Google+

Siria, Putin batte Obama tre a zero. «Al presidente Usa manca un piano. È contraddittorio e incerto»

settembre 13, 2013 Redazione

Ian Bremmer, esperto osservatore di Mosca, spiega perché la Casa Bianca non è riuscita a tenere testa al Cremlino. L’editoriale di Putin sul New York Times? «Il giro della vittoria»

«Vladimir Putin sta vincendo la partita siriana perché ha tutto ciò che manca a Barack Obama». È il succo dell’analisi fatta oggi alla Stampa da Ian Bremmer, presidente dell’Eurasia Group, centro studi molto apprezzato a Washington che realizza analisi su Mosca.

PUTIN VINCENTE. Il presidente russo ha tre cose che mancano a Obama: «Innanzitutto una strategia chiara che sta funzionando: perché vuole mantenere Bashar al-Assad al potere a Damasco e gli sta riuscendo assai bene». Inoltre, «Putin è l’unico leader a poter condizionare le mosse di Assad, che resta l’attore-chiave della crisi, come l’attuale partita sul disarmo chimico sta dimostrando». Infine, «ha il miglior ministro degli Esteri del G20: Sergei Lavrov».

«OBAMA CONTRADDITTORIO E INCERTO». La pecca principale del presidente Usa, invece, è «l’assenza di una vera strategia siriana. Obama ha voluto soprattutto evitare gli sviluppi indesiderati: dall’intervento militare al voto del Congresso. Anziché costruire un percorso in positivo ha avuto come priorità evitare degli ostacoli. Il risultato è stato di apparire in continua contraddizione, ambiguo, incerto».

L’EDITORIALE DELLA VITTORIA. La sconfitta di Obama è stata certificata oggi da un editoriale sul New York Times scritto dallo stesso Putin. Editoriale studiato, contiuna Bremmer, «per sottolineare che sta vincendo la partita siriana. È stato come fare il giro della vittoria attorno al campo da gioco dopo aver sconfitto il rivale più importante». L’editoriale «è stata una maniera per sottolineare il successo avuto» nella trattativa sul disarmo chimico di Assad, «uno show di forza».

L’ECCEZIONE AMERICANA. La parte migliore dell’articolo? Sicuramente quella «in cui delegittima l’eccezione americana. Putin sa bene che l’Unione Sovietica nel Novecento è stata la vittima più illustre dell’eccezione americana nella politica internazionale. (…) Dunque il suo intento è cancellare tale eccezione, azzerarla. Giocando, in maniera spregiudicata, la carta del “siamo tutti uguali davanti a Dio”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana