usa-intelligence-armi-chimicheSecondo un nuovo rapporto appena pubblicato dal Mit (Massachusetts Institute of Technology), l’attacco chimico di Ghouta avvenuto il 21 agosto 2013, per cui gli Stati Uniti hanno minacciato di attaccare la Siria, non può essere stato condotto dall’esercito di Bashar Al Assad.

«NON È STATO ASSAD». Il documento intitolato “Possibili implicazioni dell’intelligence tecnica difettosa degli Stati Uniti” è stato realizzato da Richard Lloyd, ex ispettore Onu, e Theodore Postol, docente al Mit.
I due autori hanno studiato la posizione dell’esercito siriano sul territorio, secondo le informazioni in possesso della Casa Bianca, e la possibile traiettoria del missile contenente gas sarin rinvenuto a Ghouta, concludendo che «non può essere stato lanciato dalle aree controllate dal governo siriano secondo la mappa pubblicata dalla Casa Bianca il 30 agosto 2013».

ghouta-siria-usa-intelligence-armi-chimiche1LE PROVE. Per gli studiosi, un missile con il carico supposto non poteva viaggiare per più di due chilometri ma tutte le postazioni attorno a Ghouta nel raggio di due chilometri appartenevano ai ribelli e non al governo. Gli autori sottolineano anche che i ritrovamenti dell’Onu sono in pieno accordo con la loro tesi.
«Quando ho cominciato questo lavoro pensavo che solo il governo siriano potesse essere dietro a questo attacco. Ma ora non sono più sicuro di niente – ha dichiarato Postol – La storia raccontata dall’amministrazione Obama non si avvicina neanche lontanamente alla realtà. Gli Stati Uniti potevano attaccare un paese basandosi su un errato lavoro di intelligence».

ARMI CHIMICHE. Gli autori affermano anche che «i ribelli siriani avevano l’abilità per costruire queste armi», tesi confermata da più rapporti indipendenti. Ora le armi chimiche in possesso del regime siriano saranno distrutte dagli esperti dell’Onu. Tra le armi dichiarate dal governo non ci sono missili come quello rinvenuto a Ghouta e gli uomini dell’Onu, fino ad ora, non ne hanno trovati di simili.

MOLTI DUBBI. Il rapporto Onu sull’utilizzo di armi chimiche a Ghouta, a pochi chilometri da Damasco, aveva provato l’utilizzo di gas sarin nella zona e ne aveva attribuito la responsabilità, pur senza farlo esplicitamente, ad Assad. Il numero delle vittime non è stato accertato anche se secondo i ribelli sarebbero almeno 1.466.
Secondo diversi membri del Congresso americano le prove raccolte contro Assad sono molto deboli ed è stata anche messa in dubbio l’autenticità dei filmati che mostrerebbero le presunte vittime dell’attentato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download