Google+

«Siria come la Libia? Solo sotto un aspetto: i cristiani dicano già addio alla libertà religiosa»

febbraio 2, 2012 Leone Grotti

Intervista a Luigi Geninazzi, inviato di Avvenire, che spiega a tempi.it la situazione in Siria e perché la Russia non mollerà Assad fino alla fine: «È l’unico alleato che gli rimanga in una zona geopolitica fondamentale come il Medio oriente. Il problema è che tra gli oppositori del regime ci sono salafiti armati e uomini di Al Qaeda. La guerra civile è già iniziata»

«La Siria non è la Libia: Gheddafi era un pazzo isolato, Assad invece no. Per questo la Russia non abbandonerà il dittatore e non accetterà mai la mozione dell’Onu, così come è stata proposta. Solo in una cosa Libia e Siria si assomigliano: le minoranze come i cristiani possono dire addio alla libertà religiosa». Si aggrava sempre di più la situazione di Damasco, come riassume in modo efficace a tempi.it l’inviato di Avvenire Luigi Geninazzi. Il numero delle vittime della “Primavera araba” siriana avrebbe ormai raggiunto le 5 mila unità, membri dell’esercito di Assad, anche generali, continuano a disertare e il Consiglio di sicurezza dell’Onu sta valutando una mozione che si basa sulla proposta avanzata dalla Lega Araba: Assad deve immediatamente cessare il fuoco, trasferire «tutta la sua autorità al suo vicepresidente in vista di cooperare interamente con il governo di unione nazionale» durante il periodo di transizione, in attesa di «elezioni libere e trasparenti» sotto supervisione «araba e internazionale».

La Russia si è opposta nettamente alla risoluzione Onu. Ha davvero paura di un intervento militare come avvenuto in Libia o c’è dell’altro sotto?
La Russia ha due motivi per sostenere fino all’ultimo Assad. Primo: Assad è l’unico alleato che gli rimanga in una zona geopolitica fondamentale come il Medio oriente. Tra di loro c’è un’alleanza solida: oltre alle forniture militari, bisogna ricordare che Mosca ha una base navale in Siria e un volume d’affari pari a 20 miliardi di dollari. Se cade Assad, la Russia non ha più voce in capitolo in Medio oriente, anche perché i rapporti con la Lega araba sono molto sfilacciati.

Il secondo motivo?
Putin tra un mese dovrà affrontare le elezioni. Ci sono forti contestazioni interne e vuole dare un segnale chiaro che la “Primavera russa” non potrà mai verificarsi. Quindi non può cedere sulla Siria come ha fatto sulla Libia. Gheddafi era un pazzo isolato, Assad invece è il perno di una strategia importante.

Quindi la risoluzione non passerà mai?
Se succederà, sarà molto annacquata.

Non c’è il rischio quindi di un intervento in Siria come in Libia?
No, la Nato non interverrà di sicuro. Resta l’ipotesi che la Lega araba possa inviare delle truppe ma è davvero improbabile. Anche perché la Siria non è la Libia, ci sono cento problemi in più. Con un intervento armato può saltare in aria tutta la zona perché l’Iran non resterebbe certo a guardare, per non parlare di Hezbollah in Libano. Invece, ad esempio, Gheddafi aveva solo l’appoggio dell’Unione africana, che si è subito squagliata come neve al sole.

La rivoluzione in Siria va avanti da 11 mesi. Perché l’Onu si è attivato solo ora?
Per due motivi. Prima di tutto perché la situazione si è aggravata molto. Le diserzioni da parte di membri dell’esercito di Assad sono sempre più numerose e ci sono almeno 5 mila morti sul campo. E poi perché la Lega araba è entrata in gioco. Prima ha inviato una squadra di osservatori, ma la missione è fallita. Ora provano la via dell’Onu. È da far notare che per la prima volta la Lega araba si trova d’accordo con l’Occidente. Capeggiata dal Qatar e dall’Arabia Saudita, pilastri sunniti, vuole farla finita con Assad e il suo regime alawita.

Da quel poco che filtra, qual è la situazione nel paese?
Le notizie sono sempre scarse, anche se adesso c’è qualche giornalista e c’è stata la missione della Lega Araba, che però ha visto davvero poco. Ad ogni modo, che il regime di Assad sia dittatoriale, di stile sovietico, non c’è dubbio.

Chi sono davvero i ribelli di Siria?
È difficile dirlo: l’opposizione al regime è cominciata da cittadini che si erano stancati di vivere sotto una dittatura, come in Libia. Ora l’opposizione armata però è molto variegata: ci sono semplici cittadini che hanno imbracciato le armi per difendere le proprie città, formazioni militari dei disertori, che ormai sono migliaia, le formazioni degli integralisti islamici salafiti finanziati dall’Arabia Saudita e, io credo, anche cellule terroristiche di Al Qaeda.

Scoppierà la guerra civile?
Tutto porta a dire che è già scoppiata.

Gheddafi è stato ucciso a ottobre. Quattro mesi dopo la Libia non è un paese pacificato. Avverrà lo stesso in Siria?
Assad è destinato a cadere, anche se non si può prevedere quando. Il problema è che le componenti inquietanti dell’opposizione sono sempre più forti. Come successo in Libia, anche qui gli integralisti sono armati e già vengono cantati slogan contro i cristiani e gli alawiti. Assad, sotto il suo regime, assicurava protezione a tutte le minoranze, compresa quella cristiana. È quasi una certezza che la libertà di queste minoranze religiose, alla caduta di Assad, scomparirà.
twitter: @LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Luigi Ashbacher scrive:

    I just want to tell you that I’m new to weblog and actually savored this page. Probably I’m going to bookmark your website . You definitely have wonderful well written articles. Thanks a bunch for sharing with us your web-site.

  2. de carolis filippo scrive:

    Una cosa e’ certa, ovunque arrivino i “liberatori” dalle “cristiane” Nazioni occidentali in Medio Oriente, le cose si complicano per i cristiani veri.Non e’ una coincidenza,purtroppo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana